Tag: sake

I migliori abbinamenti per il cibo giapponese

 TAGS:undefinedA poche settimane dalla primavera, il clima richiede cibi freschi e leggeri, proprio come il cibo Giapponese (ovviamente accompagnato da del buon vino). 

Certo, la bevanda preferita e la più ovvia a cui pensare quando si parla di cibo giapponese non è niente di più e niente di meno che il sake, bevanda tradizionale della cultura giapponese. La popolarità di questa bevanda negli Stati Uniti è incrementata con il passare degli anni e le aziende di produzione si sono stabilite in quel paese creando bevande di altissima qualità. Ne esistono di vari tipi e per tutti i tipi di palato e di cibo che si starà degustando.

Tuttavia, i gusti sono gusti, ed in questo ambito non è un’ eccezione. Molti consumatori optano per una bevanda diversa dal sake, a volte semplicemente perchè non gli piace ed altre per voler provare qualcosa di nuovo e diverso. Certo, puoi ordinare una buona birra fredda per accompagnare il tuo piatto, o potresti invece ordinare una bottiglia di vino per goderti una cena deliziosa, la domanda a questo punto è: che tipo di vino si abbina meglio al cibo Giapponese? La risposta è semplice: il vino bianco.

Tenendo conto che questa cucina orientale è per la maggior parte a base di riso e pesce, è ovvio che la miglior risposta sarà un vino bianco, anche se questo può variare a seconda di ciò che viene servito nel piatto. Ad esempio, un cibo più leggero si sposa meglio con un tipo di vino rispetto ad altre molto condite o di sapore più forte, come quelle preparate a base di pesce crudo. Per la prima opzione, i piatti leggeri, viene raccomandato un Sauvignon Blanc, un Pinto Grigio o un Sancerre; mentre per i piatti più caratteristici, con il condimento ed il sapore originale del Giappone, dei vini dai sapori dolci come il Riesling e lo Chardonnay, saranno delle opzioni infallibili.

 TAGS:Tenuta Sant'Antonio Scaia Bianco 2016Tenuta Sant’Antonio Scaia Bianco 2016

Tenuta Sant’Antonio Scaia Bianco 2016

 

 

 TAGS:Ca' Dei Frati Lugana I Frati 2016Ca’ Dei Frati Lugana I Frati 2016

Ca’ Dei Frati Lugana I Frati 2016

 

 

Il Saké, una bevanda con carattere proprio

 TAGS:undefinedIl Saké è un liquore a base di riso fermentato dal Giappone, e di solito ha i 14 ei 16 gradi di alcool.

Durante il processo di elaborazione del sake il riso deve fermentare, con una conseguente lunga fermentazione del glucosio.

Esiste un tipo di dolcificante chiamato Mirin, che è un saké dal gusto dolce di trama fitta ottenuto dopo un lungo periodo di fermentazione e che viene utilizzato molto nella cucina giapponese.

Molte persone chiamano il vino di riso saké, ma la parola vino viene utilizzata solo per descrivere le bevande a base di uva.

I Saké possono essere suddivisi in:

  • Saké Premium
  • Saké di prima categoria
  • Saké di seconda categoria (senza fermentazione)
  • Sake di terza categoria (senza fermentazione)

Un modo per riconoscere un saké di buona qualità, secondo Iwao, è l’imballaggio. I Saké Premium sono disponibili in confezioni fatte a mano, in legno o in vasi di ceramica, i Saké di prima categoria sono imbottigliati e quelli di seconda e la terza categoria sono disponibili in confezioni di cartone.

Il Saké si divide per il suo sapore secco e fruttato, e può essere consumato come un antipasto freddo a 4º o caldo a 36 ° C.

Secondo la tradizione giapponese, al momento di servire il saké bisogna prima riempire la tazza di ceramica del commensale destinata a questa bevanda, che si chiama choko, prima di riempire la propria. Il modo corretto per prenderlo è di alzare la tazza con la mano destra e lasciarla riposare sulla mano sinistra.

 TAGS:Sake Rashomon 75clSake Rashomon 75cl

Sake Rashomon 75cl

 

 

 TAGS:Sake Nenohi Hanafugetsu Ginjyo 72clSake Nenohi Hanafugetsu Ginjyo 72cl

Sake Nenohi Hanafugetsu Ginjyo 72cl