Tag: whisky

Cocktail ispirati allo scrittore Roald Dahl

 TAGS:undefinedUn ristorante di Londra chiamato Rocket ha lanciato alla vendita 4 cocktail ispirati a diversi romanzi del famoso scrittore britannico Roald Dahl. Così, approfittando la ricorrenza del giorno internazionale del libro, vogliamo condividere con voi questi fantastici cocktail.

Mr. Fox

Il Mr. Fox è un cocktail ispirato al romanzo Fantastic Mr. Fox del 1968. Esso è composto da vodka ?ubrówka, liquore di sambuco St Germain, carota, limone e succo di mela.

The Witches

Nel frattempo, The Witches è il secondo cocktail, ispirato al romanzo pubblicato nel 1983. La sua preparazione prevede del rum Havana Club, del rum Koko Kanu cocco,  liquore di crema di more, mirtilli e succo di limone.

Marvelous Medicine

I fan del Marvelous Medicine, opera di questo straordinario scrittore, possono godere di questa opzione dal colore blu lucido e fatto con Whitley Neill gin, Blue Curacao, liquore di pesca, succo di limone e sciroppo semplice.

Charlie e la fabbrica di cioccolato

E, infine, il quarto cocktail si ispira niente di meno che a Charlie e la fabbrica di cioccolato. Per questo dolce e delizioso cocktail si mischia Chivas Regal, rum El Dorado, del liquore Mozart al cioccolato e del gelato al cioccolato.

L’iniziativa fa parte di una collaborazione con il Broadgate Circle a sostegno della sua campagna di primavera “Literary Greats”. Il Broadgate Circle è un circolo formato a Londra che riunisce ristoranti, caffè, bar, venditori ambulanti di cibo e palestre dove si può mangiare e trascorrere momenti rilassati che ha aderito al trend dei cocktail ispirati alle storie narrative.

Quindi, lo sapete, se siete in giro per Londra non perdete l’occasione di visitare uno di questi bar per lasciarvi sedurre dalle loro libagioni letterarie. Inoltre, anche se al volo, sono cocktail che potrete fare anche a casa vostra. 

7 falsi miti sul whisky

 TAGS:undefinedIl whisky è probabilmente il distillato per eccellenza, sul quale si accumulano più chiacchiere e anche idee sbagliate. Dissipare alcune idee preconcette su questa bevanda mitica vi aiuterà a godere ancora di più del suo sapore

1. È necessario berlo puro

Se si capisce che il whisky è di quaranta gradi di alcol, si può anche capire perché è necessario aggiungere un po’ d’acqua per berlo: dopo più di tre bicchieri, però, le papille gustative sono intorpidite e fanno perdere il gusto del whisky.

Non tutti i whisky devono essere consumato senza ghiaccio e questo dipende da come il liquore è invecchiato. Ci sono whisky affumicati, potenti nel sapore e l’aroma, il che rende necessario mettere un cubetto di ghiaccio in modo per essere degustato al meglio.

2. Più è caro, migliore sarà

Il miglior consiglio è quello di provare tutti i whisky a disposizione e selezionare quelli che più ti piacciono.

Più invecchia, più costoso è il whisky, ma questo non significa che è l’unica cosa che segnali la qualità, dal momento che esistono whisky ottimi in piccole botti. Ci sono bevande che sono invecchiate poche molto buone, ed è solament una questione di sapere come scegliere il whisky.

3. Bisogna berlo rapidamente

Per godere del whisky non è necessario prenderlo in grandi quantità o molto velocemente. A differenza di tequila o rum, il whisky deve essere bevuto lentamente per essere assaporato.

4. Non deve essere preso in bicchieri

Anche se ad alcune persone possa sembrare strano bere whisky senza ghiaccio nei bicchieri, gli scozzesi da anni lo bevono nelQuaich (ciotola vuota con due manici, di solito in argento, alluminio o legno).

5. Il whisky serve per riscaldarsi

In Colombia, per esempio, è consuetudine bere whisky per rinfrescarsi, mentre in Scozia, per riscaldarsi. Si tratta di una scelta personale, una questione di gusto.

6. Il buon whisky causa sbornia

Il whisky a buon mercato ha la stessa gradazione d’ alcool di quello costoso. Ma se si aggiungono iperattività, stanchezza fisica, disidratazione, eccitazione mentale e una bevuta troppa rapida dopo una cattiva alimentazione, in quel caso si che può provocare sbornia.

Se il whisky si prende mentre si mangia o nel corso di una conversazione, l’aspirazione non è così elevata. Tuttavia non vi sono differenze tra whisky single malt e miscele (ossia quelle tra malto e altri cereali). Chimicamente si è constatato che i single malt danno meno sbornia, in quanto contengono meno concentrazione di zuccheri.

7. Non si possono fare abbinamenti con il whisky

L’abbinamento con il whisky è diverso da quello del vino, ma non è impossibile. Se si tratta di un whisky di 12 anni dolce, fruttato o fresco con tracce di mandorla, potrebbe andare bene con i sapori freschi del ceviche, della tartara di tonno o del polpo alla griglia. Per gli abbinamenti tra whisky e cibo, alcuni sommelier suggeriscono di prenderlo con un po’ d’acqua o di ghiaccio.

 TAGS:Nikka From The Barrel 50clNikka From The Barrel 50cl

Nikka From The Barrel 50cl: whisky giapponese prende Miyagiko grano e malto distilleria Yoichi rendendole il perfetto rappresentante dello stile di whisky giapponese.

 

 

 TAGS:Hibiki 12 AnniHibiki 12 Anni

Hibiki 12 Anni: morbido come una palla da biliardo, con delizioso grano fresco, tannini di quercia e di malto delicato. Alcuni sentori di buccia di chiodi di garofano, pepe e misti, sherry è avanti.

 

 

I 6 abbinamenti migliori per il whisky

 TAGS:undefined

Ti piace il whisky? Vuoi sapere come abbinare il whisky? Se le tue risposte sono affermative, non perderti nessuna delle proposte per i migliori abbinamenti con il whisky scozzese. Speriamo che ti piacciano!  

  1. Salmone. Se si desidera combinare il whisky con del salmone affumicato, una proposta interessante sono i whisky leggeri con un tocco leggermente dolce e aspri, che aiutano a ridurre il grasso di pesce e danno più, come un Auchentoshan Glengoyne di 12 anni o di 10 anni. Per il salmone affumicato è meglio evitare un whisky troppo dolce, piccante e fumoso.
  2. Carne di maiale. Per piatti a base di carne di maiale, si raccomanda un whisky leggero, dal corpo molle, con sapore intenso, che da un equilibrio al sapore forte e salato della carne. Il whisky stagionato Clynelish 14 anni, proveniente dalla Highlands, potrebbe essere una buona scelta.
  3. Haggis. L’haggis è il piatto per eccellenza della Scozia ed è composto da carne, spezie e farina d’avena. Neeps e tatties sono accompagnati da rape e patate e per questo piatto il whisky perfetto è quello maturato in botti di Jere, che ben completano il gusto complesso e speziato dello haggis. Un buon candidato è il Bowmore di 12 anni, o il Grouse.
  4. Carne di manzo. Per questa carne sono consigliati i whisky al malto Speyside, come è il caso del Dalmore 15 anni o del robusto Glenfiddich Rich Oak, che è piccante. Entrambi si adattano alle caratteristiche di questo piatto, esaltando i sapori della carne.
  5. Formaggio blu. Una combinazione interessante è il formaggio blu con un whisky di 16 anni Lagavullin potente, fumoso e dolce.
  6. Cioccolato. Per molti, la combinazione tra cioccolato e whisky è perfetta. Si può provare a combinare dolci al cioccolato con alcuni whisky Glenmorangie Signet, le cui note di frutta scura, caramello, zenzero e cannella stanno incredibilmente bene con il gusto del cioccolato.

Tra l’altro, un ultimo consiglio: Quando si tratta di abbinamento con il cibo, è meglio prendere il whisky da puro, senza alterarne il gusto con l’acqua.

 TAGS:Bowmore 12 YearsBowmore 12 Years

Bowmore 12 Years: complesso e con un equilibrio perfetto, Bowmore 12 anni riflette l’essenza della distilleria Bowmore, formata da un paesaggio di onde intense ed incessanti, dal vento e da una tradizione che è tramandata da generazioni.

 

 

 TAGS:Isle Of Jura SuperstitionIsle Of Jura Superstition

Isle Of Jura Superstition: Isle Of Jura Superstition è una grande alternativa per gli appassionati di Islay, con packaging attraente pure.

 

 

 * Foto: Everjean

Abbinamenti infallibile per il salmone affumicato

 TAGS:undefinedQuando pensiamo all’abbinamento col salmone, la prima opzione è di solito lo spumante o lo champagne. Tuttavia, ci sono molti altri accoppiamenti possibili col salmone. Con vino, birra o liquori o altre bevande: è solo una questione di mettere da parte le abitudini ed avere il coraggio di provare qualcosa di nuovo.

Vini

  1. Sancerre, Pouilly-Fumé e altri Sauvignon della Loira: la mineralità ultra secca di questi vini, con i loro delicati sapori di ribes, è perfetta per il salmone affumicato. Altri Sauvignon possono anche funzionare finché non sanno troppo di erba.
  2. Chablis: soprattutto i novelli,che non sanno di legno ed hanno l’acidità giusta per compensare il grasso in eccesso del salmone affumicato. Gli Chardonnay più ricchi si sposano bene con salmone affumicato a caldo.
  3. Riesling: vini giovani tedeschi come Kabinett, con i suoi intensi ricordi di mela verde, si combinano particolarmente bene. Anche i vini novelli alsaziani e australiani da uve Riesling possono essere una buona scelta.
  4. Gewurztraminer. Il Gewurztraminer e salmone affumicato sono un’ottima accoppiata. Provare per credere.
  5. Jerez secco con toni camomilla. Se ti piace lo Jérez secco, questa opzione per l’accoppiamento salmone affumicato è per te. Il sapore salato e piccante di questo vino è perfetto se aperto da poco e servito freddo.

Birre e liquori

  1. Birra Pilsner ceca o tedesca. La freschezza e il leggero sapore amaro di una pils è perfetta per abbinarsi al vostro piatto di salmone affumicato.
  2. Weissbier o birra di frumento. Le birre “bianche” vanno con la maggior parte dei tipi esistenti di frutti di mare, oltre al pesce affumicato. Un’opzione più fresca che sarà grande nei pasti futuri.
  3. Whisky di malto. Non può essere il primo accoppiamento di salmone affumicato che viene in mente, ma può essere un buon vino per servire un salmone affumicato in maniera estemoranea. Scegli un whisky di malto leggere se il sapore del salmone è morbido, scegli un Islay whisky se il sapore è pronunciato.
  4. Aquavite. E ‘un distillato dalle caratteristiche aromatiche dei paesi nordici, ossia una scelta molto originale da portare con salmone. Il suo aroma di coriandolo lo rendono un partner ideale per il gusto di questo pesce.
  5. Vodka. La buona vodka di Polonia può funzionare a meraviglia col freddo. Con questa combinazione, si arriva a dare una piega inaspettata alla vostra serata.

 TAGS:Grand Régnard 2012Grand Régnard 2012

Grand Régnard 2012: un vino bianco con DO Chablis il cui mosto contiene chardonnay de 2012

 

 

 TAGS:Vodka DruideVodka Druide

Vodka Druide: Distillato dai migliori chicchi di grano e acqua di sorgente Dorset Clerkenwell

 

 

9 Whisky che dovresti provare per Natale

 TAGS:undefinedCi sono pochi piaceri paragonabili a un sorso di vero whisky. Ti proponiamo una selezione dei migliori affinché tu possa regalarlo o tenerlo in casa per berlo con tempo, tranquillità e la miglior compagnia durante questo Natale. Sicuramente farai centro.

 TAGS:Talisker 10 YearsTalisker 10 Years

Talisker 10 Years: Soave con una gradevole persistenza, un calice di questo Talisker 10 anni può rappresentare il piacevole culmine di una giornata gradevole.

 

 

 TAGS:The Yamazaki 12 YearsThe Yamazaki 12 Years

The Yamazaki 12 Years: The Yamazaki 12 Years a vari pregi, grazie alla produzione in una delle distillerie più antiche del Giappone e al processo di elaborazione curato e artigianale.

 

 

 TAGS:Benriach 12 years Sherry WoodBenriach 12 years Sherry Wood

Benriach 12 years Sherry Wood: Single Malt Scotch Whisky, ricco e aromatico, nasce dall’unione di whisky maturati in barili di Sherry Oloroso e di Pedro Ximenez provenienti da Jerez, nel Sud della Spagna.

 

 

 TAGS:Chivas Regal 12 YearsChivas Regal 12 Years

Chivas Regal 12 Years:  i migliori whisky di malto e grano in Speyside, nel cuore della Scozia.

 

 

 TAGS:Jameson 1LJameson 1L

Jameson 1L: Triple distillato dai migliori orzo irlandese e pura acqua di fonte e poi affinato in botti di rovere, Jameson Whiskey irlandese porta il timbro di qualità che ha reso il più venduto whiskey irlandese in tutto il mondo. 

 

 

 TAGS:The Macallan Fine Oak 12 YearsThe Macallan Fine Oak 12 Years

The Macallan Fine Oak 12 Years: Pungente, pieno di personalità, 

 

 

 TAGS:Johnnie Walker Double BlackJohnnie Walker Double Black

Johnnie Walker Double Black: Dolcezza cremosa , sentori di legno morbido fumo , burro salato , panna e chicchi di cereali. Il finale è di buona lunghezza, con note dolci di malto, cotto, affumicato pepe nero.

 

 

 TAGS:Laphoraig 10 yearsLaphoraig 10 years

Laphoraig 10 years:  potente e complesso whisky distillato sulla remota isola di Islay, costa occidentale della Scozia. 

 

 

 TAGS:Dalwhinnie 15 YearsDalwhinnie 15 Years

Dalwhinnie 15 Years:  Liscio e piccante, questo whisky presenta un profumo intenso e sentori di erica e torba.

 

*Photo: Joshua Rappeneker

Digestivi che ti aiuteranno dopo pranzi copiosi

 TAGS:undefined

Ora che Natale, Capodanno e Befana si avvicinano, ecco che arrivano gli abbondanti pasti in famiglia: è dunque il momento di recuperare il tempo perduto con i parenti che vediamo meno di quanto vorremmo, avendo quindi la possibilità di cenare con i propri cari, senza la fretta della vita quotidiana.

Se è vero che Uvinum ha da sempre raccomandato il consumo di alcol moderato e responsabile, bisogna anche prendere in considerazione che i liquori  dal basso contenuto alcolico favoriscono la digestione, stimolando anche la secrezione gastrica, che è qualcosa di noto da secoli. Non sorprende i primi liquori digestivi che sono sopravvissuti fino ad oggi appaiano in monasteri e abbazie del Medioevo.

Oggi c’è chi ama il sapore del whisky distillato di vinacce, grappa o brandy dopo un pasto abbondante, ma per il dopo cena i liquori a base di erbe possono essere più desiderabili, dato che generalmente hanno meno alcol e maggiori proprietà digestive. Qui vi forniamo alcuni esempi:

  • Amaretto: Questo liquore di mandorla e albicocca proviene da Saronno (Italia) e comprende tra i suoi ingredienti bacche ed erbe.
  • Bénedectine: liquore alle erbe francese a base di 27 diverse piante e spezie. Come suggerisce il nome, è originario di dell’abbazia benedettina di Fécamp, in Normandia.
  • Cointreau: proveniente dalla distillazione di diverse varietà di arance, con aggiunta di spezie. È molto utilizzato anche per la preparazione di numerosi cocktail.
  • Drambuie: liquore scozzese a base di whisky, miele di erica, erbe aromatiche, zafferano e noce moscata, creato appositamente per il principe Carlo Stuart d’Inghilterra e Scozia nel XVIII secolo.
  • Pacharán: un popolare digestivo spagnolo, dalla Navarra, che si ottiene dalla macerazione di prugne nel liquore di anice.

E voi che liquore preferite per il dopo cena?

 TAGS:Disaronno AmarettoDisaronno Amaretto

Disaronno Amaretto

 

 

 TAGS:CointreauCointreau

Cointreau

 

 

Come scegliere un whisky da regalare?

 TAGS:undefined

Se non sai cosa regalare durante queste feste, scegliere una bevanda è una delle migliori opzioni. Se il festeggiato è amante del whisky, allora è facile perché di sicuro sarà impaziente di dare questo dono.

Ora per scegliere un buon whisky bisogna tenere in mente una serie di parametri, tra i quali l’origine, la storia, il marchio. Inoltre si deve guardare se è molto raffinato e se si sposa con la personalità della persona alla quale lo si regala Per essere di qualità non si deve cadere nell’errore di acquistare una bottiglia di basso livello, bensì bisogna puntare su un whisky con aromi di legno o frutta, e non solo alcol.

Per questo scopo bisogna rivolgersi direttamente alla persona che vende o sa leggere correttamente le etichette. Si consiglia di andare in un posto specializzato in distillati,che sono gestiti da persone che conoscono bene gli stessi e possono dare suggerimenti sui whisky in questione.

Quando siamo guidati dai parametri di età, dobbiamo considerare che il single malt stabilisce l’età secondo gli anni in cui il whisky è stato in botte, mentre se il whisky è di malto, l’età indica il più giovane della miscela.

Se compriamo uno scotch, probabilmente faremo il miglior colpo, ma il prezzo è leggermente più alto. Mentre se vogliamo un whisky più alcolico dobbiamo sapere che si può avere oltre 43 gradi. Anche se crediamo che il prezzo ci darà grande fiducia, non è sempre così, ed è meglio prendere in considerazione l’opzione di un’ edizione limitata, con età superiore e molto più pura di altre.

L’origine di questa bevanda è anche un buon parametro perché ci dirà molto sulle sue origine e sui paesi in cui è stata prodotta. Se bisogna spendere soldi, meglio provare prima.

 TAGS:Aberfeldy 21 YearsAberfeldy 21 Years

Aberfeldy 21 Years

 

 

 TAGS:Lagavulin 16 AnniLagavulin 16 Anni

Lagavulin 16 Anni

 

 

*Foto: Fabrizio Sciami

Il Whisky va nello spazio

 TAGS:undefinedLa famosa marca di whisky Suntory e principale produttore giapponese di questa bevanda vuole iniziare gli studi per raggiungere l’età del distillato senza gravità, al fine di ottenere una bevanda più liscia.

Suntory ritiene possibile che, in assenza di gravità nello spazio le molecole di acqua ed alcool verrebbero più facilmente congiunte, dando così come risultato un whisky dal gusto più lieve. 

Così, il principale produttore giapponese ha inviato lo scorso 16 agosto 5 tipi dei loro whisky alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per studiare come invecchiano in assenza di gravità.

Il lancio è avvenuto presso il Centro spaziale di Tanegashima, che si trova nel sud-ovest del paese. I campioni sono arrivati a bordo del cargo con pilota automatico HTV5 giapponese, chiamato anche “Konotori 5” (Cicogna bianca), con 4,5 tonnellate di forniture varie.

Questo esperimento è stato condotto in collaborazione con l’agenzia spaziale giapponese (JAXA) tramite il modulo sperimentale giapponese della Stazione Spaziale Internazionale è stato soprannominato Kibo.

Il test della Suntory prevedeva la divisione in due gruppi sperimentali di distillati in condizioni di assenza di gravità, ma in periodi di tempo diversi. Un gruppo tornerà sulla Terra nel mese di settembre 2016, e l’altro trascorrerà almeno due anni nello spazio, secondo la pubblicazione The Spirit Business.

In ciascun gruppo, i diversi campioni di varie bevande alcoliche sono stati memorizzati nella stazione spaziale, mentre un’altra serie identica verrà memorizzata in Giappone durante lo stesso periodo di tempo. Pertanto, esse possono confrontare gli effetti del medio ambiente alla scadenza dell’esperimento. “Anche se i ricercatori hanno preso in considerazione una serie di scienziati per chiarire il meccanismo alla base di questo processo non si ha ancora un quadro completo di come ciò avvenga”, ha detto il gruppo.

Tra whisky inviati alla ISS si trovano campioni di 10, 18 e 21 anni, così come distillati che non sono stati precedentemente sottoposti al processo di invecchiamento.

Suntory ha detto che i distillati invecchiati nello spazio non saranno venduti al pubblico, dato che l’obiettivo è sperimentale.

Il whisky canadese, da normale… a molto migliore

 TAGS:undefinedAnche se nella nostra serie di viaggio abbiamo parlato soprattutto di vino, oggi si parla di whisky, in questo caso di quello prodotto in Canada. Tradizionalmente si dice che i whisky canadesi non hanno una qualità elevata, ma ora questa tendenza sembra essere cambiata, grazie ai nuovi trattamenti

In precedenza il whisky canadese era stato percepito da molti come qualcosa di cattivo gusto, tanto da essere chiamato “vodka marrone“. Questo è in parte a causa delle regole della loro produzione, come ad esempio quelle che vogliano l’utilizzo di segale proveniente dal mais. 

Ma, come abbiamo annunciato, gli attuali trattamenti sviluppati basati in stagionature in botte di rovere di whisky e una struttura veramente complessa stanno facendo cambiare questa tendenza. Uno dei cambiamenti di questo whisky è dovuto in parte agli americani, che hanno sempre svolto un ruolo importante nella sua storia. Gli Stati Uniti sono infatti i più grandi acquirenti di whisky canadese, per la sua vicinanza, e molti dei più grandi marchi sono di proprietà di società statunitensi.

Alcuni whisky canadesi:

 TAGS:Canadian Club 1LCanadian Club 1L

Canadian Club 1L:  un whisky Blend delle distillerie Hiram Walker & Sons de Canada con un grado alcolico di 40º. Ha una valutazione di 4,2 punti su 5 secondo gli utenti di Uvinum

 

 TAGS:Canadian Club Classic 12 Years 1LCanadian Club Classic 12 Years 1L

Canadian Club Classic 12 Years 1L: un whisky canadese con un grado alcolico di 40º. Gli utenti di uvinum valutano il Canadian Club Classic 12 Years con 4 punti di 5.

 

Come sono i whisky giapponesi?

 TAGS:undefinedAl di là del sushi, si conoscono parecchie pietanze della cucina giapponese. Esistono anche birre, vino e whisky che iniziano a farsi strada in questo settore. Vediamo quali sono.

Da anni i whisky giapponesi sono sulla cresta dell’onda in Occidente anche grazie a personaggi statunitensi che lo promuovono. L’importanza di questi whisky è in aumento anche grazie al Yamazaki Whisky, che dal 1984 ha iniziato a vincere dei prestigiosi concorsi internazionali. Il Giappone è il terzo produttore di whisky al mondo, dietro solo a Scozia e Stati Uniti.  

Paragone con quello scozzese

Il whisky ha un processo di distillazione simile in Giappone e in Scozia. Per esempio quello giapponese si elabora con mix di malta, un processo molto simile a quello scozzese, tra gli altri. 

Alcuni esempi

 TAGS:Nikka Yoichi 15 YearsNikka Yoichi 15 Years

Nikka Yoichi 15 Years: Single malt giapponese, ha 45% di gradazione, qualità e limitata produzione di bottiglie fatte a mano. Un whisky Single Malt delle distillerie Nikka Distilling Company del Giappone con una gradazione alcolica di 45º. 

 

 

 TAGS:Nikka Taketsuru Pure Malt 17 YearsNikka Taketsuru Pure Malt 17 Years

Nikka Taketsuru Pure Malt 17 Years: Di tipo vatted malt japonés, presenta un 43% di gradazione. La sua alta qualità deriva da un saggio processo di maturazione in barili per 17 anni.

 

 

 TAGS:The Yamazaki 12 YearsThe Yamazaki 12 Years

The Yamazaki 12 Years

 

 

 TAGS:Nikka Pure Malt Black 50clNikka Pure Malt Black 50cl

Nikka Pure Malt Black 50cl: È uno dei più simili ai whisky scozzesi, per il suo forte sapore di malta e la sua elaborazione tradizionale. È stato elaborato mischiando il whisky di malta di Yoichi e whisky di malta scozzese.