Tag: vino dolce

Tokaj e Tokaji: Puttonyos!

 TAGS:Il Tokaji è uno di quei vini sui quali qualsiasi blogger amico del frutto di Bacco è costretto a scrivere, almeno una volta nella vita. 

Il tokaji è il vino tipico di Tokaj-Hegyalja, una zona che si trova a metà tra Ungheria e SlovacchiaAnche se a Tokaj, come in molti altri posti, si producono vari tipi di vinoi più famosi sono quelli chiamati aszú. 

Cosa sono i vini aszú di Tokaj? Cominciamo dall?inizioEsiste un fungo, il Botrytis Cinerea, che attaccla vigna ammuffendola, la cosiddetta muffa nobile“. L?uva si secca e perde l?acqua; per cui il risultato è un?uva ammuffita piena di zucchero o uva aszú.

L?uva botritizzata o uva aszú si raccoglieva tradizionalmente in recipienti detti Puttonyosche hanno una capienza di circa 25 kg d?uvaUna volta accumulati, i vari puttonyos -da 3 a 6- venivano messi in un serbatoio da 136 litri in cui si conservava il vino normale dell?annata prima della fermentazione, affinché prendesse la dolcezza di queste uveQuanti più puttonyos di aszú si versavano nel mosto, tanto più dolce era il vino che ne risultava.

Attualmente il Puttonyo già non corrisponde più alla quantità di uva botritizzata aggiunta, se non alla concentrazione di zucchero del vino risultante. E? stato calcolato che un puttonyo sarebbe equivalente, più o meno, a 25gr per ogni litro di vinoIn questo modo, un vino tokaj di 5 puttonyos dovrebbe avere 125gr. di zucchero per ogni litro di alcol.

C?è un altro tipo di Tokaji molto interessante, chiamato Eszcencia, che alcuni associano erroneamente ad un aszú di 7 puttonyos. In realtà l?aszú di 7 puttonyos non esiste e l?Eszcencia non è un vino al qualè stato aggiunto una parte di uva ammuffita bensì è un vino realizzato totalmente con il mosto di quest?uva.

L?Esczencia ha una tessitura molto simile allo sciroppo o perfino al mieleImmaginate la quantità d?uva necessaria per poter produrre un eszcencia, e tra l?altro in realtà non ci sono neppure tante cantine ben organizzate che si dedichino alla produzione di questo vino.

Non fanno altro che raccogliere il mosto di quest?uva che scorre naturalmente attraverso i reticolati situati nel fondo dei tini in cui si mettono le uve dopo la raccolta. Normalmente ciò non è sufficiente per fare unEszcencia e si aggiunge ai serbatoi di Tokaj aszú, ma in altre occasioni si crea l?Eszcencia, anche detto lacrima di Tokaj.

È molto famoso il Tokaji Oremus, primo fra tutti il Tokaji Oremus 6 Puttonyos, proprietà della Bodega Vega Sicilia, che approfittò del processo di privatizzazione postcomunista della zona per costruirsi una cantina in loco e produrre vini Tokaj rispettando al massimo le procedure tradizionali.

Un altro Tokaji facilmente rintracciabile è il Disznókó, anch?esso di ottima qualitàIn particolare il Disznókó 4 Puttonyos 2006 è abbastanza buono.

In realtà la cosa più importante è che sia un Tokaji ungherese perché le leggi di questo paese sono molto restrittive riguardo la qualità del vinoEssendo infatti Tokaj in una zona di confine tra Ungheria e Slovacchia, esistono chiaramente anche Tokaj slovacchi ma qui le leggi sono molto più permissive per cui la qualità non è garantita allo stesso modo. Buon divertimento!

Vini Tedeschi

 TAGS:Si è già ripetuto fino allo sfinimento che nel mondo è possibile produrre vino solo nei paesi che si trovano tra i 30 ed i 50 gradi di latitudine nell?emisfero settrentrionale e meridionale. Spagna, Italia, Stati Uniti, Argentina, Sudafrica, insieme ai più rinomati produttori di uva, sono compresi in questa striscia immaginaria che divide le zone più calde da quelle più fredde del globo.

Tuttavia, come sempre succede nella vita, quando si parla di ?regole? ci sono poi sempre delle eccezioni. La Germania per esempio, insieme ad altri paesi come Inghilterra e Canada, essendo la più settentrionale di tutte, riesce a trarre profitto proprio dalle gelide temperature tipiche del nord.

Come risultato della sua posizione geografica alquanto estrema, con temperature medie annuali molto basse ed una quantità di ore di luce al di sotto della norma, questi vigneti producono uve di un?acidità intensa e con difficoltà di maturazione. Per questo motivo i vini tedeschi vengono elaborati facendo loro conservare una leggera dolcezza in modo che lo zucchero compensi tale acidità ed apporti alla bevanda maggiore corposità. A tal punto che, anzicchè essere catalogati in base alla loro collocazione geografica, come avviene in Francia o in Italia, qui i vini si differenziano in base al livello di zucchero delle uve prima della fermentazione, oltre ad essere riconosciuti specialmente per le proprie etichette bianche della varietà di uva Riesling. Anche per gli esperti, i vini tedeschi dimostrano eleganza e, per questo motivo, valgono sul mercato molto di più di qualsiasi altra bottiglia dello stesso stile.

In Germania, i vini si dividono in 2 categorie:

  • La prima è quella dei vini da tavola, che comprende il Tafelwein, letteralmente ?vino da tavola?, ed il Landwein, ossia ?vino del paese?.
  • La seconda è quella dei vini di qualità, chiamati Qualitätswein bestimmter Anbaugebiete (QbA), ossia vino di qualità di una regione specifica, e Prädikatswein detto anche Qualitätswein mit Prädikat (QmP), che indica un vino con caratteristiche particolari le cui uve provengono da uno specifico distretto.

All?interno di quest?ultimo gruppo, è proprio il livello d zucchero a determinare lo stile del vino elaborato; ad esempio:

  • Kabinett, vini leggeri in cui risaltano l?acidità e la fruttuosità.
  • Spätlese indica che le uve sono state raccolte con ritardo e per questo possiedono un?alta concentrazione di zucchero.
  • Auslese, i cui acini vengono raccolti in piena maturazione ed hanno quindi una maggiore concentrazione di zucchero.
  • Beerenauslese, che è un vino prodotto con uve mature affette dal fungo Botrytis Cinërea, caratterizzato da un alto contenuto zuccherino e dal particolare aroma di muffa nobile (pourriture noble).