• Il più grande catalogo d'Europa + 90.000 prodotti in vendita

  • Miglior negozio di vini online 2016 Oltre 100.000 clienti soddisfatti

  • Comprare vino online è rapido Negozio di vino e liquori con spedizioni a partire di 48 h

Vino Sierras de Málaga

Vedere tutti i prodotti in Vino Sierras de Málaga »

La Denominazione di Origine Sierras de Málaga comprende 67 comuni, situati in 4 diverse aree di produzione - Axarquía, Montes de Málaga, Norte e Manilva - e nella sottozona Serranía de Ronda.

Storia vinicola della D.O. Sierras de Málaga

La coltivazione della vite e la produzione di vino hanno una storia molto antica a Malaga. Furono i Fenici che nel IX secolo a.C. fondarono la colonia commerciale di "Malaka" e iniziarono la vitivinicoltura nella zona. Successivamente, questo tipo di agricoltura fu portata avanti dai popoli e dalle culture che si stabilirono nell'area: Romani, Bizantini, Visigoti, Cristiani e Musulmani. Il vino è, quindi, da sempre un prodotto chiave per la cultura e l'economia di Malaga e dintorni.

Durante il regno dei Re Cattolici (1482-1492), nel Sultanato di Granata, i "Signori della Vigna" si organizzarono in una confraternita - Hermanedad de Viñeros - per difendere i diritti dei produttori e dei commercianti di vino nei confronti della Corona. Secoli più tardi, nel 1776, venne fondato il Montepío de Socorro de Viñeros y Cosecheros de Málaga, un'organizzazione anch'essa nata con lo scopo di proteggere e regolamentare la produzione del vino. Nel 1806 fu fondata la Casa y Compañia de Comercio de Viñeros de Málaga, ideata appositamente con lo scopo di identificare eventuali truffatori e supervisionare la qualità del vino.

Nel 1900 venne elaborato il primo regolamento - Reglamento de la Asociación Greminal de Criadores-Exportadores de Málaga - dedicato agli esportatori dei vini, le cui merci dovevano riportare un sigillo certificante l'origine dei prodotti. Nel1935, lo stato approva il primo disciplinare della Denominazione di Origine di Malaga, fortemente richiesto dopo che la fillossera distrusse gran parte dei vigneti negli ultimi decenni dell'Ottocento.

I danni causati dalla fillossera (vigneti isolati, superfici coltivate ridotte, vitigni in pericolo) portarono, in realtà, a un risvolto positivo: i vignaioli, nelle loro cantine di piccola e media grandezza, iniziarono a produrre vini diversificati e con una grande attenzione per il dettaglio. Per questo motivo, nel 2000 venne riconosciuta anche la D.O. Sierras de Málaga.

Geografia della D.O. Sierras de Málaga

La D.O. Sierras de Málaga è caratterizzata dalla vicinanza con l'Oceano Atlantico e dalla sua topografia montagnosa. Le uve e i vini, quindi, vengono influenzati da un'insolazione molto elevata e da temperature moderate, con grandi differenze tra il giorno e la notte. I vigneti si trovano a altitudini diverse: dal livello del mare fino ai 1000 metri di altitudine.

Il clima è, in generale, di tipo mediterraneo, con estati secche, una media di precipitazioni ottima per la viticoltura e un alto numero di ore di sole. Nelle varie zone, però, proprio a causa della varietà dei paesaggi, si trovano mesoclimi diversi.

I suoli presentano un buon drenaggio e una fertilità medio-bassa, il che potenzia la concentrazione e la finezza dei vini.

I vitigni della D.O. Sierras de Málaga

Tra le varietà a bacca bianca ammesse nella D.O. Sierras de Málaga troviamo: Pedro Ximenez, Moscato di Alessandria, Moscatel Morisco (Moscato Bianco), Chardonnay, Macabeo, Colombard, Sauvignon Blanc, Lairen, Doradilla, Gewürztraminer, Riesling, Verdejo e Viognier.

Tra le varietà a bacca rossa, invece, rientrano: Romé, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah, Tempranillo, Garnacha, Cabernet Franc, Pinot Noir, Petit Verdot, Graciano, Malbec, Monastrell e Tintilla de Rota.

I vigneti di Malaga presentano delle caratteristiche piuttosto particolari. Verso gli anni '70 dell'Ottocento, la fillossera ridusse notevolmente la superficie coltivata, creando dei veri e propri "buchi" all'interno delle vigne. Ancora oggi, i vigneti hanno una superficie più o meno limitata e risultano isolati gli uni dagli altri. Questo fattore è oggi considerato positivo, in quanto ogni vigneto ha una propria tipicità.

I vini della D.O. Sierras de Málaga

Nella D.O. Sierras de Málaga si producono vini bianchi, rosati e rossi:

  • Vini bianchi: possono andare da un giallo paglierino con riflessi verdastri (vini più giovani) a un giallo oro (vini più vecchi); al naso risultano decisi e fruttati; anche nei vini invecchiati, i quali presentano anche profumi caratteristici dell'invecchiamento, si possono percepire note più leggere di frutta; in bocca, i vini giovani sono secchi, di buon corpo, equilibrati e freschi, mentre i vini vecchi sono più untuosi.
  • Vini rosati: il colore varia dal rosato al rossastro; al naso, i vini risultano fruttati e floreali; in bocca, si rivelano voluminosi ed equilibrati, sia che siano più secchi o più dolci.
  • Vini rossi: la colorazione varia dal rosso-viola al rosso rubino; nei vini più vecchi si possono notare riflessi color tegola; al naso risultano franchi e fruttati, e i vini invecchiati rivelano una certa complessità e aromi tipici dell'invecchiamento; in bocca sono vini con un buon volume e una bella struttura, armoniosi, con tannini maturi, persistenti, untuosi e concentrati.

In base all'invecchiamento, questi vini si classificano come:

  • Crianza: invecchiamento minimo di due anni, di cui 6 mesi in botti di rovere.
  • Reserva: invecchiamento minimo di tre anni, di cui 12 mesi in botti di rovere.
  • Gran reserva: invecchiamento minimo di cinque anni, di cui 24 mesi in botti di rovere e 36 mesi in bottiglia.
  • Gran Reserva di bianchi e rosati: invecchiamento minimo di cinque anni, di cui almeno 6 mesi in botti di rovere.

Comprare Vini di Sierras de Málaga on-line.

Vedi altro

Uvinum ti raccomanda

Vino Sierras de Málaga: Più venduti

Vino Sierras De Málaga: rosso

Vino Sierras De Málaga: bianco

Vino Sierras De Málaga: spumanti

Vino Sierras De Málaga: rosato

Robert ParkerRobert Parker

Vino Sierras De Málaga: Punteggio di Robert Parker