Tag: triple sec

3 cocktail ispirati alle donne

 TAGS:undefined

Oggi vogliamo condividere con te tre ricette di cocktail semplici e deliziosi ispirati in donne che, per motivi diversi, sono state d’ispirazione per le altre. Goditelo in buona compagnia! 

Cocktail Greta Garbo

Fu una delle attrici più conosciuta della Hollywood dorata, con una carriera sempre in ascesa dal debutto nel 1930 nel film Anna Christie. In suo onore è stato creato questo cocktail elaborato con crema di menta e brandy.

 Ingredienti:

  • 30 ml di brandy
  • 30 ml di vermut seco
  • 30 ml di succo d’arancia
  • 7,5 ml di granadina
  • Un poco di crema di menta

Elaborazione:

  1. Versa tutti gli ingredienti in un mixer con ghiaccio.
  2. Agita e metti tutto in un bicchiere alto.

 TAGS:Cardenal MendozaCardenal Mendoza

Cardenal Mendoza: le sue sfumature odorose rendono molto attraente e finitura è davvero splendido, potente, lungo e delicato.

 

 

 TAGS:Lillet BlancLillet Blanc

Lillet Blanc è un aperitivo fruttato dal Podensac nella regione di Bordeaux e prende il nome dai fondatori del fratelli Lillet.

 

 

 TAGS:Monin Sirope Menta VerdeMonin Sirope Menta Verde

Monin Sirope Menta Verde è l’ideale per un sapore di menta fresca e un colore verde brillante per bevande fredde e ghiaccio.

 

 

Cokctail Shirley Temple 

Shirley Temple fu un’artista integrale conosciuta da tutti per il suo talento nel canto, nella danza e nella recitazione. Ha partecipato a 40 film e, per renderle omaggio, un barman di un locale dove andava spesso le ha dedicato questo cocktail 

 Ingredienti:

  • 90 ml di Ginger ale o Seven up
  • 60 ml di succo d’arancia
  • 1 spruzzata di granadina
  • 1 fetta di limone
  • 1 ciliegia

Elaborazione:

  1. Mischia gli ingredienti in un mixer.
  2. Servi in un bicchiere alto con ghiaccio.
  3. Completa con una spruzzata di granadina e gira.
  4. Decora con cannuccia, limone e ciliegia.

 TAGS:Fever Tree Ginger AleFever Tree Ginger Ale

Fever Tree Ginger Ale: realizzata per celebrare le note aromatiche dei grandi whisky, bourbon, rum e tequila.

 

 

Cocktail Dorothy Parker Gin

Dorothy Parker è stata una grande regista, poetessa e critica. Fu membro dell’Associazione di scrittori influenti a New York nel 1920 e la sua sensibilità era nota a tutti. Per questo le hanno dedicato un cocktail a San Francisco a base di gin. 

Ingredienti:

  • 22 ml di vodka
  • 22 ml di triple sec
  • 11 ml di liquore di lamponi
  • 22 ml di succo di limone
  • Champagne a piacere

Elaborazione:

  1. In un mixer versa vodka, il triple sec, il liquore di lampone e il succo di limone.
  2. Chiudi e agita per mischiare.
  3. Servi in un bicchiere da cocktail e completa con un po’ di champagne.

 TAGS:Belveder CitrusBelveder Citrus

Belveder Citrus é un vodka ottimo per cocktail.

 

 

 TAGS:Larios Triple SecLarios Triple Sec

Larios Triple Sec é un Triple Sec di Spagna.

 

 

 TAGS:Moët & Chandon Brut ImpérialMoët & Chandon Brut Impérial

Moët & Chandon Brut Impérial é un vino spumante con DO Champagne fatto con le caste chardonnay e pinot Noir e ha un grado alcolico di 12.50º

  

Avete altri suggerimenti? Non perdere questi e molti altri cocktail che di solito vi consigliamo!

 

Mai Tai: uno dei migliori cocktail a base di rum

 TAGS:Considerato tra le bevande più popolari a base di rum, il Mai Tai è un cocktail con un alto contenuto alcolico contenente anche il curacao ed il succo di lime. Sebbene sia stato inventato negli Stati Uniti, è strettamente legato alla cultura polinesiana o tiki grazie al suo sapore esotico ed al suo bell’aspetto fresco.

La storia racconta che questo cocktail è stato creato in un bar californiano chiamato “Trader Vic”, dal barman Victor J. Begeron nel 1944, che voleva omaggiare alcuni suoi amici che erano venuti in visita da Tahiti. Uno di loro, nel provarlo, avrebbe esclamato “Maitai Roa” (ossia “molto buono”) e da qui derivò quindi il nome di questo famoso cocktail.

Il Mai Tai, che vede il rum come suo ingrediente principale, è diventato popolare negli Stati Uniti durante gli anni ’50 ma il boom vero e proprio avvenne negli anni ’60 quando Elvis Presley lo beveva in una scena del film “Blue Hawaii”.

A tutt’oggi, la ricetta originale del Trader Vic è considerata dai puristi l’unico modo per prepararlo tuttavia, se siete in vena di sperimentare, ci sono almeno una dozzina di modi per fare il Mai Tai.

La ricetta del Mai Tai comprende i seguenti ingredienti:

  • 4 parti di rum
  • 1 parte di Orange Curacao, sia Triple Sec che Cointreau
  • 1 parte di succo di lime 
  • 1 cucchiaio di sciroppo di zucchero o di sciroppo di caramello
  • 1 parte di sciroppo di mandorla o amaretto
  • 1 rametto di menta fresca
  • ghiaccio tritato

Dopo aver messo insieme questi ingredienti, agitare il tutto in uno shaker e servire in un bicchiere con bocca larga o in un bicchiere alto tipo “Collins“.

Come possiamo notare, questo cocktail ha un alto contenuto alcolico, visti i liquori utilizzati nella sua preparazione.

Prendiamo in esempio il rum: è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione della canna da zucchero che viene affinato in botti di rovere e puo’ raggiungere fino agli 80 gradi di alcol (per ridurre questa percentuale spesso viene diluito con acqua distillata).

Dal suo canto il curacao è un liquore ottenuto dalla macerazione in alcool delle bucce amare di una varietà di arancia originaria dell’isola caraibica di cui porta lo stesso nome. La sua gradazione alcolica è compresa tra i 20 ed i 40 gradi.

Ci sono diverse varietà di Curacao: la più comune è il triple sec o curacao bianco, liquore incolore, che contiene più di 40 gradi di tripla distillazione fatta dalle bucce di questo particolare tipo di arancia sopra menzionato. E’ stato inventato nel 1875 da Edouard Cointreau, che lo registrò a suo nome nella città di Saint-Barthélemy d’Anjou (vicino ad Angers), nella regione francese della Loira.

Sia il succo di lime che le cucchiaiate di sciroppo di zucchero e mandorle che vengono aggiunti al Mai Tai, svolgono la funzione di addolcire questo cocktail e dargli un sapore più delicato. Si sconsiglia di berlo a stomaco vuoto; meglio come digestivo.

Data la fama che ha raggiunto, naturalmente ci sono state moltissime persone che si sono spacciate come suoi inventori. Uno di loro è il barman Ernest Raymond Beaumont, conosciuto anche come Don the Beachcomber, che diceva a chiunque lo ascoltasse di essere colui che aveva creato il Mai Tai, nel 1933.

La ricetta di Don the Beachcomber è la seguente:

  • 1 parte di rum scuro
  • 1 e 1/2 parte di rum oro o bianco
  • 1 e 1/2 cucchiaio di succo di lime o limone
  • 1 parte di succo di pompelmo
  • 1 parte di sciroppo di zucchero
  • 1/2 parte di Cointreau o Triple Sec
  • 1/2 cucchiaio di granatina 
  • 2 o 3 gocce di Angostura
  • 1 goccio di Pernod
  • ghiaccio
  • un ramo di menta fresca
  • una fettina di ananas 

La preparazione di questa versione del Mai Tai, oltre a mescolare il rum scuro con il bianco, consiste nel fatto che il rum bianco viene aggiunto dopo che gli altri ingredienti sono stati mescolati e serviti in un bicchiere alto.

L’idea è che il rum bianco rimanga in superficie, che non si mescoli troppo con gli altri ingredienti in modo che il sapore sia più “tropicale” e amarognolo.

E voi, quale versione preferite? Vi consigliamo un paio di rum ideali per preparare un ottimo Mai Tai:

 TAGS:Ron Barceló ImpérialRon Barceló Impérial

Ron Barceló Impérial è un rum caldo, morbido, perfetto come ingrediente per i cocktail.

 

 

 TAGS:Captain Morgan RumCaptain Morgan Rum

Captain Morgan Rum è un rum speziato, con il tipico sapore dei rum britannici, particolamente congeniale per i cocktail così vari come questo.