Tag: ricette rognoni

Rognoni “al Jerez”

 TAGS:Il rognone “al Jerez” è uno di quei piatti che non tutti riescono a mangiare un po’ per preconcetto un po’ perchè non ci si è abituati; tuttavia, una volta assaggiato, diventa una portata alla quale è difficile rinunciare. Quindi, perché non provarlo? Oggi vi parliamo di una delle ricette più tipiche per preparare i rognoni, a base di vino.

Rognoni “al Jerez”

Ingredienti:

  • 500 gr di rognoni di agnello
  • 150 ml di Jerez (o sherry)
  • 1 cipolla grande
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di senape
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe

Prima di tutto bisogna lavare accuratamente i rognoni perché, anche se vengono venduti già puliti, è sempre meglio assicurarsi che non ci sia nessun residuo che possa alterarne il sapore (sangue, bile, etc…). A questo punto, tagliateli in quarti ed eliminate le parti bianche (il grasso).

Fatto ciò, metteteli a bagno con acqua e un po’ di aceto in un contenitore, dove vi rimarranno per almeno quindici minuti.

Tritate l’aglio, tagliata la cipolla in piccoli quadrati e soffriggete il tutto in abbondante olio (3-4 cucchiai).

A questo punto scolate i rognoni, aggiungete sale e pepe (a chi piace, io vi consiglio anche un po’ di peperonicino) e versate il tutto nella padella col soffritto.

Aggiungete poi la senape e un bicchiere di Jerez. È possibile utilizzare qualsiasi altro vino secco (per cui niente Porto, Marsala o qualsiasi altro vino dolce) così come sherry, whisky, gin o rum. Vi consigliamo comunque di utilizzare lo Jerez per dare un tocco di originalità alla vostra ricetta.

Fate cuocere a fuoco lento i rognoni per circa 8-10 minuti, fino a quando il liquido si assorba e si formi una salsa densa. Se la consistenza della salsa non è ancora abbastanza densa, alzate il fuoco e attendete fino a quando non ha raggiunto la consistenza desiderata.

Una volta spento il fuoco sono già pronti per essere mangiati. Come vedete, si tratta di una ricetta molto semplice, un piatto da mangiare appena cucinato (ben caldo) e che per questo motivo va particolarmente bene durante i mesi invernali. Quindi perché non mettete da parte i pregiudizi e non vi fate un bel piatto di rognoni?

Per accompagnare i rognoni “al Jerez” non c’è nulla di meglio di una bella bottiglia di Jerez che esalterà ancor di più il sapore della pietanza che avete appena imparato a cucinare. Di solito lo si beve freddo (quindi è meglio tenerlo in frigo per un po’) in modo da ridurre la sensazione alcolica ed apprezzarne maggiormente le note saline e di frutta secca. Oggi vi consigliamo 2 grandi Jerez:

 TAGS:Solera 1847 Oloroso DulceSolera 1847 Oloroso Dulce

Solera 1847 Oloroso Dulce

 

 

 TAGS:Néctar Pedro XiménezNéctar Pedro Ximénez

Néctar Pedro Ximénez