Tag: spumante

Per il dopo cena: 5 cocktail come dessert

 TAGS:undefined

Se vuoi preparare dei dessert interessanti dopo una cena, puoi scegliere i cocktail a base di frutta. Ci sono frutti che si possono trovare tutto l’anno, ideali per preparare ricette in ogni momento. Alcuni dei dessert sotto forma di cocktail rinfrescanti includono:

1. Sorbetto rinfrescante all’anguria con spumante rosato per cocktail freschi

Se stai cercando cocktail interessanti da servire prima o dopo cena, questa ricetta con uno spumante rosato è un ottimo punto di partenza. Per preparare il sorbetto all’anguria con spumante, avrai bisogno di:

  • 1 cucchiaino di scorza di limone o lime
  • 1 tazza di zucchero
  • ½ anguria dolce baby
  • 1 lime
  • 1 albume d’uovo
  • un vino spumante rosato

A seconda di quanto sia dolce l’anguria, puoi usare limone o lime. Il limone è l’ideale per contrastare i frutti più dolci e il lime è più dolce per i frutti meno maturi. Riduci lo zucchero a sciroppo sul fuoco e lascia raffreddare. Quando lo zucchero si è raffreddato, taglia l’anguria a cubetti e aggiungi la scorza di limone al composto. Versa la miscela di frutta in un frullatore con il resto degli ingredienti e il vino spumante. Sbatti il composto fino a ottenere una consistenza densa e cremosa, quindi versarlo nei bicchieri da cocktail e guarnisci con un rametto di menta fresca. 

2. “Slushy” di fragola con vino Moscato bianco per un delizioso capriccio di primavera

In tarda primavera, le fragole sono una frutta fresca che vedrai nel tuo negozio di alimentari. Ci sono molte ricette con il vion Moscato che puoi provare con le fragole fresche, compresa questa semplice ricetta di “slushy” di fragole. Gli ingredienti necessari per il tuo cocktail a base di fragole includono:

Congelare le fragole fresche in precedenza per garantire una consistenza “slushy” più cremosa. Rimuovere le fragole dal freezer e metterle direttamente nel frullatore. Versare il vino Moscato fino a coprire tutte le fragole, quindi frullare il %u200B%u200Bcomposto fino a ottenere la consistenza desiderata. Per finire, decorare il cocktail con fragole e un rametto di menta fresca.

3. Vin brulé con cioccolato e spezie fresche per scaldarti quando fa freddo

Nei paesi di tradizione germanica, la bevanda invernale preferita è un particolare tipo di composto a base di vino: il vin brulé. Si tratta di una bevanda calda per combattere le temperature molto fredde. È ottimo con frutta fresca e spezie come la cannella. Se vuoi preparare qualcosa di diverso con un cocktail di vin brulé, questi ingredienti ti aiuteranno a riscaldarti in una fredda giornata invernale:

  • Cioccolata calda o polvere di cacao
  • bastoncini di cannella
  • Cioccolato nero grattugiato
  • vin brulé
  • Mele fresche 

In una padella aggiungi la polvere di cacao, la cannella e le mele con due cucchiai di zucchero di canna e una tazza d’acqua. Fai bollire e lascia cuocere a fuoco lento finché la miscela non avrà una consistenza densa. Aggiungi lentamente il vin brulé mentre la temperatura scende e spegni il fuoco. Versa il composto in bicchieri e guarnisci con un rametto di cannella e una fetta di mela fresca. Come ultimo tocco, cospargi di cocktail con gocce di cioccolato nero. 

4. Sangria rinfrescante alla pesca bianca per un classico estivo da servire a cena

Una famosa bevanda estiva a base di vino per le giornate più calde è la sangria. Al giorno d’oggi, ci sono molte varianti della classica sangria spagnola, tra cui la sangria alla pesca bianca. Questi sono alcuni degli ingredienti che ti serviranno per dare un tocco rinfrescante alla sangria: 

In una padella, aggiungere lo zucchero e una quantità uguale di acqua e far bollire fino a quando non raggiunga la consistenza di sciroppo. Lasciare raffreddare lo sciroppo, quindi aggiungere le pesche sbucciate in un frullatore e sbattere fino a ottenere una consistenza di purea. Tritare le arance e metterle in una caraffa, versare la miscela di purea sui pezzi di arancia e quindi aggiungere parti uguali di vino e brandy. Lasciare riposare la miscela in frigorifero durante la notte e, il giorno dopo, sarà pronta per essere servita. 

5. Crema di gelato di spumante con fragole fresche per la primavera

Le bibite gassate sono un ottimo dessert per le alte temperature estive e possono essere trasformate in cocktail interessanti semplicemente aggiungendo un po’ di spumante. Gli ingredienti sono semplicissimi:

Questa è una ricetta semplice a cui puoi aggiungere i tuoi ingredienti preferiti, come la frutta fresca, per creare la tua speciale ricetta per cocktail.

Prova uno di questi cocktail rinfrescanti per finire la cena con un delizioso dessert. Qui troverai alcuni dei vini e dei liquori necessari per completare i tuoi dessert.

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut

 

 

 TAGS:Adami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di GicaAdami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di Gica

Adami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di Gica

5 miti su spumante e champagne che devi dimenticare

 TAGS:undefinedSi tratti di Champagne, Prosecco o spumante, non è un segreto che il mondo ami la loro effervescenza e magia. Ecco perché oggi sfateremo 5 miti alla base di queste deliziose bevande:

1. Devono essere aperti con un sonoro “pop”

Anche se si apre con un suono forte che e spettacolare, come siamo abituati a vedere nei film, non è sempre il modo migliore. È meglio aprire con una torsione del pollice di una mano e il fondo dell’altra ad un angolo di 45 gradi. Un morbido “Tsss” (come le bevande gassate) è meglio di un “pop”.

2. Utilizzare un cucchiaio per mantenerlo frizzante

Semplicemente non funziona per niente. È errato pensare che, utilizzando un cucchiaio d’argento, collocandolo in all’interno della bottiglia con il manico l’aria sarebbe rimasta fredda dando alle bolle più tempo di durata. Ma non è così. 

3. Gli spumanti provocano le peggiori sbornie

Un vero falso mito, ma la realtà è che, come qualsiasi altra bevanda alcolica, gli spumanti possono provocare o meno una brutta sbornia, quando tutto dipende dalla quantità consumata. Inoltre, ci teniamo a smentire che le bollicine fanno arrivare prima a uno stato generale d’ebbrezza.  

4. Lo Champagne deve essere servito solo come antipasto

Tradizionalmente, lo Champagne viene usato per celebrazioni e quindi servito per accompagnare antipasti a matrimoni ed eventi del genere. Tuttavia, esistono ottimi abbinamenti con un’ampia varietà di alimenti con cui è possibile preparare una deliziosa cena e degustare del buon Champagne.

5. Tutti gli spumanti sono Champagne

Questo non è affatto corretto e non è altro che un malinteso comune che la gente non capisce. Lo Champagne è un vino spumante prodotto con il metodo champenoise e che di solito è molto di qualità, grazie alla sua tradizione e storia. Tuttavia, il nome viene spesso usato come sinonimo di vino frizzante o spumante, il che è un uso molto poco corretto, perché ogni bevanda ha la sua identità. Salute!

 TAGS:Louis Roederer Brut PremierLouis Roederer Brut Premier

Louis Roederer Brut Premier

 

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Champagne vs Prosecco. Chi sta vincendo la partita in Europa?

 TAGS:undefinedIl Prosecco diventa sempre più forte in Europa e, secondo le statistiche, potrebbe presto raggiungere e superare le vendite dello champagne. Nell’ultimo trimestre del 2016, le vendite di Prosecco erano pari a 789 milioni di euro, mentre lo Champagne aveva superato 1.400 milioni. Analizzando a occhio nudo questi dati, si potrebbe concludere che il Prosecco non potrà minacciare concretamente il dominio dello champagne, ma ciò che è da notare è la tendenza di crescita di ciascuna di queste bevande negli ultimi anni.

In primo luogo, il valore del Prosecco cresce molto più velocemente di quello di champagne, con 24% contro uno 0,9%. Per quanto riguarda il volume, il Prosecco ha incrementato le vendite in Europa del 23%, ossia una quantità di 77 milioni di litri, mentre lo Champagne ha ridotto il suo volume di vendita dello 0,3%.

Tra i paesi principali nel consumo del Prosecco spicca il Regno Unito, che ne consuma 2,5 volte in più rispetto allla media italiana e paga quasi il doppio del prezzo al litro rispetto agli italiani stessi. In questo paese sono state venduti più dei tre quarti di Prosecco dell’Europa intera, per un totale di 600 milioni di euro di vendite, quasi il doppio rispetto allo Champagne che si è fermato ad appena 333 milioni, nonostante abbia ridotto i prezzi del 7 % dopo che il paese ha sancito il ‘Brexit’ nel giugno 2016.

Una delle ragioni che ha contribuito ad aumentare le vendite di Prosecco è l’imbottigliamento in bottiglie “Magnum” che sono più grandi del normale. Per esse i clienti sono disposti a pagare più volentieri piuttosto che acquistare 2 bottiglie normali con il volume equivalente. Più grande è la bottiglia, meglio è.

 TAGS:Foss Marai Prosecco Valdobbiadene Brut GuiaFoss Marai Prosecco Valdobbiadene Brut Guia

Foss Marai Prosecco Valdobbiadene Brut Guia

 

 

 TAGS:Foss Marai Marai de Marai Extra DryFoss Marai Marai de Marai Extra Dry

Foss Marai Marai de Marai Extra Dry

Quali vini si devono raffreddare e come?

 TAGS:undefined

Tutti gli appassionati di vino sanno che ciascuna varietà ha una temperatura ideale di servizio. Alcuni vini devono essere consumati a temperatura ambiente e, talvolta, possiamo rovinare l’esperienza di bere un vino se è servito troppo freddo o troppo caldo.

Per esempio, la maggior parte dei vini giovani bianchi e rosati, gli spumanti ed i vini dolci, sono migliori se sono bevuti freddi. Invece, i vini più corposi perdono parte della loro ricchezza negli aromi e nei sapori se sono ad una temperatura troppo bassa.

La giusta temperatura di servizio

Anche se già sappiamo che i vini rossi non devono essere serviti freddi, quello non significa nemmeno che dovono essere consumati caldi, perché a volte quello che chiamamo “temperatura ambiente” è lungi dalla temperatura ideale per apprezzare un vino nel modo giusto. Questo inconveniente sparisce quasi sempre se il vino è conservato in una cantina ad una giusta temperatura. Ma non tutti hanno la fortuna di avere una cantina. Risultato: il rosso è bevuto (nell’estate, per esempio, o in una case riscaldata) pìu caldo di quello che sarebbe consigliabile.

Una buona soluzione è di mettere i rossi nel frigorifero durante un momento, e verificare la temperatura con un termometro per bottiglie di vino che si può trovare al mercato. Nel caso dei rossi riserva, la cosa migliore è di tenerli in un luogo fresco e ventilato durante il tempo necessario per farli raffreddare, fino a raggiungere almeno 20º C. Se non è possibile: 10 o 15 minuti nel congelatore sarà sufficiente.

D’altra parte, una temperatura bassa può essere un buon alleato per mascherare, in una certa misura, le carenze di un vino mediocre. Si può constatare in molti locali e ristoranti, che tendono a raffreddare più del normale i vini che considerono più deboli.

 TAGS:La Scolca Rosa ChiaraLa Scolca Rosa Chiara

La Scolca Rosa Chiara

 

 

 TAGS:Comincioli Chiaretto DiamanteComincioli Chiaretto Diamante

Comincioli Chiaretto Diamante

È importante innovare nello Champagne?

 TAGS:undefinedIl business delle bevande è un po ‘più complesso rispetto agli altri settori in quanto, in questo caso,per innovare qualcosa si deve programmare anni prima, ossia quando i frutti sono piantati. Per lo Champagne non è diverso, perché le sue campagne di marketing devono essere preparate con un massimo di 3 anni di anticipo. In genere, queste progettazioni vanno verso la confezione del prodotto specifico e tecnico per raggiungere un pubblico più giovane, mantenendo lo stile Premium della bevanda in sñe, come dice Lynn Murray, direttrice del marketing di Hatch Mansfield, in un articolo pubblicato nella rivista The Drink Business. Murray assicura che le sfide aiutano a raggiungere le masse dei giovani weguendo e rispettando la varietà delle leggi che esistono per fare appello a tali bevande.

Oliver Legrand, direttore del marketing e della comunicazione di Nicolas Feuillatte, ha una visione diversa, perché, anche se concorda sul fatto che la cosa migliore da fare è l’innovazione del packaging, crede che bisognerebbe aggiungere un valore che denoti maggiore eccellenza e prestigio . Alcuni anni fa è stata infatti da loro lanciata una serie di tre bevande che, invece di creare solo un pacchetto di regalo di lusso, hanno visto la collaborazione dei migliori chef che hanno poi creato un menù completo di coppia offrendo un’esperienza unica per i commensali e per le persone che hanno acquistato il loro prodotto.

Terence Kenny, direttore delle esportazioni dello champagne Pannier, aggiunge: “l’innovazione può avvenire in diversi modi, sia attraverso la creazione di bevande a basso dosaggio per frutti di mare, di color rosa confetto per un tè pomeridiano con pasticcini o un forte rosso per accompagnare carni. In Pannier abbiamo tutto questo da offrire ed è il nostro principale vantaggio. ” L’innovazione, insomma, può essere presentata come un ventaglio ben diversificato di prodotti in modo che i consumatori possano scegliere tra vari champagne.

L’incremento del consumo di champagne tra i giovani è stato la chiave per avviare una ricerca innovatrice sulla bevanda stessa. Il Moët Ice Impérial è stato lanciato nel 2011 con un concetto diverso: servire champagne con ghiaccio. E, anche se non era la prima bevanda del suo genere ad essere servita in questo modo, ha stabilito una tendenza che è diventata molto popolare tra le giovani generazioni, esortando i produttori a trovare nuovi modi per innovare e attrarre questi consumatori.

 TAGS:Moët & Chandon Ice ImpérialMoët & Chandon Ice Impérial

Moët & Chandon Ice Impérial

 

 

 TAGS:Moet & Chandon Ice Rosé ImpérialMoet & Chandon Ice Rosé Impérial

Moet & Chandon Ice Rosé Impérial

Quali vini bere per il pranzo di Natale?

 TAGS:undefined

Natale si avvicina e come ogni anno arriva il momento di scegliere un menù ma anche i vini che accompagneranno il pranzo del 25 dicembre.

A meno di un mese dalla festa tradizionale, vi proponiamo di aiutarvi nella scelta del vino e vi diremo anche come abbinarlo in funzione del tipo di pasto.

Il brindisi e l’antipasto

ll brindisi può essere il primo passo per cominciare i festeggiamenti : ecco perchè non si deve sbagliare. Per brindare, i vini spumanti come un Champagne, un Prosseco oppure un Franciacorta, sono spesso raccomandati, perché le bollicine preparano il palato per il prosieguo del pranzo. Con questi tipi di vini, si possono prendere antipasti di verdure o formaggi freschi.

Primi e secondi piatti 

Nelle regioni del nord dell’ Italia, si cucinano generalmente i tortellini in brodo per il pranzo di Natale. Con questo pasto è consigliato di bere un vino rosso come un Lambrusco, che proviene dallo stesso territorio.

Per i piatti a base di carne, di selvaggina o con gli arrosti si possono abbinare vini rossi come : Chianti, Nebbiolo, Barbera, Nero D’Avola, Primitivo di Manduria.

Invece nelle regioni del sud, è più comune di mangiare del pesce. Con i piatti a base di pesce si abbinano perfettamente i vini bianchi di tipo Vermentino, oppure vini come un Fiano di Avellino, un Verdicchio dei Castelli di Jesi od un Traminer.

I dolci : pandoro e panettone

In Italia il pandoro (originiario da Verone) ed il panettone (originiario da Milano) sono essenziali per un pranzo di Natale riuscito, e questo, al sud come al nord del paese. Con questi dolci se beve generalmente un Moscato oppure un Passito di pantelleria.

Buon appetito e buone feste !

 

 

 

 TAGS:Tenuta Ulisse Montepulciano D'Abruzzo 2014Tenuta Ulisse Montepulciano D’Abruzzo 2014

Tenuta Ulisse Montepulciano D’Abruzzo 2014

 

 

 TAGS:Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011

Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011

Champagne cocktail: una tendenza in crescita

 TAGS:undefined

Non si può avere più piacere che di bere un delizioso cocktail durante un tramonto nella vostra confortevole terrazza, di fronte al mare, guardando il sole scompare all’orizzonte. Quando sentiamo la parola “cocktail” di solito pensiamo a un whisky, un rum, una vodka o un gin con del succo di frutta, ma la verità è che le tendenze stanno cambiando. Infatti, secondo i risultati di un’indagine condotta dal gruppo Codorníu Raventós, in Spagna, per esempio, ci sono cocktail con champagne ed altri vini spumanti e, è una vera moda tra i consumatori che hanno dai 18 ai 65 anni.

Il cocktail con champagne è di moda

Di solito, secondo lo studio dal gruppo Codorníu Raventós, gli Spagnoli preferiscono sorseggiare un cocktail durante i giorni estivi. Come indicato precedentemente, la preferenza è per quei drink con rum e whisky, mentre il champagne si trova al terzo posto, prima dei cocktail a base di gin e tequila. La tendenza sta lentamente cambiando, perche anche se il 56% delle persone preferiscono un cocktail “classico”, il 44% scelgono di provare nuovi, come quelli a base di champagne. Inoltre, è una tendenza che col tempo sta guadagnando terreno.

Tra quelle persone intervistate, le migliori e preferite associazioni sono bevande a base di champagne e succhi di frutta, con oltre la metà degli intervistati che scelgono questa opzione ; anche se altre combinazioni -un po’ più esotiche- che inlcudono spezie o miele, sono anche in aumento.

Oggi, con tutti gli elementi disponibili a portata di mano, si può preparare qualunque cocktail a casa, dovuto al vasto accesso agli strumenti e utensili per preparare cocktail in modo professionale. Gli Spagnoli, ancora preferiscono uscire nei bar locali e pub per divertirsi con loro famiglie e amici, seguito dai cocktail bar e infine dai bar specializzati o terazze “chill-out”.

Qualunque cosa o dovunque, l’importante, è che ti goda il tuo cocktail con champagne e, soprattutto, berlo in buona compagnia 😉

 TAGS:Ferghettina Franciacorta BrutFerghettina Franciacorta Brut

Ferghettina Franciacorta Brut

 

 

 TAGS:Cá del Bosco Franciacorta Cà del Bosco Cuvèe Prestige 375ml 2011Cá del Bosco Franciacorta Cà del Bosco Cuvèe Prestige 375ml 2011

Cá del Bosco Franciacorta Cà del Bosco Cuvèe Prestige 375ml 2011

 

 

L’aperitivo spritz invade i bar del mondo

 TAGS:undefined

La bevanda veneta è diventata uno dei cocktail più famosi del momento ed in molti paesi. Per esempio, in Francia, si può bere uno spritz in quasi tutti i bar.

Lo spritz è un aperitivo alcolico tipico del Veneto, a base di vino Prosecco con aggiunta di un liquore (come Aperol, Campari o Select) ed una spruzzata di acqua frizzante o Seltz. Però, non esiste oggi una ricetta standardizzata per lo spritz, cambia secondo le regioni ed i gusti.

La storia dello spritz 

Lo spritz è apparso durante il periodo della dominazione Asburgica in Veneto nell’ 800. Gli Asburghi spruzzavano un po’ d’acqua all’interno del vino, per alleggerirlo e chiedevano uno “spritz” quando volevano vino ed acqua. Quindi la parola “spritz” viene del tedesco “spritzen” (spruzzare).Tuttavia, l’abitudine di mescolare al vino un po’ d’acqua per renderla una bevanda meno alcolica è un’usanza veneta già da molto prima dell’arrivo degli austriaci in Veneto.

Nel corso degli anni, la bevanda si è trasformata, prima con l’utilizzo dell’acqua di Seltz, puoi con l’aggiunta di liquori come l’Aperol, il Campari, fino ad ottenere il cocktail che beviamo oggi.

Ricetta : 

Ingredienti :

  • 1/3 di Campari o Aperol (più dolce)
  • 1/3 di Prosecco
  • 1/3 di acqua frizzante
  • Ghiaccio
  • 1 fetta d’arancia
  • (1 oliva verde) 

Préparazione :

  1. Riempire di ghiaccio un bicchiere, versare nell’ordine il vino, il bitter e infine l’acqua o il Seltz.
  2. Guarnite con una fetta d’arancia ed eventualmente un’oliva verde.

 

 TAGS:CampariCampari

Campari

 

 

 TAGS:AperolAperol

Aperol

 

 

Cocktail con spumanti, una moda in crescita

 TAGS:undefinedNon si può avere più piacere più grande di un delizioso cocktail durante un tramonto nella vostra confortevole terrazza, di fronte al mare, guardando il sole sparire all’orizzonte. Quando sentiamo la parola cocktail di solito pensiamo a whisky, rum, vodka o gin, con una certa preferenza verso il succo di frutta, ma la verità è che le tendenze stanno cambiando. In Spagna, per esempio, ci sono cocktail con champagne e spumanti che stanno prendendo piede tra i consumatori che vanno dai 18 ai 65 anni, secondo un sondaggio da parte del Gruppo Codorniu Raventos.

In generale, secondo il suddetto studio, gli spagnoli preferiscono sorseggiare un cocktail durante le giornate estive. Come detto prima, la preferenza è per quelle bevande con rum e whisky, anche se lo spumante si è ormai posizionato al terzo posto, al di sopra di cocktail a base di gin e tequila. La tendenza sta lentamente cambiando, perché anche se il 56% coloro preferisce un cocktail “classico”, il 44% staoptando per provare cose nuove, come quelli a base di spumante, ed è una tendenza che sta guadagnando terreno con il passare del tempo.

La combinazione che piace di più tra gli intervistati è quella di spumante e succhi di frutta, con oltre la metà degli intervistati che lo preferiscono, anche se altre combinazioni un po ‘più esotiche come i cocktail con spezie o miele sono in aumento.

Mentre oggi un cocktail può essere preparato in casa con vari strumenti e utensili professionali, gli spagnoli preferiscono ancora andare nei locali per vivere con amici le serate tipiche del posto, soprattutto in terrazze all’aria aperta. 

Comunque sia, l’importante è che voi godiate sempre del vostro cocktail con spumante e buona compagnia 😉

 TAGS:Ferghettina Franciacorta BrutFerghettina Franciacorta Brut

Ferghettina Franciacorta Brut

 

 

 TAGS:Foss Marai Surfiner Cuvee BrutFoss Marai Surfiner Cuvee Brut

Foss Marai Surfiner Cuvee Brut

 

3 cocktail deliziosi con spumante

 TAGS:undefinedQuando si tratta di un cocktail tendiamo subito a pensare a qualcosa di tradizionale per questo tipo di bevande come rum o vodka. Tuttavia, una tendenza che sta predendo piede in molti paesi è quella di preparare cocktail deliziosi a base di champagne o spumante. Con l’arrivo dell’estate, sono bevande che permettono di godere della compagnia di amici e familiari. Ecco qui 3 cocktail con spumante facili da preparare:

Cocktail di spumante e fragole

Ingredienti (per 4 bicchieri):

  • 4 shottini di liquore all’arancia
  • 4 cucchiaini di miele
  • 4 fragole fresche
  • 1 bottiglia di spumante ghiacciato

Preparazione:

  1. Mescolare in un mixer liquore all’arancia, miele e fragole per un po ‘fino a quando rimane un liquido liscio ed omogeneo
  2. Prendi calici, precedentemente raffreddati, e servi il composto di fragole a metà
  3. Riempire l’altra metà con spumante gelato e godilo!

Agua de Valencia

Ingredienti:

  • 40 ml di spumante semi secco
  • 80 ml di succo d’arancia 
  • 15 ml di vodka
  • 2 cucchiaini di zucchero

Preparazione:

  1. Prendi i quattro indredienti freschi e mischia fino a farli dissolvere

Si noti che questa è una bevanda molto forte e bisogna consumarla con moderazione. La vodka e gli altri distillati mischiati allo spumante  possono essere dannossi se non consumati con cautela-

Cocktail di mela frizzante

Ingredienti:

  • 1 misura di succo di mela
  • 1/2 misura cognac
  • 1/ di sciroppo semplice
  • 4-5 pezzi di mela
  • 3 misure di spumante
  • Ghiaccio a piacere

Preparazione:

  1. Mettere in un mixer succo di mela, cognac, sciroppo, pezzi di mela e ghiaccio necessari. Agitare bene preparando una miscela omogenea.
  2. Prendete un bicchiere pre-raffreddato, servite il composto e aggiungete lo spumante e godetelo.

Si può anche preparare una versione non alcolica di questa bevanda facendo a meno del cognac mettendo al suo posto del succo di pera, o utilizzando il sidro invece dello spumante.

 TAGS:Foss Marai Surfiner Cuvee BrutFoss Marai Surfiner Cuvee Brut

Foss Marai Surfiner Cuvee Brut

 

 

 TAGS:Perrier-Jouët Grand BrutPerrier-Jouët Grand Brut

Perrier-Jouët Grand Brut