Tag: ristoranti

Ciò che devi sapere sulle tendenze dei ristoranti

Non abbiamo una bacchetta magica per determinare cosa accadrà nella gastronomia, ma in base alle mode ed a cosa ci propongono i locali, possiamo farci un’idea di cosa accadrà in termini di tendenze nei ristoranti. Lo vogliamo scoprire?

Tendenze nella ristorazione

Scommettere sul prodotto locale

È una tendenza attuale, e quindi la vedremo nei prossimi anni. Il gusto per il biologico si sposta verso i prodotti che ci sono più vicini. Ovvero, consumare prodotti della nostra terra, della nostra regione, della campagna vicina, e se il produttore lo conosciamo da una vita, ancora meglio. Mangiamo più sano e incoraggiamo anche l’economia della zona.

Flessibilismo

È una tendenza stabilita dai responsabili della Fiera Internazionale di Ristorazione, Settore Alberghiero e Alimentazione, Sirha, che si terrà a Lione dal 26 al 30 gennaio, che ha individuato altre influenze basate su quattro concetti diversi: Coscienza, Benessere, Territorialità e Esperienza aggiunta. Così, il flessibilismo punta su questa tendenza per il sano, ma senza arrivare all’estremismo. Cioè, optano per le verdure, ma anche per il pesce fresco del giorno. Sembra che questo fenomeno andrà avanti.

Salutare

È collegato al punto precedente, e forse anche al primo. In questo periodo proliferano i locali che offrono cucina vegetariana e vegan, e nella maggior parte dei ristoranti propongono piatti vegani, cosicché quando si va a cena in gruppo o  in coppia, tutti possano trovare varietà, ed in particolare piatti considerati salutari. Anche nel mondo del vino questa tendenza sta crescendo, con l’aumento dei vini biologici e vegani.

Responsabilità

Come possiamo notare, è un’altra tendenza stabilita dai proprietari di Sirha. Quando si parla di ristorazione, questo concetto prende forma perché si basa su come si producono, si conservano, si trasportano e si consumano i prodotti senza danneggiare l’ambiente. I professionisti della ristorazione sostengono, sempre di più, soluzioni ecologiche e sostenibili.

Esperienze

Da alcuni anni i consumatori non vogliono andare fuori a pranzo o a cena e basta. Vogliono che tutto ciò che gli venga offerto (il prodotto, il menù, l’ambiente …) faccia parte di un rituale di emozioni che crei un’esperienza. E questa continua ad essere una forte tendenza. Infatti, i proprietari dei ristoranti devono escogitare come convertire i loro locali in luoghi di emozioni.

Praticità

Questa tendenza spiega l’era digitale in cui viviamo. Le prenotazioni online e le ordinazioni con consegna a domicilio sono sempre più frequenti ed i ristorante devono accettare queste nuove richieste per aumentare il proprio giro d’affari. Per questo è necessario disporre di una pagina web pratica, dove le prenotazioni possono essere effettuate immediatamente, con un solo click e dal cellulare.

 

 

I migliori ristoranti dell’America latina

 TAGS:undefined

 Le céviche est un plat emblématique du Pérou et plus généralement d’Amérique centrale  et du sud.

La gastronomia latinoamericana registra uno dei suoi periodi migliori. Il gala dei 50 Migliori Ristoranti dell’America Latina 2016 si è svolto nel settembre scorso. E, di nuovo, il Perù ha vinto la competizione con una cucina piena di sfumature e contrasti. Il Perù comprende nove ristoranti presenti nella classificazione e specificamente due di loro sono in prima e seconda posizione. Adesso, vediamo i 7 migliori ristoranti dell’America latina: 

  1. Central, Lima, Perù: nel Central si celebra la biodiversità del Perù. Il chef Virgilio Martínez fa esperimenti ed offre un menù con ingredienti nuovi che danno luogo ad una cucina peruviana d’avanguardia.
  2. Maido, Lima, Perù: un altro ristorante del Perù che figura nella famosa lista. È l’epoca d’oro di questa cucina, si vede anche in Spagna, con la proliferazione dei ristoranti di questo tipo e le fusioni con l’Oriente e la cucina autoctona.
  3. DOM, San Paolo, Brasile: sotto molti aspetti, è il ristorante più importante del Sud America. La caracteristica del luogo è precisamente di offrire cose diverse nella cucina, come lo dice Alex Atala, un expunk DJ brasiliano. Qua si innova con degli ingredienti come il tucupí, un liquido giallastro provieniente di Amazzonia che viene estratto dalla mandioca brava e che prima di fermentare è velenoso ; o la priprioca, una radice amazzonica usata da molto tempo dall’industria farmaceutica e cosmetica.
  4. Boragó, Santiago, Chili: è il megliore ristorante del paese. Insieme alla peruviana, la cucina cilena è stata tradizionalmente una delle più importante del Sud America. Il chef Rodolfo Guzmán coniugua piatti delle Ande tradizionali con la nuova cucina.
  5. Pujol, Città del Messico, Messico: la fusione delle culture di Messico fa che questa cucina raggiunge la sua massima espressione. È quello che occurre nel ristorante Pujol, che è stato nominato più di una volta come il secondo ristorante migliore del paese.
  6. Quintonil, Città del Messico, Messico: altro ristorante della città e di questo paese, che si situa tra i migliori. Loro si definiscono come un luogo sofisticato di cucina messicana contemporanea servita in una luminosa sala da pranzo con uno stile minimalista.
  7. Astrid y Gastón, Lima, Perù: come vedete, il Perù è il migliore paese in cucina di Latinoamerica. In questo ristorante, mangiare è tutta un’esperienza. Il menù del ristorante è composto da primi e secondi piatti, con ceviche ed altri piatti come il “lomo saltado”.

 TAGS:Matias Riccitelli Hey MalbecMatias Riccitelli Hey Malbec

Matias Riccitelli Hey Malbec

 

 

 TAGS:Catena Zapata Catena Alta Malbec 2012Catena Zapata Catena Alta Malbec 2012

Catena Zapata Catena Alta Malbec 2012

7 ristoranti Michelin del Regno Unito che non puoi perderti

 TAGS:undefined

Se siete in viaggio nel Regno Unito, è necessario sapere quale di loro sono stati meritevoli di questi premi per metterli alla prova. E la notizia è che la nuova guida 2017 di Gran Bretagna e Irlanda è usicta lo scorso ottobre con nuove stelle.

1. The Fat Duck

Questo ristorante ha riacquistato la sua terza stella e offre una grande esperienza culinaria. Si trova a Bray, vicino a Londra. Con questo, il Regno Unito ha quattro ristoranti con tre stelle Michelin: Gordon Ramsay, Alain Ducasse al Dorchester e Waterside Inn.

2. Raby Hunt

Situato nella contea di Durham, questo ristorante si è guadagnato due stelle. Lo chef è James Chiudi e oltre al cibo, l’ambiente ha anche il suo fascino, in quanto è in una locanda del XIX secolo.

3. The Forest Side

Due stelle Michelin insignano questo luogo che si trova in Cumbria, nel nord dell’Inghilterra, con varie specialità da provare.

4. Sosban and The Old Butchers

In Galles, sull’isola di Anglesey, si trova questo ristorante che premiato con due stelle. La sua cucina è basata su prodotti freschi e locali.

5. The Ninth

A Londra ci sono nuovi ristoranti che hanno avuto la loro prima stella Michelin quest’anno. Questo è il caso del The Ninth, un posto abbastanza informale senza tovaglie e dove bisogna ordinare al bancone che, oltre ai piatti, si prendere anche cura di un’ottima cantina.

6. Ellory

Alcuni sapori e piatti tradizionali della cucina inglese possono essere provati qui, e, nonostante la stella Michelin, non si tratta di un posto particolarmente costoso.

7. The five fields

L’elegante quartiere londinese di Chelsea ospita questo ristorante che offre una versione moderna della più tradizionale cucina britannica.

 TAGS:Col Vetoraz Prosecco Extra DryCol Vetoraz Prosecco Extra Dry

Col Vetoraz Prosecco Extra Dry

 

 

 TAGS:Berlucchi 61 Franciacorta SatenBerlucchi 61 Franciacorta Saten

Berlucchi 61 Franciacorta Saten

Dei robot dappertutto e perfino nei vigneti

 TAGS:undefined

Le nuove tecnologie stanno per essere integrate poco a poco alle nostre vite, tavolta in modo rivoluzionario, ed altre volte lentamente. Sono anni ormai che ciascuno giorno vediamo apparire nuove invenzioni -che finora poche persone potevano immaginare- ed a tutti i livelli della società : ristorazione, commercio e servizi pubblici e privati non fanno eccezione.

Verso una società robotizzata

Secondo un articolo pubblicato sul sito diariodegastronomia.com, la robotica comincia ad essere attuata proprio in questi settori, e nel giro di pochi anni vedremo anche dei robot umanoidi che si occuperanno di noi in ogni genere d’istituto.

La diminuzione dei costi di produzione delle nuove tecnologie e gli sviluppi nel campo dell’intelligenza artificiale rendono possibile quello che alcuni anni fa sembrava una cosa di fantascienza. Molte imprese stanno già adottando “assistenti” robotici ai loro servizi, per compiti come il servizio clienti : risolvendo dubbi, rispondendo alle domande, raccogliendo informazioni sulle abitudini di acquisto ed le esigenze dei loro principali destinatari.

I robot arrivano nei vigneti

Infatti, possiamo già trovare alcuni esempi nelle imprese di diversi settori, come le crociere, l’insegnamento, la ristorazione, ed anche il mondo del vino. Il progetto VineRobot mira a disegnare un veicolo terrestre che otterrà e trasmetterà informazioni sullo stato dei vigneti tramite sensori non invasivi.

È nel campo dell’agricultura che vengono applicati il più questi sviluppi, sia nel controllo delle colture che nel controllo dei parassiti, dell’irrigazione, della raccolta, etc. In un futuro prossimo ci sarà vigneti e campi coltivati completamente gestiti dai veicoli robotici autonomi e droni che sostituiranno l’uomo e i macchinari più tradizionali.

Finalmente, coloro che pensano che i robot sostituiranno completamente gli uomini, devono anche pensare alle persone che fanno i programmi, il design e la produzione dei robot : saranno sempre necessarie. Inoltre nuovi posti di lavoro dovranno essere creati con profili più tecnologici.

 

 TAGS:Banfi Chianti Classico 2015Banfi Chianti Classico 2015

Banfi Chianti Classico 2015

 

 

 TAGS:Memoro PicciniMemoro Piccini

Memoro Piccini