Tag: salute

Il vino rosso, alleato contro il tumore alla prostata

Abbiamo già detto, in più di un occasione, quali sono i benefici del vino rosso. Oltre a possedere i polifenoli dell’uva, che sono antiossidanti, il vino rosso è utile per la memoria e ci offre una buona dose di benessere, anche come alleato contro il tumore alla prostata.

Ciò è confermato da uno studio di alcuni urologi che hanno dimostrato che il vino rosso può ridurre il rischio di cancro alla prostata, mentre, il vino bianco può aumentare il rischio di soffrirne.

Questa ricerca ha dimostrato, secondo i risultati ottenuti, che il consumo moderato di vino, da parte di uomini sottoposti allo studio, non ha aumentato il rischio di cancro alla prostata. Ma è importante sottolineare che i risultati variano significatamente in base al colore del vino.

I bevitori di vino bianco hanno riscontrato un leggero aumento del rischio di cancro alla prostata. Invece, gli uomini che hanno bevuto vino rosso, sempre in modo moderato, hanno avuto una significativa riduzione del 12% nel rischio di soffrire di questo tipo di cancro.

Non è la prima volta che il vino è correlato alla possibile prevenzione di vari tipi di tumori e questo è il motivo per cui vari medici hanno voluto approfondire questo argomento, dato che esistono molti studi contraddittori.

Differenziando tra tipi di bevande alcoliche e modalità di consumo, si evidenzia che il vino rosso, consumato moderatamente, può ridurre significativamente il rischio di soffrire di alcuni tumori.

Inoltre, un altro studio pubblicato sulla rivista Cancer Science ha dimostrato che il resveratrolo, una sostanza chimica presente nel vino rosso ma non nel bianco, può aumentare l’efficacia delle radiazioni per distruggere le cellule tumorali della prostata.

Senza dubbio, tra le principali conclusioni possiamo evidenziare che il livello di prevenzione e riduzione di questa malattia dipende dal tipo di bevanda che viene somministrata, poiché non tutte le bevande alcoliche producono lo stesso risultato, come hanno visto i ricercatori.

 

 

 TAGS:Cà Dei Frati Lugana I Frati 2017Cà Dei Frati Lugana I Frati 2017

Cà Dei Frati Lugana I Frati 2017

 

 

 TAGS:Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015

Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015

Come influisce il vino sulla tua dieta?

 TAGS:undefined

La relazione tra vino e dieta non è mai stata molto chiara. Da un lato, abbiamo la dieta mediterranea, che elogia il vino e consente di consumarne uno o due bicchieri ogni giorno durante il pasto. Ma d’altra parte, c’è il controllo delle calorie quando beviamo alcolici.

Interessanti studi sulla dieta mediterranea hanno dimostrato chiaramente che queste abitudini alimentari (e il consumo di vino) influiscono positivamente sulla nostra salute, migliorando, per esempio, la salute del cuore e riducendo il rischio di diabete di tipo 2.

Per un maggior controllo della nostra alimentazione, alcuni produttori di vino offrono informazioni nutrizionali sulle loro etichette, anche se è difficile sapere esattamente quante calorie apporta effettivamente con ogni sorso, e il risultato finale può variare molto.

Nonostante siano sempre presenti diversi carboidrati, molti vini aiutano nel controllo della glicemia. Come norma generale possiamo ricordare che più il vino è dolce, più alto è il suo contenuto di carboidrati. Il vino rosso e il bianco secco sono scelte eccellenti per mantenere basso il livello di carboidrati.

C’è un altro fattore importante: l’alcol interrompe il processo metabolico. Poiché l’alcol è una tossina, il corpo non può immagazzinarlo, ma deve invece analizzarlo immediatamente e filtrarlo. Proprio per questo, il corpo dà priorità all’elaborazione dell’alcol e blocca la metabolizzazione di tutti gli altri nutrienti. Ciò significa che i carboidrati che sono stati consumati hanno meno probabilità di essere bruciati, e sono più propensi a scomporsi in zuccheri, per essere successivamente immagazzinati come grassi.

Dire che l’alcol fa ingrassare non è del tutto corretto, a meno che non venga consumato in grandi quantità. I nutrizionisti affermano che ciò che ingrassa sono probabilmente gli altri alimenti che si mangiano, poiché possono trasformarsi in grassi quando si beve troppo. Inoltre, sostengono che quando si beve alcolici in combinazione con proteine e verdure, che sono alimenti a basso contenuto di carboidrati, è quasi impossibile aumentare di peso.

Altri nutrizionisti e medici dimostrano che molte ricerche hanno analizzato i principali fattori per mantenere uno stile di vita sano … e uno di questi è il consumo moderato di alcol.

 TAGS:San Marzano Anniversario 62 Primitivo Di Manduria Riserva 2014San Marzano Anniversario 62 Primitivo Di Manduria Riserva 2014

San Marzano Anniversario 62 Primitivo Di Manduria Riserva 2014

 

 TAGS:San Marzano Sessantanni Primitivo Di Manduria 2014San Marzano Sessantanni Primitivo Di Manduria 2014

San Marzano Sessantanni Primitivo Di Manduria 2014

Migliora le tue abilità con il vino

 TAGS:undefinedC’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire sull’alcool e sugli effetti che ci procura. La cosa principale riguarda la preoccupazione di bere con moderazione e di non bere e guidare mai. Naturalmente, Uvinum sostiene con tutto il cuore i messaggi di prevenzione delle campagne sulla salute.

Ciò nonostante, degli studi recenti hanno dato un accezione positiva al moderato consumo di alcool. I benefici della dieta Mediterranea sono stati a lungo dimostrati dagli scienziati, quindi su questi non ci soffermeremo. Abbiamo invece scoperto cinque studi, i quali provano che l’alcool può intensificare le tue abilità.

Abilità di ballo

Nel Dicembre scorso, il Times pubblicò i risultati dello studio del professor David Nutt, il quale dichiarava che sei bicchieri migliorano significativamente il tuo punteggio ad un gioco di ballo all’Xbox. Questo corrisponde ad una bottiglia di vino. Tuttavia, sembra che questa nuova abilità acquisita scompaia oltre le sei bevande.

Abilità con le lingue straniere

Secondo uno studio pubblicato sul “Journal of Psychopharmacology” (Giornale di Psicofarmacologia) e condotta dalle università del King’s College, a Liverpool e Maastricht, un bicchiere di alcool ha un impatto positivo sulle prestazioni linguistiche, sia auto-valutate che da un osservatore. Perciò, la prossima volta che vai in vacanza ad una degustazione di vino Spagnola o Italiana, non esitare a bere del vino per parlare con la gente del posto.

Capacità di risoluzione dei problemi

Un nuovo studio del Professor Jennifer Wiley dell’Università di Illinois sembra provare che due bicchieri di vino o birra ti rendono migliore e più veloce nei rompicapo che se fossi sobrio. Anche se, potrebbe valere la pena sottolineare che questo effetto è limitato in quanto l’alcol aumenta la creatività con cui è possibile affrontare un problema, ma le proprie capacità analitiche si riducono.

Senso dell’olfatto

 L’Istituto Scientifico in Israele ha provato in uno studio che due bicchieri di alcol per le donne e tre per gli uomini possono migliorare le vostre prestazioni olfattive. In altre parole, identifichiamo più odori quando siamo leggermente ubriachi. Sebbene, proprio come con le altre abilità, questo vantaggio scompare se si va oltre un consumo moderato.

Abilità sociali 

Secondo un articolo pubblicato nel Psychological Science, con qualche drink in più puoi migliorare potenzialmente le tue abilità sociali. L’alcool sembra facilitare il coinvolgimento nelle discussiomi e farti sorridere di più, facilitando in tal modo il legame sociale. 
Tuttavia, i cicchetti di vodka non sostituiranno delle relazioni sane.

 

 

 TAGS:Sant'antonio Scaia Bianca Veneto 2017Sant’antonio Scaia Bianca Veneto 2017

Sant’antonio Scaia Bianca Veneto 2017

 

 

 TAGS:Marisa Cuomo Furore Bianco 2017Marisa Cuomo Furore Bianco 2017

Marisa Cuomo Furore Bianco 2017

Il vino che non da mal di testa

 TAGS:undefinedAnche se non è un sintomo comune, alcune persone, dopo aver bevuto vino, soffrono di mal di testa. Ciò è dovuto a problemi allergici causati dall’istamina della fermentazione dell’uva, che si trova sempre più spesso in molti vini.

Ma ora tutti possono bere vino perché  ne è stato elaborato uno senza questa molecola, l’istamina. Questo vino è stato prodotto grazie allo studio del Politecnico di Madrid (UPM) e dell’Università di Valencia, e ha avuto un grande impatto perché è stato pubblicato sull’International Journal of Food Microbiology.

Per ottenere quest’obiettivo si suppone che batteri indigeni selezionati annulino naturalmente coloro che producono l’istamina, che è ciò che può provocare allergie. Pertanto, nella fermentazione questo composto non viene generato.

A quanto pare è dunque l’istamina a provocare molte reazioni allergiche, come ad esempi cali della pressione sanguigna, arrossamento della pelle e quel mal di testa che è spesso fastidioso e non permette a molte persone dicono di bere vino. In realtà questo nuovo vino è una buona scoperta, poiché l’istamina è sempre più utilizzata nella produzione di vini e forse non sarebbe necessaria, come dimostrato da questo studio.

I responsabili dello studio spiegano che la riduzione dei livelli di istamina è benefica per la sicurezza alimentare del vino.

A proposito dello studio

Per elaborare questo vino, il cui processo di creazione partì nel 2010, sono stati utilizzati due depositi con caratteristiche identiche. Mentre in uno si svolgeva una fermentazione malolattica senza batteri lattici che producono istamina, nel secondo serbatoio si elaborava il processo classico. Piano piano si è proceduto a realizzare un processo biologico di spostamento naturale dei batteri che producono ammine biogeniche.

 TAGS:Poderi Luigi Einaudi Langhe Nebbiolo 2015Poderi Luigi Einaudi Langhe Nebbiolo 2015

Poderi Luigi Einaudi Langhe Nebbiolo 2015

 

 

 TAGS:Bruno Rocca Dolcetto D'Alba Vigna Trifolè 2016Bruno Rocca Dolcetto D’Alba Vigna Trifolè 2016

Bruno Rocca Dolcetto D’Alba Vigna Trifolè 2016

Come prevenire il mal di testa associato al vino?

 TAGS:undefinedAl di là dei postumi di una sbornia dopo una notte in cui si alza troppo il gomito, alcune persone soffrono dolori associati con il mal di testa dopo aver bevuto vino. Normalmente ci vogliono solo uno o due bicchieri per far sì che queste persone soffrano di emicrania, dato che si tratta di qualcosa di più comune di quanto si pensi, il che ha originato vari studi scientifici condotti al fine di decifrare il problema.

Non c’è una risposta definitiva all’origine di questi mal di testa. Alcuni studi suggeriscono che questi disturbi possono essere il risultato dell’assunzione dei solfiti mentre altri parlano di tiramina o di istamine. Qualunque sia il responsabile ultimo, sono tutti elementi naturali contenuti nell’ uva o utilizzati durante i vari processi di vinificazione, contribuendo a preservare il colore e anche il sapore.

Dal momento che i trigger possono essere trovati naturalmente nell’uva e nel vino – oltre ad essere fondamentali per dare vita a quei vini che così tanto ci piacciono-, abbiamo selezionato una serie di consigli per aiutare a prevenire questi mal di testa.

Scienziati e medici responsabili per gli studi in questione suggeriscono che è necessario osservare le variabili tra le quali il tempo del consumo, al fine di determinare il grado di sensibilità delle persone a questi elementi secondo diversi fattori, in modo che possano evitare situazioni di disagio. Gli esperti dicono che lo stress può essere una causa importante, e raccomandano quindi di vedere se l’emicrania appare dopo una dura giornata di lavoro o nei momenti di relax e di vacanza.

Inoltre, rimanere idratati e bere con moderazione è un modo di base per prevenire il mal di testa associato al vino e alle altre bevande alcoliche, oltre ad essere un metodo efficace per prevenire postumi di una sbornia il giorno successivo. Inoltre, gli esperti consigliano anche di prendere un antistaminico per bloccare i sintomi di disagio.

 TAGS:Manzanilla la GitanaManzanilla la Gitana

Manzanilla la Gitana

 

 

 TAGS:Pruno 2015Pruno 2015

Pruno 2015

Bere con moderazione e in compagnia porta benessere

 TAGS:undefinedBere è un atto sociale che è diventato ormai un’azione da fare in compagnia. Alcuni studi dimostrano che bevitori sociali hanno più amici per il sostegno emotivo in varie situazioni di vita.Il bere sociale può avere un grande effetto sul benessere delle persone dato che è collegato ad attività sociali, come risate, canti e balli grazie ai quali riusciamo a rafforzare i nostri legami sociali.

In anni è stato anche mostrato il legame tra alcool e il rilascio di endorfine, che è particolarmente rilevante, ma sempre se assunto con moderazione. Infatti, l’attivazione di endorfine non solo ci rende più rilassati, ma sembra anche “accordare” il sistema immunitario.

Il fatto che il bere rimanga un fattore sociale è significativo, e questo è perché fornisce due potenziali benefici sociali: uno è che il consumo moderato di alcol aumenta il benessere psicologico e, direttamente o indirettamente, favorisce la costruzione di stretti legami personali e sociali.

La più recente ricerca ha dimostrato che il consumo moderato di alcol può avere effetti benefici sulla cognizione, tra le quali la cognizione sociale. Cioè, se un atteggiamento sano verso il consumo di alcol è cresciuto non solo se ne impedisce l’abuso, ma è anche un esempio positivo per famiglia ed amici. 

Consigli sani

  • Non combinare cibi e bevande con spuntini, soprattutto quando si è fuori con gli amici.
  • Non utilizzare una bevanda gassata al posto dell’ acqua tra ogni bevanda.
  • Bere vino di qualità invece di vino economico.
  • L’assunzione di integratori vitaminici con acido folico nelle donne con consumo alcolico bassi livelli.
  • Non bere da solo.
  • Non bere se si è pensato di guidare o durante il lavoro.

 TAGS:Teruzzi & Puthod Peperino Toscana 2013Teruzzi & Puthod Peperino Toscana 2013

Teruzzi & Puthod Peperino Toscana 2013

 

 

 TAGS:Giuseppe Sedilesu Cannonau Di Sardegna Mamuthone 2014Giuseppe Sedilesu Cannonau Di Sardegna Mamuthone 2014

Giuseppe Sedilesu Cannonau Di Sardegna Mamuthone 2014

Una birra al giorno può aiutare a prevenire un attacco al cuore

 TAGS:undefinedIl titolo dice tutto: una birra al giorno può aiutare a ridurre il rischio di infarto e altri problemi cardiovascolari. Questa è la conclusione dello studio presentato dalla Pennsylvania State University in occasione dell’ultima riunione della American Heart Association, la più grande associazione di cardiologia al mondo.

Lo studio in questione si è basato sull’analisi di campioni di sangue di 80.000 adulti in contrasto con il loro consumo di alcol durante ciascun trimestre degli ultimi 6 anni. Questi campioni di sangue hanno permesso ai ricercatori di misurare – tra gli altri fattori – i livelli di lipoproteine ad alta densità, dato che mantenere le lipoproteine nel livello medio (meglio conosciuto come “colesterolo buono”) aiuta ad evitare che le arterie si intasino, una delle principali cause di problemi cerebrovascolari e malattie cardiovascolari.

I risultati mostrano che le persone con un consumo moderato di alcol, pari a una o due pinte al giorno, mantengono un sano livello di “colesterolo buono”. Questo effetto positivo è stato più evidente nei campioni di sangue di consumatori abituali di birra in quelli con un debole per le altre bevande alcoliche.

Questo diventa quindi un argomento che supporta la conclusione dei benefici del consumo di una birra quotidiana. “Uno dei motivi per alzare il gomito, anche se probabilmente è meglio farlo una volta sola”, dice Shue Huang, autore principale dello studio.

Nonostante questo sia uno dei più grandi studi in questo settore, non è l’unico. In effetti, su Uvinum abbiamo già mostrato gli effetti positivi di un consumo moderato di birra indicando le sue qualità stimolanti per l’attività del cervello e la memoria, oltre alle capacità di ridurre i problemi di salute come le malattie cardiovascolari, l’artrite o l’ invecchiamento della pelle.

Non c’è dubbio che questa notizia farà piacere a tutti coloro che amano bere una birra fredda con gli amici dopo il lavoro. Salute a tutti loro!

 TAGS:Damm Inedit 75clDamm Inedit 75cl

Damm Inedit 75cl

 

 

 TAGS:Leffe BruneLeffe Brune

Leffe Brune

Vino biologico o biodinamico, qual è la differenza?

 TAGS:undefined

Oggi, esiste un crescente interesse per i vini biologici e/o biodinamici. Però qual è la differenza tra i due?

Prima di tutto, i termini “organico”, “ecologico” o “biologico” sono considerati sinonimi in Europa. Tutti i vini biologici o biodinamici “certificati” devono avere un logo, una etichetta permettendo la loro identificazione al consumatore.

I vini ecologici o biologici

Provengono dall’agricoltura biologica. La conduzione del vigneto avviene seguendo tecniche agricole che escludono alcuni concimi e pesticidi (fertilizzanti, erbicidi, insetticidi). Gli organismi e sostanze transgenici, gli additivi, i coloranti ed i conservanti sono vietati anche. Viene poi il lavoro in cantina. Si deve diminuire il livello di SO2 e di alcune altre sostanze chimiche. Tuttavia si può usare alcuni lieviti selezionati (chimici) ed altri trattamenti.

 I vini biodinamici 

Questi vini provengono dall’agricoltura biodinamica : un concetto esistente dall’inizio del secolo scorso. Il vigneto oppure la terra sono considerati come essere viventi. L’obiettivo è che la vite sviluppa le sue proprie difese immunitarie contro i microbi, gli insetti, le malattie. Come? Favorendo la biodiversità ed i microrganismi. Questo lavoro continua poi in cantina e nel modo di vinificare i vini. Le tecnologie ed i trattamenti chimici non sono autorizzati, il tasso di SO2 deve essere debolissimo all’imbottigliamento e soprattutto, i lieviti indigeni o naturali non sono autorizzati per la fermentazione alcolica.

Oggi, in molte tenute che elaborono vini biologici o biodinamici, il concetto va al di là delle norme europee. È una filosofia, uno stile di vita. Le tecniche di lavorazione delle vigne sono più difficili. Molte volte, l’aratura della vigna viene effettuata con cavalli o a mano. I rendimenti sono più bassi. Però i vini sono autentici, con una vera personalità e un carattere locale tipico.

 

 

 TAGS:Camins del Priorat 2014Camins del Priorat 2014

Camins del Priorat 2014

 

 

 TAGS:Giuseppe Sedilesu Cannonau Di Sardegna Mamuthone 2014Giuseppe Sedilesu Cannonau Di Sardegna Mamuthone 2014

Giuseppe Sedilesu Cannonau Di Sardegna Mamuthone 2014

Una birra al giorno può ridurre il rischio di un attacco cardiaco

 TAGS:undefinedIl titolo lo dice tutto: una birra al giorno può aiutare a ridurre il rischio di infarto e altri problemi cardiovascolari. Questa è la conclusione dello studio presentato dalla Pennsylvania State University in occasione dell’ultima riunione della American Heart Association, la più grande istituzione di cardiologia al mondo.

Lo studio in questione si è basato sull’analisi di campioni di sangue di 80.000 adulti in contrasto con il loro consumo di alcol durante ciascun trimestre degli ultimi 6 anni. Questi campioni di sangue hanno permesso ai ricercatori di misurare, tra gli altri fattori, i livelli di lipoproteine ad alta densità. Per mantenere i livelli sani di quello che è meglio conosciuto come “colesterolo buono” le lipoproteine aiutano a prevenire le arterie intasate, una delle principali cause di problemi cerebrovascolari e malattie cardiovascolari.

I risultati mostrano che le persone con un consumo moderato di alcol, pari a uno o due pinte al giorno, mantenengono un livello sano di “colesterolo buono”. Questo effetto positivo è stato più evidente nei campioni di sangue di consumatori abituali di birra che in quelli con un debole per le altre bevande alcoliche.

Al contrario, nessun effetto simile è stato osservato in coloro che hanno bevuto una dose più elevata di alcol. Si tratta, senza dubbio, di un argomento che supporta la conclusione dei benefici del consumo di una birra al giorno. “È uno dei motivi per alzare il gomito, anche se probabilmente è meglio farlo una volta sola al giorno“, asserisce Shue Huang, autore principale dello studio.

Sebbene questo sia uno dei più grandi studi in questo settore, non è l’unico. In effetti, su Uvinum abbiamo parlato degli effetti positivi di un consumo moderato di birra in altri articoli riguardo le qualità stimolanti per l’attività del cervello e la memoria, su come riducono i rischi di malattie cardiovascolari, l’artrite o invecchiamento pelle.

Non c’è dubbio che questa notizia farà piacere a tutti coloro che amano prendere bere una birra fredda con gli amici dopo il lavoro. Salute a tutit loro!

 TAGS:OrvalOrval

Orval

 

 

 TAGS:Damm Inedit 75clDamm Inedit 75cl

Damm Inedit 75cl

Che si mangia nei 5 paesi più salutari del mondo?

 TAGS:undefinedUno studio pubblicato dalla rivista britannica The Lancet mostra lo stato attuale di salute in 188 paesi diversi. Dai dati ottenuti negli ultimi 25 anni sull’evoluzione dello stato di salute, la malattia e il rischio in diversi territori rispetto ai fattori socio-demografici di ogni regione è stata sviluppata una classifica dei paesi più sani del mondo che vede in testa Islanda, Singapore, Svezia, Andorra e il Regno Unito.

Gli esperti dicono che in aggiunta al tasso elevato di fattori quali il reddito medio pro capite, il livello di istruzione o di fertilità, questo risultato è dovuto alle buone abitudini alimentari di questi paesi. Questo punto di vista è stato sostenuto da molti nutrizionisti che hanno studiato le caratteristiche della dieta abituale di questi paesi.

Qui di seguito, uno sguardo alle abitudini alimentari dei 5 paesi più sani del mondo secondo un’ulteriore indagine della rivista Business Insider:

5. Regno Unito:

Sono finiti i giorni in cui il cibo britannico si distingue solo per prodotti alimentari trasformati, una prima colazione inglese fritta o per Fish & Chips. Oggi la sua popolazione ha cambiato a fare di una dieta a base di prodotti biologici del posto e di stagione, ricca di verdure piene di vitamina C e fibre come rape e cavolini di Bruxelles.

4. Andorra:

Andorra è il secondo più grande consumatore di vino nel mondo, qualcosa che sembra essere correlato alla salute di questo piccolo paese europeo. Vari studi hanno già dimostrato quali sono i benefici per la salute che si hanno bevendo vino rosso, che contiene antiossidanti che aiutano a prevenire problemi cardiovascolari come ad esempio colesterolo o ictus.

3. Svezia:

La dieta quotidiana di questo paese scandinavo è composta da molti alimenti fermentati che facilitano una buona digestione. Tra le prelibatezze locali spicca il filmjölk, una sorta di yogurt che di solito è presente in tutte le colazioni.

2. Singapore:

La cucina tradizionale di Singapore è caratterizzata da un elevato uso di spezie come lo zenzero e la curcuma. Oltre ad essere alcuni ingredienti essenziali per i piatti locali al curry, si tratta di spezie con elevate proprietà benefiche per la salute dato che sono anti-infiammatori, anti-nausea, e contribuiscono a migliorare la circolazione.

1. Islanda:

Il pesce ha un ruolo fondamentale nella vita di questo paese scandinavo, dato che è parte integrante della sua economia. Salmone e aringhe sono le specie più consumate su quest’isola, che beneficia dell’alto contenuto di Omega 3 presenti al loro interno. Il piatto tipico è l’Harðfiskur, un pesce secco di solito servito con pane di grano al carbone.

 TAGS:Terre Degli Svevi Re Manfredi Bianco Basilicata 2015Terre Degli Svevi Re Manfredi Bianco Basilicata 2015

Terre Degli Svevi Re Manfredi Bianco Basilicata 2015

 

 

 TAGS:Bruno Giacosa Roero Arneis 2015Bruno Giacosa Roero Arneis 2015

Bruno Giacosa Roero Arneis 2015