Tag: vini novelli

Abbinamento vino e carne

 TAGS:Un giusto abbinamento è da ricercare con calma, soprattutto quando si tratta di vino e carne. Di seguito vediamo quali sono le migliori opzioni di abbinamento,

Nel caso delle carni forti i vini migliori sono dei rossi novelli: quanto più la carne è tenera più il vino deve essere leggero, a seconda anche dell’uva usata per produrlo.

Se si tratta di carni speziate è meglio accompagnarle con un rosso giovane e leggero, per poter raggiungere la migliore combinazione possibile di gusti.

Le carni rosse sono da accompagnare con un vino rosso corposo, anche se bisogna sempre distinguere tra un entrecot e un filetto al sangue. Nel caso di un buon agnello con poche spezie i migliori sono i novelli o Tempranilli, oppure un Cabernet Syrah che è stato lasciato invecchiare durante molto tempo e che ha preso aroma alle spezie.

Una raccomandazione basica è quella di accompagnare le carni macerate con vino rosso utilizzando il piatto bagnato precedentmente con il vino utilizzato per la macerazione, qualsiasi vino esso sia.

Ecco le raccomandazioni in basi alla carne e alla temperatura del vino utilizzato:

  • Per agnello e capretto: Malbec e Syrah riserva da 16 a 18 gradi
  • Per pollo: Merlot, Carménere, Malbec novello da 14 a 16 gradi
  • Per l’anatra: Pinot Noir o Carménere varietal o riserva da 13 a 16 gradi.
  • Per il maiale: Merlot, Carménere o Pinot Noir riserva da 14 a 16 gradi.
  • Manzo: Cabernet Sauvignon, Syrah, Malbec e Merlot riserva da 16 a 18 gradi
  • Lepre: Malbec e Cabernet Sauvignon riserva da 16 a 18 gradi.

L’obiettivo dell’abbinamento è quello di trovare l’armonia perfetta tra sapore del cibo e della bevanda, attraverso variabili come le caratteristiche del vino.

Ecco alcuni vini che ti suggeriamo provare: 

 TAGS:Renzo Masi Chianti Riserva 2009Renzo Masi Chianti Riserva 2009

Renzo Masi Chianti Riserva 2009

 

 

 TAGS:Borgo Magredo Cabernet Sauvignon 2011Borgo Magredo Cabernet Sauvignon 2011

Borgo Magredo Cabernet Sauvignon 2011

Vini da collezione

 - Molte persone amano conservare del vino e iniziare a possedere una collezione di bottiglie che possa perdurare nel tempo. Adesso, non tutti i vini possono essere conservati, siccome dopo alcuni mesi o anni alcuni acquisiscono un sapore amarognolo o diventano aceto.

In questo caso di parla dei vini da lunga stagionatura, ossia quelli che invecchiando in bottiglia migliorano. Ossia che devono stare alcuni anni, tipo 8 o 10, dentro la bottiglia affinché prendano quel particolare sapore che deriva dal loro processo di elaborazione e siano di qualità. 

Non tutti i vini sono adatti a questo processo. Devono essere stagionati, ma possono anche essere novelli, con forti qualità. Dunque non è facile riconoscere se un vino è adatto a questo tipo di stagionatura solo attraverso un’occhiata. Molti di questi sono vini rossi e con forte gradazione alcolica. 

Un’altra indicazione ce la da l’etichetta sulla bottiglia, con molti dettagli riguardo questo vino. I vini da stagionatura non sono economici in quanto sono un tipo di vino complesso ed elaborato e conferiscono vari sapori e sensazioni una volta gustati.Alcuni vini di questo tipo possono anche essere novelli e devono avere almeno due anni di stagionatura per poter poi essere conservati per molti anni. 

Per conservare questi vini, la maggior parte dei quali sono di gran qualità, devono essere mantenuti a una temperatura media di circa 10 gradi. Il posto ideale per conservare le bottiglie è umido, dove non entri molta luce e con il tapo delle bottiglie sempre a contatto con il vino.

Ti piacciono questi tipi di vino? Te ne raccomandiamo alcuni:

 TAGS:Renzo Masi Chianti Docg Riserva 2009Renzo Masi Chianti Docg Riserva 2009

Renzo Masi Chianti Docg Riserva 2009

 

 

 TAGS:Librandi Duca Sanfelice Ciro Rosso Riserva 2009Librandi Duca Sanfelice Ciro Rosso Riserva 2009

Librandi Duca Sanfelice Ciro Rosso Riserva 2009