Tag: vigneti

Dei robot dappertutto e perfino nei vigneti

 TAGS:undefined

Le nuove tecnologie stanno per essere integrate poco a poco alle nostre vite, tavolta in modo rivoluzionario, ed altre volte lentamente. Sono anni ormai che ciascuno giorno vediamo apparire nuove invenzioni -che finora poche persone potevano immaginare- ed a tutti i livelli della società : ristorazione, commercio e servizi pubblici e privati non fanno eccezione.

Verso una società robotizzata

Secondo un articolo pubblicato sul sito diariodegastronomia.com, la robotica comincia ad essere attuata proprio in questi settori, e nel giro di pochi anni vedremo anche dei robot umanoidi che si occuperanno di noi in ogni genere d’istituto.

La diminuzione dei costi di produzione delle nuove tecnologie e gli sviluppi nel campo dell’intelligenza artificiale rendono possibile quello che alcuni anni fa sembrava una cosa di fantascienza. Molte imprese stanno già adottando “assistenti” robotici ai loro servizi, per compiti come il servizio clienti : risolvendo dubbi, rispondendo alle domande, raccogliendo informazioni sulle abitudini di acquisto ed le esigenze dei loro principali destinatari.

I robot arrivano nei vigneti

Infatti, possiamo già trovare alcuni esempi nelle imprese di diversi settori, come le crociere, l’insegnamento, la ristorazione, ed anche il mondo del vino. Il progetto VineRobot mira a disegnare un veicolo terrestre che otterrà e trasmetterà informazioni sullo stato dei vigneti tramite sensori non invasivi.

È nel campo dell’agricultura che vengono applicati il più questi sviluppi, sia nel controllo delle colture che nel controllo dei parassiti, dell’irrigazione, della raccolta, etc. In un futuro prossimo ci sarà vigneti e campi coltivati completamente gestiti dai veicoli robotici autonomi e droni che sostituiranno l’uomo e i macchinari più tradizionali.

Finalmente, coloro che pensano che i robot sostituiranno completamente gli uomini, devono anche pensare alle persone che fanno i programmi, il design e la produzione dei robot : saranno sempre necessarie. Inoltre nuovi posti di lavoro dovranno essere creati con profili più tecnologici.

 

 TAGS:Banfi Chianti Classico 2015Banfi Chianti Classico 2015

Banfi Chianti Classico 2015

 

 

 TAGS:Memoro PicciniMemoro Piccini

Memoro Piccini

Conosci uno dei migliori vigneti del mondo

 TAGS:undefinedPaesaggi mozzafiato, viti e vigneti dal colore diverso. I vari vigneti del mondo forniscono un mondo diverso pieno di pura natura. Tra i vigneti più belli del pianeta, oggi consigliamo Rippon, in Nuova Zelanda, uno dei più belli.

Siamo nella regione di Central Otago, nella parte centrale dell’Isola del Sud della Nuova Zelanda. Li vi si è radicata la vinificazione che si compone di tutti gli elementi per rendere la vigna completa grazie a pianure, montagne, colline, e con davanti tutta la fantastica zona Lago Wanaka. Solo per questi punti di vista vale la pena dedicarsi alla coltivazione della vite in questa zona.

Lago Wanaka

Ed è davvero il lago uno dei pilastri fondamentali della vita di questa regione vinicola. Perché ha una bassa temperatura, regola termicamente il clima locale e funge anche da portatore di acqua calda riduce il rischio di gelo, impedendo che i ceppi possano causare danni. Abbiamo anche trovato l’ isola rubino, un antico ghiacciaio, che agisce come una barriera e riduce significativamente la sua intensità.

Temperatura

A Rippon le estati sono calde e secche, mentre in autunno c’è qualche variazione di temperatura che può raggiungere i 25 ° C Questo permette una lunga maturazione delle uve in vigna. Gli inverni sono freddi, ma senza temperature estreme.

Il vigneto

Abbiamo già visto alcune delle caratteristiche di questo vigneto, soprattutto per quanto riguarda il suo paesaggio. Ma è da notare che esistono due piani differenti. Inoltre ci sono stati diversi esperimenti su diverse varietà di uve, tra le quali Pinot Nero e Riesling sono state designate come le due migliori varietà di vigneto. Attualmente, la vigna è divisa in vari singoli vigneti, che vengono vinificati separatamente. I suoi vini sono davvero eleganti e vengono  venduti sotto l’etichetta Rippon Vineyard.

 TAGS:Hunter's Riesling 2014Hunter’s Riesling 2014

Hunter’s Riesling 2014:  un vino bianco con DO Marlborough di cantine Bodega Hunter’s a base di riesling de 2014.

 

 

 TAGS:Villa Maria Private Bin Riesling Marlborough 2014Villa Maria Private Bin Riesling Marlborough 2014

Villa Maria Private Bin Riesling Marlborough 2014: un vino bianco de la DO Marlborough a base delle caste riesling dell’annata 2014.

 

 

I principali paesi produttori di vino nel mondo

 TAGS:Si è appena concluso l’anno ed è arrivato il momento di fare il punto della situazione sull’ultima vendemmia; il risultato rivela un dato destinato a rimanere nella storia: per la prima volta la Spagna supera l’Italia in termini di produzione di vino, collocandosi al secondo posto come produttore a livello mondiale, appena dopo la Francia.

E’ quanto emerge dagli studi presentati dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA – UIV), un ente responsabile del controllo della produzione di vino in Italia, unitamente a quelli del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare spagnolo (MARM – “Ministerio de Medio Ambiente, y Medio Rural y Marino”) che stimano in 40,3 milioni di ettolitri la produzione totale spagnola nel 2011, contro i 40,2 milioni di ettolitri di quella italiana.

La Spagna, il paese del mondo con la maggiore superficie agricola dedicata alla coltivazione dell’uva, occupava il 3° posto nella produzione di vino, superata solo da Italia e Francia, quest’ultima leader indiscusso del settore con una produzione di ben 50.200 mila ettolitri nel 2011.

Al quarto posto, molto più distaccati, ci sono gli Stati Uniti che hanno registrato un netto calo nella produzione che ammonta a 18,7 milioni di ettolitri. Tale calo da parte degli Stati Uniti è dovuto principalmente al cattivo raccolto verificatosi in California, la principale regione vinicola del paese americano.

Pubblicati i risultati finali del 2011, l’elenco completo dei nove principali paesi produttori di vino del mondo, è il seguente:

  1. Francia – 50,2 milioni di ettolitri.
  2. Spagna – 40,3 milioni di ettolitri.
  3. Italia – 40,2 milioni di ettolitri.
  4. Stati Uniti – 18,7 milioni di ettolitri.
  5. Argentina – 14,6 milioni di ettolitri.
  6. Australia – 10,5 milioni di ettolitri.
  7. Cile – 10,4 milioni di ettolitri.
  8. Cina – 10,4 milioni di ettolitri.
  9. Sudafrica – 10,2 milioni di ettolitri.

Ciò che richiama maggiormente l’attenzione è il calo della produzione della Cina, che per anni era stata in continua crescita, unitamente a quello dell’Argentina, con un calo di circa il 10%.

Si nota invece l’aumento della produzione di vino in Europa centrale e orientale, in particolare in Bulgaria (55%) e Austria (45%), così come in Cile (15,5%). Per i paesi europei tale aumento è dovuto al fatto che quest’anno fortunatamente non si è ripetuta la cattiva vendemmia del 2010, mentre per quanto riguarda la produzione di vino cileno, essa risulta in aumento grazie agli ottimi risultati di vendita registrati negli ultimi anni all’interno dei mercati internazionali.

Oggi vi consigliamo due vini spagnoli famosi in tutto il mondo:

 TAGS:Habla del Silencio 2010Habla del Silencio 2010

Habla del Silencio 2010 è un vino che consigliamo vivamente per il suo gusto e per l’ottimo rapporto qualità-prezzo.

 

 

 TAGS:Viña Albina Reserva 2005Viña Albina Reserva 2005

Viña Albina Reserva 2005, un Riserva di Rioja dal prezzo incredibile.