Tag: vino bianco

Quali vini bere per il pranzo di Natale?

 TAGS:undefined

Natale si avvicina e come ogni anno arriva il momento di scegliere un menù ma anche i vini che accompagneranno il pranzo del 25 dicembre.

A meno di un mese dalla festa tradizionale, vi proponiamo di aiutarvi nella scelta del vino e vi diremo anche come abbinarlo in funzione del tipo di pasto.

Il brindisi e l’antipasto

ll brindisi può essere il primo passo per cominciare i festeggiamenti : ecco perchè non si deve sbagliare. Per brindare, i vini spumanti come un Champagne, un Prosseco oppure un Franciacorta, sono spesso raccomandati, perché le bollicine preparano il palato per il prosieguo del pranzo. Con questi tipi di vini, si possono prendere antipasti di verdure o formaggi freschi.

Primi e secondi piatti 

Nelle regioni del nord dell’ Italia, si cucinano generalmente i tortellini in brodo per il pranzo di Natale. Con questo pasto è consigliato di bere un vino rosso come un Lambrusco, che proviene dallo stesso territorio.

Per i piatti a base di carne, di selvaggina o con gli arrosti si possono abbinare vini rossi come : Chianti, Nebbiolo, Barbera, Nero D’Avola, Primitivo di Manduria.

Invece nelle regioni del sud, è più comune di mangiare del pesce. Con i piatti a base di pesce si abbinano perfettamente i vini bianchi di tipo Vermentino, oppure vini come un Fiano di Avellino, un Verdicchio dei Castelli di Jesi od un Traminer.

I dolci : pandoro e panettone

In Italia il pandoro (originiario da Verone) ed il panettone (originiario da Milano) sono essenziali per un pranzo di Natale riuscito, e questo, al sud come al nord del paese. Con questi dolci se beve generalmente un Moscato oppure un Passito di pantelleria.

Buon appetito e buone feste !

 

 

 

 TAGS:Tenuta Ulisse Montepulciano D'Abruzzo 2014Tenuta Ulisse Montepulciano D’Abruzzo 2014

Tenuta Ulisse Montepulciano D’Abruzzo 2014

 

 

 TAGS:Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011

Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011

3 cose a prendere in considerazione per bere vino in aereo

 TAGS:undefined

La maggior parte di noi ha già viaggiato in aereo. E farlo senza godere di un bicchiere di vino può rendere il tuo viaggio più faticoso e meno divertente. Per fortuna, esiste persone come Andrea Robinson, una delle 23 donne che hanno un Master Sommelier nel mondo, chi, con sua esperienza, ci raccomanda i migliori vini mentre siamo in volo.

1. Badare alla temperatura

È una cosa basica e molto importante quando si serve vino. Generalmente, c’è la concezione che l’ideale è di servire la bevanda a temperatura ambiente. Tuttavia, questo paradigma non funziona in areo. Nel cielo, dovuto alla pressione e ad altri aspetti, le papille gustative possono essere influenzate e, quindi, il godimento del vino. Chiedi sempre che ti diano un vino che è stato refrigerato e così non ci sarà alcun problema.

 2. Tenere a mente l’acidità 

“La bassa pressione nell’aria disabilita il tuo senso per sentire i sapori e, a sua volta, la secchezza, impediscono che tu senta questi sapori e anche la consistenza” affirma Andrea Robinson. Per questi motivi, in altitudine, è meglio di scegliere un vino più dolce piuttosto che uno molto forte o acido, perché in queste circostanze, questi vini tendono ad avere un sapore molto più amaro ed agro del solito.

3. La preparazione del piatto anche è importante

Altro concetto sbagliato che tipicamente credono i bevitori di vino è che la carne rossa si deve abbinare col vino rosso mentre la carne bianca col vino bianco. Anche se c’è un fondo di verità, è molto più importante prestare attenzione a come è preparato il piatto che vai a deliziare. Per esempio, se è un piatto di pollo al limone, un vino bianco non sarebbe male, invece, se questo stesso tipo di carne si serve con legumi o funghi, allora un vino rosso sarà la megliore opzione. Tutto riguarda la consistenza, le salse ed i contorni, no è solo concentrarsi sulla “proteina” di cui è fatto il piatto.

 TAGS:Ca' del Bosco Cuvée Prestige FranciacortaCa’ del Bosco Cuvée Prestige Franciacorta

Ca’ del Bosco Cuvée Prestige Franciacorta

 

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Come fare una dieta con il vino?

 TAGS:undefinedSe siete a dieta ma amanti del vino, siete fortunati. Sai che ci sono diete vino per perdere peso?  Prendete nota!

Vino e prosciutto

Due squisiti prodotti possono far sì che non aumentiamo di peso. Sembra impossibile, ma l’Istituto Europeo di Medicina di obesità, l’IMEO, ha messo a punto una dieta gastronomia che incude niente di meno che il vino rosso e il prosciutto crudo.

Con questa dieta si possono perdere tra i 4 ei 6 chili circa al mese, a condizione che i prodotti siano consumati con moderazione. I responsabili di questa dieta aggiungono che il prosciutto fornisce ferro e vitamine del gruppo B, ed è a basso contenuto di grassi saturi, mentre è ad alto contenuto di acidi grassi monoinsaturi come l’acido oleico.

La dieta unisce il vino e prosciutto che può essere sostituito con altri ingredienti nutrienti come il pesce e le verdure.

Vino e cioccolato

Due prodotti eccellenti le cui combinazioni risultano abbinamenti perfetti. Questa dieta, che abbina vino e cioccolato, è stata proposta dal professor Tim Spector del King College di Londra, che afferma che alcune delle migliori opzioni per attivare il movimento intestinale e promuovere la replicazione dei batteri intestinali sani che aiutano a perdere peso sono formaggio, vino e cioccolato.

Inoltre, l’insegnante indicache più è vario il cibo che mangiamo, più microbi introdurremo nel nostro corpo e nel sistema digestivo, arrivando dunque ad essere più sani e in grado di bruciare i grassi.

Vino e uova

Sembra che il vino combinato con altri ingredienti è fantastico per l’organismo.Le uova sono il modo più semplice per mantenere un basso consumo energetico mentre si ottiene un elevato apporto di proteine. Con questa dieta si assimilano più proteine e meno carboidrati ed è perfetta per perdere peso senza rinunciare al vino.

 TAGS:Miraval Rosé 2015Miraval Rosé 2015

Miraval Rosé 2015

 

 

 TAGS:Di Ubaldo Pecorino d Abruzzo Paré Diubaldo 2014Di Ubaldo Pecorino d Abruzzo Paré Diubaldo 2014

Di Ubaldo Pecorino d Abruzzo Paré Diubaldo 2014

Vino andato a male? Puoi ancora utilizzarlo!

 TAGS:undefinedSe il vino è andato a male e non è più bevibile, si può tuttavia sfruttare in diversi modi. Non buttarlo!

Uno dei migliori modi per utilizzarlo è in cucina. Sebbene non lo verseremo in un calice per berlo, si può usare nella preparazione di piatti da cucina e dare così un tocco di sapore alla carne o al pesce, cucinati al forno o in padella. Spezie, agrumi e un sorso di vino … piatti squisiti!

Si dice sempre che il vino è un perfetto antiossidante per la pelle. La rinnova, le dona più brillantezza e setosità e viene utilizzato come trattamento in centri di bellezza e nelle spa. Per questo motivo consigliamo di sfruttare il vino che non è più buono da bere per farvi una maschera fai da te, insieme ad altri ingredienti che vi restituiscano una pelle soave e brillante.

In cucina, il vino andato a male può essere sfruttato in altri modi. Oltre che per cucinare, lo si può usare per lavare frutta e verdura, poiché l’alcol dissolve le impurità e uccide quei microorganismi che si trovano in determinati alimenti.

Se state cercando un rimedio per lavare i vetri di casa, il vino che non è più buono è quello che fa per voi. In particolare il vino bianco, quello che si sta inacidendo, per la pulizia dei vetri delle vostre stanze. Rimarranno scintillanti!

Il vino che non è più buono da bere serve anche per fare l’aceto. Avremo così un condimento in più in casa. È sufficiente versare il vino avanzato in un recipiente e lasciarlo macerare affinchè si possa inacetire. Questo aceto sarà sempre di qualità superiore rispetto a quello che si compra nei supermercati e darà un sapore diverso ai vostri piatti. 

 TAGS:Canei BiancoCanei Bianco

Canei Bianco: un vino bianco elaborato in DO Vini senza denominazione (Italia) a partire dalle varietà moscatell e la cui gradazione alcolica è di 8.5º

 

 

 TAGS:Foss Marai Surfiner Cuvee BrutFoss Marai Surfiner Cuvee Brut

Foss Marai Surfiner Cuvee Brut: un vino spumante con DO Veneto a base di acini di sauvignon, prosecco e chardonnay e possiede un grado alcolico di 12º.

 

 

Sei benefici del vino bianco per la salute

 TAGS:undefinedTutti conosciamo i benefici del vino rosso, ma non tutti sanno che anche il vino bianco, oltre a una freschezza e odore inconfondibili, ha le sue proprietà. Quali sono i principali benefici del vino bianco per la salute? Qui di seguito ne elenchiamo alcuni:

1. Riduce il rischo di malattie polmonari

Uno dei benefici del vino bianco è che riduce il rischio di malattie polmonari poiché, secondo un’indagine della Scuola di Medicina di Buffalo, il consumo moderato di vino bianco nel corso della vita aiuta a migliorare la salute dei polmoni. Previene quindi la comparsa di quelle malattie che colpiscono il sistema respiratorio.

2. Aiuta a perdere peso

Nonostante possa sembrare strano, poiché si dice che il vino bianco contenga diverse calorie, uno studio dell’Università di Hohenheim ha dimostrato che le persone che vogliono perdere peso e bevono vino bianco con moderazione riescono a dimagrire. 

3. È antiossidante

Così come il vino rosso, anche il vino bianco è antiossidante per le proprietà contenute nel succo dell’uva. Questa caratteristica fa sí che anche il vino bianco protegga le cellule e impedisca l’avanzamento di certe malattie come il cancro, in particolare il tumore al seno.

4. È nutritivo 

Sí, il vino è nutritivo per la quantità di vitamine e minerali che contiene. Detto questo, se osserviamo il vino bianco, possiamo notare che è ricco di fosforo, potassio e fluoro.

5. Fa bene alla mente 

Bere vino rinforza anche l’intelletto. Cioè, non solo apporta benefici al corpo, ma una indagine realizzata nell’Università di Reading ha scoperto che l’acido fenolico che si trova nel vino ha un’azione positiva sulle cellule celebrali e questo protegge il cervello dallo sviluppo di malattie neurodegenerative.

6. Aiuta a rinforzare ossa e muscoli

Il vino bianco ci rende più attivi. Nonostante sia importante svolgere attività fisica, il resveratrolo che troviamo in questo tipo di vino mantiene le ossa forti e rinforza anche i muscoli.

 TAGS:Planeta la Segreta Bianco 2015Planeta la Segreta Bianco 2015

Planeta la Segreta Bianco 2015:  un vino bianco Sicilia che include viognier, fiano e chardonnay di 2015 e ha un volume di 12.5º. 

 

 

 TAGS:La Scolca Gavi Il Valentino 2015La Scolca Gavi Il Valentino 2015

La Scolca Gavi Il Valentino 2015: un vino bianco con DO Gavi con cortese di 2015 e con 12º di gradazione alcolica. 

 

 

Vino per… gatti?

 TAGS:undefined

Proprio così. Come suggerisce il titolo, la nuova tendenza, o meglio, la nuova moda per i nostri amati animali domestici è arrivata. La Apollo Peak è la società che sta dietro questa idea innovativa che vede come in molti condividono alcuni dei loro vini deliziosi con i loro animali a casa?

Ma non fatevi prendere dal panico, ovviamente Apollo Peak ha creato una bevanda speciale, senza alcol né uva per i nostri amici felini che non possono in nessun modo assumere queste due sostanze. Con nomi originali e divertenti come il Pinot Miau o il MosGATO, i vini sono realizzati con erbe e coloranti organici della stessa gamma per renderli attraenti e deliziosi per i nostri piccoli amici.

Brandon Zavala è il fondatore di Apollo Peak, che, curiosamente, ed ha chiamato così la sua azienda ispirandosi al nome di uno dei suoi gatti, Apollo. Egli sostiene che questa bevanda è come un tè per i gatti, ma il cui colore è simile a quuello del vino. L’irruzione sul mercato è stata effettuuata per attirare l’attenzione dei potenziali consumatori, tutti gli amanti gatti. Così, dice Brandon, i proprietari possono sentirsi a loro agio prendendo un drink con il loro animale domestico. Grande, vero?

Zavala ha cominciato a distribuire la sua creazione nel novembre dello scorso anno e ha ricevuto una risposta molto buona da parte degli utenti. In realtà, però, l’idea non è del tutto originale. La società Nyan Nyan Nouveau (in allusione al gatto colorato divenuto fenomeno virale alcuni anni fa), aveva creato qualcosa di simile, ma con due svantaggi rispetto ai vini del concetto di Apollo Peak: 1) è disponibile solo in Giappone e 2) i vini sono fatti con uva che, come detto in precedenza, può essere dannosa per la salute dei gatti. I vini di Zavala, d’altra parte, sono biologici e con barbabietole, che non hanno effetti negativi sui gatti, così come confermato da diversi veterinari.

Anche se gli studi dimostrano che le barbabietole non sono dannose per la salute nostra o dei nostri cani-gatti è meglio consultare il proprio veterinario prima di agire. Inoltre, ricorda che ognuno ha i suoi gusti e dunque sappi che il tuo animale domestico può ignorarli o odiarli… dopo tutto, si tratta di gatti.

 TAGS:Moscato Gato PardoMoscato Gato Pardo

Moscato Gato Pardo

 

 

 TAGS:Gato Negro Cabernet 2015Gato Negro Cabernet 2015

Gato Negro Cabernet 2015

 

 

Le zone vinicole della Germania (I/III)

 TAGS:undefinedI vini tedeschi sono di lunga data e sempre più al top del mercato mondiale. Per conoscere meglio i vini tedeschi, è necessario sapere quali sono le principali regioni vinicole della Germania.

Le aree sono divise in 13 con una dimensione media di 100.000 ettari e la stragrande maggioranza sono concentrate nella parte meridionale e sud-ovest, date le condizioni climatiche migliori per l’elaborazione dei vini.

Le sue varietà più importanti sono il Riesling e Müller-Thurgau, che sono i vini freschi più venduti e sfruttati, per lo più bianchi. I vini di esportazione sono destinati agli altri paesi europei, in particolare la Gran Bretagna, e al di fuori del continente, soprattutto negli Stati Uniti.

Alcune delle regioni vinicole tedesche sono Ahr, Baden, Franken, Hessische Bergstrasse, Mittelrhein, Nahe, Pfalz, Rheinhessen, Saale-Unstrut e Württemberg.

Regione vinicola Ahr

I paesaggi di questa regione vinicola Ahr sono marcati dal fiume che porta il suo nome, oltre a colline e rocce. È una zona con 552 ettari di vigneti coltivati, la grande maggioranza è destinata alla produzione di vini rossi, con varietà di Pinot Nero, e sono Portugieser, Dornfelder e Frühburgunder. L’uva bianca più diffusa della zona è il Riesling, con un’area di 41 ettari. Gran parte dei viticoltori del luogo svolgono un’attività secondaria, sebbene una nuova generazione di giovani viticoltori sta ridando auge alla produzione vinicola in questa regione.

Regione Baden

Con un paesaggio da film, il Baden offre un tempo soleggiato e caldo, ed è una delle migliori zone per la produzione di vino. In questo caso, il 60% delle colture è destinato all’ uva bianca, mentre il resto alle uve rosse. La sua varietà più significativa è la Spätburgunder insieme alla famosa Burgunder (Pinot); inoltre ci sono il bianco Riesling e Müller-Thurgau. È interessante notare che il vino è prodotto in cantine di tipo familiare con 77 cooperative agricole e 400 aziende di vigneti.

 TAGS:Dr Loosen Dr L RieslingDr Loosen Dr L Riesling

Dr Loosen Dr L Riesling: un vino bianco de la DO Mosel elaborato con uve riesling. Merita una valutazione di 4,5 punti su 5 secondo gli utenti di Uvinum.

 

 

 TAGS:Josef Rosch Riesling Spätlese Trittenheimer Apotheke 2012Josef Rosch Riesling Spätlese Trittenheimer Apotheke 2012

Josef Rosch Riesling Spätlese Trittenheimer Apotheke 2012: un vino bianco Mosel il cui mosto contiene riesling de 2012 e con una gradazione alcolica di 8º.

 

 

8 cocktail con vino per festeggiare l’arrivo del bel tempo

 TAGS:undefinedVoglia di un cocktail fatto con un buon vino? Oggi ti proponiamo le seguenti idee. Vediamo che ne pensi!

1. Con Coca Cola: Se amate il vino rosso, ma volete prendere una bevanda diversa per sfuggire alla routine, provate ad aggiungere un po’ di Coca Cola. Questo cocktail si chiama Kalimotxo. Completa la preparazione con un po ‘di ghiaccio e qualche goccia di succo di limone.

2. Con acqua gassata: se si mescolano 1 parte di acqua frizzante e 2 parti di vino fresco, è possibile ottenere un mix ideale per rinfrescare il tuo pomeriggio. Si può poi completare con una spruzzata di succo di limone e ghiaccio.

3. Con frutta e grappa: un altro modo per dare una svolta al vostro vino è quello di mescolare 4 biccheri di vino con 1 o 2 bicchieri di frutta tagliata a cubetti, 2 cucchiai di brandy, 2 cucchiai di sciroppo e un po ‘ acqua frizzante.

4. Con fette di ananas: bianco, rosato, spumante o rosso, tutti vanno bene con un paio di fette di ananas ai bordi dei bicchieri, in modo da aggiungere tanta dolcezza al vostro drink e dargli una presentazione attraente.

5. Con melone: aggiungi a qualsiasi bianco o vino rosato un buon melone a dadini guarnito con una fetta di limone e poi accompagnato da un po ‘di menta fresca prima di servire.

6. Con limonata: trasformare un vino bianco noioso in un delizioso cocktail si ottiene aggiungendo della limonata al tuo bicchiere. Il tutto ha la sua climax con un po ‘di ghiaccio tritato e acqua frizzante.

7. Con succo di frutta: se si vuole improvvisare un Bellini, basta aggiungere un tocco di succo di frutta al vostro vino. Se non si dispone di spumante si può ovviare con un po’ d’acqua frizzante.

8. Con granita: se si vuole preparare un dolce con liquore semplice che possa servire anche come cocktail in un caldo pomeriggio, basta inserire 2 cucchiai di sciroppo in un bicchiere di vino. Quando lo tirerai fuori dal frigorifero avrai un’ottima granita.

 TAGS:Lunae Etichetta Grigia Colli Di Luni Vermentino 2015Lunae Etichetta Grigia Colli Di Luni Vermentino 2015

Lunae Etichetta Grigia Colli Di Luni Vermentino 2015: un vino bianco de la DO Liguria è elaborato con vermentino de 2015 e ha un grado alcolico di 12º.

 

 

 TAGS:Feudo Disisa Chara Catarrato Insolia 2015Feudo Disisa Chara Catarrato Insolia 2015

Feudo Disisa Chara Catarrato Insolia 2015:  un vino bianco con DO Sicilia il cui mosto contiene catarratto de 2015 e con un grado alcolico di 13º. 

 

Vai in campagna? Non dimenticare le bevande!

 TAGS:undefined

Con l’arrivo della primavera inizia la stagione delle scampagnate all’aperto e dei pic-nic. Se decidiamo di andare in campagna e di consumare del buon cibo per recuperare le forze e trascorrere la giornata all’aria aperta, le bevande diventano essenziali per qualsiasi giornata come questa

Si possono infatti portare birre saporite, fredde, che vanno dalle bionde alle birre gustose. Per mantenere fresca la birra l’opzione migliore è portare dei piccoli refrigeratori pieni di ghiaccio o utilizzare alcuni trucchi, come per esempio quello di avvolgere bottiglie o lattine in giornali bagnati che permettono all’acqua di evaporare e di rendere fresca la bevanda.

Si consiglia di porta anche del vino.L’opzione del vino rosso è la migliore perché non ha bisogno di essere freddo, mentre il vino bianco e rosa va portato freddo, sempre a seconda del tipo di cibo. Questo tipo di vino si sposa bene con insalate, pesce, tacchino, riso e piatti di riso perfetti in estate. Se ci troviamo vicino a un torrente, possiamo sempre lasciarvi le bottiglie all’interno per raffreddarle e rendere fresca la bevanda.

I succhi di frutta sono molto buoni e hanno diverse proprietà per togliere la sete. Si consiglia di portarne di gusti diversi per soddisfare i gusti variegati raggruppati nei picnic. E, naturalmente, non può mancare l’acqua, soprattutto nei giorni caldi, che fornisce la maggiore idratazione possibile durante il giorno.

Dopo un buon pasto, chi ama i drink può elaborare il suo proprio gin tonic, una bevanda molto di moda oggigiorno. Non si tratta di fare una degustazione, ma portare un po di gin premium, sempre in un buon refrigeratore con molto ghiaccio, lo permette di combinare con una bevanda tonica speciale perfetta e comoda per queste occasioni. 

 

 TAGS:Comincioli Chiaretto DiamanteComincioli Chiaretto Diamante

Comincioli Chiaretto Diamante: un vino rosato con DO Garda Bresciano. 4,5 punti su 5 è la valutazione media di Comincioli Chiaretto Diamante su Uvinum.

 

 

 TAGS:Ognissole Rosato Mirante 2015Ognissole Rosato Mirante 2015

Ognissole Rosato Mirante 2015:  è un vino rosato con DO Salento di cantine Ognissole a base della caste primitivo di 2015 e 13º di grado alcolico.