• Il più grande catalogo d'Europa + 90.000 prodotti in vendita

  • Miglior negozio di vini online 2016 Oltre 100.000 clienti soddisfatti

  • Comprare vino online è rapido Negozio di vino e liquori con spedizioni a partire di 48 h

Denominazioni

Francia

La produzione di vino in Francia è uno delle più disparate del pianeta intero, principalmente a causa delle disparità climatiche e geografiche di alcune regioni. La vinificazione francese si svolge in 8 diverse aree, quelle quelle di Champagne, Alsazia, Borgogna, Loira, Bordeaux, il sud-ovest della Francia e l'influenza del Mediterraneo.

Francia arriva a produrre circa 60 milioni di ettolitri di vino da 800.000 ettari di vigneto in tutto il paese. La qualità di questi vini è caratterizzata da 2 aspetti molto importanti, il terroir e la denominazione d'origine.

I vitigni cresciuti in Francia, originari di questa terra e poi esteso a tutto il mondo sono il Chardonnay, il Cabernet Sauvignon, il Syrah, il Pinot Noir e Sauvignon Blanc. Oggi tutti sono tra i più importanti in molti vigneti di qualità.

Italia

I vigneti italiani sono tra i più antichi del mondo. L'Italia è uno dei leader nella produzione di vino con una grande varietà di vini che scaturisce dalla sua geografia molto montuosa.

I vitigni coltivati ​​e utilizzati nei vini d'Italia sono quasi infiniti. Così tra i rossi ci sono lo Zinfandel, il Dolcetto, il Nebbiolo, Bonarda piemontese, il Pinot Nero Marcemino o bianco all'interno, nomi come ceppi di Trebbiano, Cortese, la Vernaccia di San Gimignano o Riesling Italico.

In Italia esistono 18 regioni vinicole, tutte di grande fama e di reputazione internazionale, come il Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio e Campania.

Spagna

I vini di Spagna hanno la loro origine nella costa sud-ovest dell'Andalusia. Per secoli, la Spagna aveva solo 2 regioni principali: Jerez (la più antica) e Rioja. Oggi la situazione è completamente cambiato i vini ad essere molto importante sia per la sua potenza economica come la sua posizione di leadership come primo produttore mondiale di vino.

La coltivazione di vini provenienti da Spagna e l'incorporazione di nuove tecnologie nella vinificazione ha permesso di aumentare la loro vini di qualità spagnoli nel corso degli anni. Grazie a diversi climi e terreni, la Spagna ha le condizioni ideali per crescere vitigni autoctoni quali Albariño, il Tempranillo e Garnacha famoso in tutto il mondo.

Questo è stato possibile grazie alla crescita e al prestigio di grandi cantine spagnoli come Osborne, Enate, Pesquera, Vega Sicilia, Protos, Torres, Cune (CVNE) o Marques de Caceres. Infine, le denominazioni di origine hanno riaffermato il loro riconoscimento a livello mondiale come Rioja, Ribera del Duero o Priorat.

In Spagna, 1,15 milioni di ettari coltivati ​​distribuite in 17 regioni in cui ci sono i vini rossi, bianchi, rosati, spumanti, da dessert o un ago. La Spagna ha anche i vigneti più ampia rispetto a qualsiasi altro paese in Europa.

La Spagna è sinonimo di vino e gastronomia.

Portogallo

I vini del Portogallo, che è la sesta più grande azienda nella classifica del mondo, occupano il terzo posto nei vini fortificati. Una delle sue caratteristiche principali è la guida dei ceppi cuscinetto alta, al fine di evitare il rischio di muffa, soprattutto al nord.

I vini del Portogallo sono in un clima ideale per la coltivazione della vite. Nella metà nord del paese vino è piovoso, con l'eccezione del Douro Alto, dove l'estate è lunga, soleggiato e caldo.

Vini portoghesi sono classificati come segue, tenendo conto della produzione, sistemi di elaborazione e il tipo di brodo. Così abbiamo il vino verde con un giovane aria fresca e frizzante, vino maturo, prodotto e invecchiato con il sistema normale e corrente, e, infine, il vino rosa.

Germania

Per quanto riguarda i vini della Germania, i vigneti tedeschi sono situati a nord fino consentito dal periodo di maturazione delle uve in inadatti per l'agricoltura normale terra. Nella miscela tedesco vigna l'essenza delle uve e del terreno, formando a basso tenore alcolico dei vini e leggero di corpo, con sfumature di sapore e avvolto in un profumo intenso.

I vini della Germania sono nati del Reno e dei suoi affluenti, l'anello di congiunzione tra il paese di 11 regioni del vino. I vigneti si estendono dal confine svizzero, a sud di Bonn, nel nord, attraverso Schloss Johannisberg nel Rheingau. I migliori vigneti si trovano al nord non oltre 160 metri sul livello del mare.

Vini tedeschi tendono ad essere equilibrata, l'aroma dipende dal suolo, la varietà dei vigneti e delle uve. Ne consegue l'importanza di altezza e l'angolo dei vigneti, così come il drenaggio fornito dalla presenza di scisti e di varietà molto aromatico, come il Riesling.

Sud Africa

Vini del Sud Africa sono su un terreno vicino le condizioni ideali per la viticoltura. I vigneti crescono in paesaggi di grandi contrasti, con montagne grigie e blu che penetrano in profondità valli verdi in estate e rosso fuoco in autunno. Il suo clima mediterraneo, con piogge invernali e lunghe estati secche, temperato dalle brezze marine.

La gamma di vini dal Sud Africa è molto ampia, che vanno da come porto o sherry, vini dolci da dessert a robusti vini rossi e aromatici luce bianca o la gioventù e l'educazione, per non parlare di vini spumanti e liquori.

I vigneti del Sud Africa è del 75% dedicato ai vitigni a bacca bianca come lo Chenin, Moscato, Chardonnay, l'Ugni Blanc, Riesling renano e Riesling del Sud Africa. Le varietà rosse sono per lo più il Pinotage, il Cinsault, Syrah, Alicante Bouschet o Tinta Barroca.

Cile

La produzione di vino in Cile ha una lunga tradizione. Da quei primi giorni della forte influenza dei costumi spagnoli, la produzione del vino cileno si è consolidata, alla sua attuale posizione di riferimento a livello mondiale tra i migliori vini del Nuovo Mondo.

I migliori vini del Cile sono principalmente nelle valli della Cina centrale. Le valli di Casablanca, Maipo, Maule, di Curico, Rapel e Colchagua, in cui ci sono le varietà di uve francesi, ma con miglioramenti sia nelle tecniche di assemblaggio e maturazione.

I vini del Cile presume che appartengono l'unico posto dove si trova il vitigno Carmenere, considerata estinta fino al 1990, quando fu riscoperto. Tra i vini rossi, offrendo varietà Cabernet Sauvignon, Merlot e Carmenere, Cabernet Franc uva, Syrah, Malbec e Pinot Noir. Se guardiamo a vini bianchi, i nomi dei vitigni sono lo Chardonnay, Sauvignon Blanc e Semillon, comprese le uve, sono le dominanti Colombard e Chardonnay.

Australia

I vini d'Australia hanno conosciuto uno sviluppo spettacolare negli ultimi anni. Negli ultimi 15-20 anni, le esportazioni sono cresciute a 350 milioni di litri e il numero di cantine ha raggiunto il 1.350. Inoltre, l'Australia è volto a cantine in doppia cifra nel prossimo decennio.

L'industria del vino dell'Australia stanno cercando di sfruttare le nuove tecnologie e flessibilità. Non ci sono denominazioni di origine e le cantine sono in grado di produrre vini diversi e varietà, mantenendo un unico comando geografica su di loro.

I vini australiani sono coltivati ​​soprattutto nel sud-est dell'isola, dove c'è un clima mediterraneo, simile ma leggermente più lunghi autunni. Questo aumenta il periodo di maturazione delle uve, dando vini più corpo e gradazione alcolica dei vini tipicamente mediterraneo.

In Australia, il vino proviene da vigneti di Francia con varietà di portinnesti americani. Così, tra le varietà bianche troviamo lo Chardonnay, Moscato, Semillon, Riesling e Sauvignon Blanc. Tra i rossi, classico, con Shiraz, Cabernet Sauvignon, Merlot, Pinot Nero e Mourvèdre.

Argentina

I vini dell'Argentina e della sua storia hanno un breve tour nel paese. L'invecchiamento del vino, come la intendiamo noi in questi giorni, non va oltre 10 anni, ma lo sviluppo spettacolare che ha avuto fino ad ora permette ai coltivatori di essere molto orgoglioso dei risultati raggiunti e, soprattutto, così le promesse future.

Argentina vini si trovano in un'ampia regione di più di 2.400 miglia che si trova ai piedi delle Ande, dalla provincia di Salta verso il fiume Nera, una zona con una combinazione di giorni di grande ampiezza e il clima soleggiato favorire una buona maturazione delle uve.

La varietà di vini provenienti da Argentina copre una vasta gamma. Siamo varietà rosse come il Cabernet Sauvignon, Malbec, Syrah, Tempranillo, Merlot e Pinot Nero, e tra i bianchi, Chardonnay, Torrontes, Sauvignon Blanc, Semillon, Riesling e Viognier.

Stati Uniti

Vini americani sono prodotti quasi tutti dei suoi stati, che occupa il 4 ° posto tra i produttori di vino leader a livello mondiale dopo la Francia, Italia e Spagna. Tra tutti gli stati, la California è il principale esponente del settore vino del paese, seguita da Washington, Oregon e New York.

Vini americani nei vigneti si estendono lungo più di 4.500 km2, le principali regioni di produzione, la West Coast, le Montagne Rocciose, la Southwest, Midwest, East Coast e la Regione dei Grandi Laghi.

Per il vino degli Stati Uniti funziona con 3 tipi di ceppi, suddivisi per categoria di provenienza. Vitis vinifera, di origine europea, come Zinfandel, Cabernet Sauvignon, Carignan, Grenache, Barbera e Merlot, tra i rossi, e Colombard, lo Chardonnay per i bianchi o Semillon. Il 2 ° gruppo è costituito da ceppi indigeni, come missione, Catawba o Vitis labrusca. Il 3 ° ed ultimo è composto di nuove varietà prodotto mediante incroci e innesti.

Nuova Zelanda

Nuova Zelanda vini stelle in uno dei successi più importanti nel panorama enologico internazionale. I vigneti sono più numerosi nell'isola del nord, ma è nel South Island dove si producono grandi vini bianchi di "Vendemmia tardiva" con il Riesling.

La produzione di vino in Nuova Zelanda, alla ricerca della loro posizione in un mercato grande come quello del vino, ha cercato di seguire la road map segnata da vicino l'Australia la sua. Cioè, andare per i vini morbidi, più ricercati di oggi, basato su nuove tecnologie di produzione e per le cantine.

Le principali varietà di uve coltivate per la Nuova Zelanda i vini sono bianchi Breidecker luglio Muscat, Planet, Chardonnay, Müller-Thurgau, lo Chenin Blanc, Riesling, Moscato, Sauvignon Blanc, Semillon, Palomino e Gewürztraminer. Per le varietà rosse sono preferite Cabernet Sauvignon, Gamay, Pinot Nero, Merlot e Pinotage.

Grecia

Per i vini della Grecia, vigneti greci hanno una lunga tradizione, molti dei quali databili tra l'Xi e il XIII secolo d'allevamento tanto come oggi, con i ceppi allineati in file parallele. La potatura viene fatta in modi diversi, a seconda del, suolo ceppi e il vento.

I vigneti più giovani si sviluppano su circa 8.000 ettari, che evidenzia la ricchezza di qualità ceppi indigeni, sopravvissuti fino ad oggi con gli stessi nomi. Queste varietà sono state coltivate da tempo al riparo dal clima mediterraneo tradizionale in Grecia, uno dei migliori per i vigneti di qualità e personalità, come sostiene la nazione ellenica.

Le varietà coltivate per il vino dalla Grecia raggiungono più di 300, evidenziando, tra cui Liatiko, Fotsifali, Mavoudi, Amorgiano, Athiri, Negoska, Trani Moscato, Moscato, Moscato d'Alessandria e White, Limni, Monemvassia e Aidani.

United Kingdom

I vini nel Regno Unito, che è un produttore modesto, sono soprattutto bianchi provenienti da ibridi e diversi incroci. I vigneti si trovano a sud della linea tra Birmingham e Norwich, concentrata su pendii con est e sud dell'Inghilterra. In questo territorio l'azione di regolamentazione della Corrente del Golfo ammorbidisce i rigori del clima britannico.

Vini nel Regno Unito sono considerati nell'Unione europea, come Wine Country. Legge britannica stabilisce i diversi tipi di vino in relazione alla loro origine, ottenendo il meglio, una distinzione degli inglesi viticoltura Association.

I vini del Regno Unito sono considerati, nell'Unione Europea, come vini del paese. La legislazione britannica stabilisce i vari tipi di vino a seconda della procedenza, ottenendo i migliori secondo i criteri della English Viticultural Association.

India

Viticoltura in India ha una lunga storia. Gli esperti lo fanno risalire alla civiltà della valle dell'Indo. Ma il divieto di alcol dovuto l'edizione di religione e opinione pubblica ha limitato la sua crescita.

Ma poiché la appartition di una classe media, vinificazione in India sta crescendo di nuovo dalla fine degli anni 1980 e all'inizio del 1990 a causa della globalizzazione e misure economiche liberali.

Ma, lascia la faccia esso, della viticoltura è quasi zero in India oggi. Whisky è la bevanda preferita di conoscitori indiani. Ma, l'economia del vino sta emergendo, sia produrre e consumare.



Uvinum también está disponible en tu idioma. Acceder a Uvinum en Español. » Cerrar [x]