Tag: ricette con vino

Come abbinare il vino con la carne?

 TAGS:undefined

E’ un vero piacere mangiare con moderazione carne e degustare un ottimo vino. E se li abbiniamo consapevolmente è molto meglio, non credi?

La carne rossa si sposa felicemente con il vino rosso, ma ci sono altre carni che possono essere abbinate, perfettamente, con altri tipi di vino. Ad esempio, quando mangiamo una bistecca alla tartara, un vino rosato può essere un’ottima scelta. Mentre, un buon entrecote di manzo è perfetto con vini rossi più forti e di consistenza come il Chianti classico, il Brunello di Montalcino o altri vini elaborati con uve Cabernet Sauvignon. La carne migliorerà il suo sapore, ma gli abbinamenti possono variare a seconda della salsa che accompagnerà la carne rossa.

Pollame e pollo sono preferibili con vini bianchi e rossi leggeri. Questo tipo di carne bianca è molto versatile e quindi può richiedere vini diversi. La carne di anatra si sposa con vini prodotti con uve Syrah, ma ancora una volta il Cabernet Sauvignon è un vitigno che si abbina perfettamente con questo tipo carne dal gusto forte. Si consiglia di abbinare la carne di selvaggina (pernice, fagiano o struzzo) con vini rossi giovani.

Mentre la carne di maiale può essere accompagnato con qualsiasi tipo di vino, sia bianco che rosato. È una carne più delicata e tenera, che non ha bisogno di vini troppo forti.

E le salsicce? Quando prepariamo la carne alla brace o alla griglia, accompagnata da salsicce, di solito vengono scelti vini rossi. Mentre con la carne di agnello, essendo più densa e saporita, preferiamo un vino rosso corposo.

Se decidiamo di cucinare carne al forno e arrosti, dalla cottura lenta e dall’attenta preparazione, è meglio scegliere vini più concentrati, come un Cabernet Sauvignon, un Syrah o un Merlot. Per i piatti a base di carne tipo ossobuco consigliamo un buon vino Barbera.

 TAGS:Castello Di Ama Chianti Classico Ama 2015Castello Di Ama Chianti Classico Ama 2015

Castello Di Ama Chianti Classico Ama 2015

 

 

 TAGS:San Felice Il Grigio Chianti Classico Riserva 2011San Felice Il Grigio Chianti Classico Riserva 2011

San Felice Il Grigio Chianti Classico Riserva 2011

Per il dopo cena: 5 cocktail come dessert

 TAGS:undefined

Se vuoi preparare dei dessert interessanti dopo una cena, puoi scegliere i cocktail a base di frutta. Ci sono frutti che si possono trovare tutto l’anno, ideali per preparare ricette in ogni momento. Alcuni dei dessert sotto forma di cocktail rinfrescanti includono:

1. Sorbetto rinfrescante all’anguria con spumante rosato per cocktail freschi

Se stai cercando cocktail interessanti da servire prima o dopo cena, questa ricetta con uno spumante rosato è un ottimo punto di partenza. Per preparare il sorbetto all’anguria con spumante, avrai bisogno di:

  • 1 cucchiaino di scorza di limone o lime
  • 1 tazza di zucchero
  • ½ anguria dolce baby
  • 1 lime
  • 1 albume d’uovo
  • un vino spumante rosato

A seconda di quanto sia dolce l’anguria, puoi usare limone o lime. Il limone è l’ideale per contrastare i frutti più dolci e il lime è più dolce per i frutti meno maturi. Riduci lo zucchero a sciroppo sul fuoco e lascia raffreddare. Quando lo zucchero si è raffreddato, taglia l’anguria a cubetti e aggiungi la scorza di limone al composto. Versa la miscela di frutta in un frullatore con il resto degli ingredienti e il vino spumante. Sbatti il composto fino a ottenere una consistenza densa e cremosa, quindi versarlo nei bicchieri da cocktail e guarnisci con un rametto di menta fresca. 

2. “Slushy” di fragola con vino Moscato bianco per un delizioso capriccio di primavera

In tarda primavera, le fragole sono una frutta fresca che vedrai nel tuo negozio di alimentari. Ci sono molte ricette con il vion Moscato che puoi provare con le fragole fresche, compresa questa semplice ricetta di “slushy” di fragole. Gli ingredienti necessari per il tuo cocktail a base di fragole includono:

Congelare le fragole fresche in precedenza per garantire una consistenza “slushy” più cremosa. Rimuovere le fragole dal freezer e metterle direttamente nel frullatore. Versare il vino Moscato fino a coprire tutte le fragole, quindi frullare il %u200B%u200Bcomposto fino a ottenere la consistenza desiderata. Per finire, decorare il cocktail con fragole e un rametto di menta fresca.

3. Vin brulé con cioccolato e spezie fresche per scaldarti quando fa freddo

Nei paesi di tradizione germanica, la bevanda invernale preferita è un particolare tipo di composto a base di vino: il vin brulé. Si tratta di una bevanda calda per combattere le temperature molto fredde. È ottimo con frutta fresca e spezie come la cannella. Se vuoi preparare qualcosa di diverso con un cocktail di vin brulé, questi ingredienti ti aiuteranno a riscaldarti in una fredda giornata invernale:

  • Cioccolata calda o polvere di cacao
  • bastoncini di cannella
  • Cioccolato nero grattugiato
  • vin brulé
  • Mele fresche 

In una padella aggiungi la polvere di cacao, la cannella e le mele con due cucchiai di zucchero di canna e una tazza d’acqua. Fai bollire e lascia cuocere a fuoco lento finché la miscela non avrà una consistenza densa. Aggiungi lentamente il vin brulé mentre la temperatura scende e spegni il fuoco. Versa il composto in bicchieri e guarnisci con un rametto di cannella e una fetta di mela fresca. Come ultimo tocco, cospargi di cocktail con gocce di cioccolato nero. 

4. Sangria rinfrescante alla pesca bianca per un classico estivo da servire a cena

Una famosa bevanda estiva a base di vino per le giornate più calde è la sangria. Al giorno d’oggi, ci sono molte varianti della classica sangria spagnola, tra cui la sangria alla pesca bianca. Questi sono alcuni degli ingredienti che ti serviranno per dare un tocco rinfrescante alla sangria: 

In una padella, aggiungere lo zucchero e una quantità uguale di acqua e far bollire fino a quando non raggiunga la consistenza di sciroppo. Lasciare raffreddare lo sciroppo, quindi aggiungere le pesche sbucciate in un frullatore e sbattere fino a ottenere una consistenza di purea. Tritare le arance e metterle in una caraffa, versare la miscela di purea sui pezzi di arancia e quindi aggiungere parti uguali di vino e brandy. Lasciare riposare la miscela in frigorifero durante la notte e, il giorno dopo, sarà pronta per essere servita. 

5. Crema di gelato di spumante con fragole fresche per la primavera

Le bibite gassate sono un ottimo dessert per le alte temperature estive e possono essere trasformate in cocktail interessanti semplicemente aggiungendo un po’ di spumante. Gli ingredienti sono semplicissimi:

Questa è una ricetta semplice a cui puoi aggiungere i tuoi ingredienti preferiti, come la frutta fresca, per creare la tua speciale ricetta per cocktail.

Prova uno di questi cocktail rinfrescanti per finire la cena con un delizioso dessert. Qui troverai alcuni dei vini e dei liquori necessari per completare i tuoi dessert.

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut

 

 

 TAGS:Adami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di GicaAdami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di Gica

Adami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di Gica

Qual è l’importanza del vino nella dieta mediterranea?

 TAGS:undefinedOrmai tutti sono consapevoli dei molteplici benefici che apporta la dieta mediterranea al nostro corpo. Infatti, previene le malattie cardiovascolari, elimina il colesterolo “cattivo” e offre i nutrienti necessari per sviluppare una mente sana e un organismo in forma.

Il vino è incluso in questa dieta, sia nei pranzi che nelle cene, essendo una bevanda salutare con molti vantaggi.

La stessa Fondazione Dieta Mediterranea riconosce che “il vino è una bevanda che è stata tradizionalmente associata sia ad effetti positivi che negativi per la salute. Ciò che determina se la bilancia si inclini più da un lato che dall’altro è il modello di alimentazione quotidiano che viene seguito “. E le parole di Ramon Estruch, uno dei leader del gruppo di ricerca Predimed del Centro di Ricerca Biomedica in Rete Fisiopatologia dell’obesità e nutrizione (CIBERobn), affermano che “I maggiori benefici si ottengono quando il consumo è moderato e si mantiene una condotta alimentare salutare, come la dieta mediterranea. “

Quindi, la presenza del vino in questa dieta è molto importante. E’ giusto sottolineare che quando si parla di consumo moderato di vino si intende nel caso degli uomini un massimo di tre bicchieri di vino al giorno, mentre per le donne un bicchiere e mezzo al giorno.

Il catalogo e la guida della Fondazione Dieta Mediterranea afferma che l’acqua è la bevanda per eccellenza nel Mediterraneo, per cui è di base, mentre il vino deve essere assunto con moderazione e durante i pasti. Spiegano che il vino è un alimento tradizionale nella dieta che può avere effetti positivi sulla salute consumandolo con moderazione e nel contesto di una dieta equilibrata.

Queste bevande, come il vino, dovrebbero essere combinate con i prodotti locali, di stagione, verdure, ortaggi, cereali, pesce, carne rossa (con moderazione), frutta fresca, prodotti lattiero caseari, frutta secca e olio di oliva.

Tutto ciò deve essere unito a una sessione di esercizio fisico quotidiano che rende la dieta veramente completa.

 TAGS:Memoro PicciniMemoro Piccini

Memoro Piccini

 

 

 TAGS:Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014

Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014

2 ricette per Pasqua

 TAGS:undefined

Torta Pascualina

La Pascualina è una torta ideale per Pasqua ed è tipica della Liguria ma si prepara anche in Argentina, Cile, Paraguay e Uruguay.

Ingredienti:

  • Recipiente di 23 cm
  • 500 grammi di bietole pulite
  • 500 grammi di spinaci puliti
  • 1 cipolla grande
  • 250 grammi di ricotta
  • 250 grammi di grana padano grattuggiato
  • 8 uova
  • 12 lamine di pasta
  • Sale
  • Pepe a piacere
  • Maggiorana
  • Origano
  • 2 foglie di lauro
  • Burro
  • Olio

 TAGS:Sacchetto Pinot Rosa Frizzante RoseSacchetto Pinot Rosa Frizzante Rose

Sacchetto Pinot Rosa Frizzante Rose è un vino spumante con DO Friuli-Venezia Giulia realizato con uve pinot Nero e con un grado alcolico di 11º.

 

 

Elaborazione:

  1. Lava bene le bietole e gli spinaci in acqua fredda per poi far colare ed asciugare. Taglia poi in pezzi piccoli. 
  2. Soffrigi la cipolla in 3 cucchiai di olio, poi aggiungi bietole e spinaci e condisci.
  3. Aggiungi lauro, maggiorana e origano e poi toglie le foglie di lauro per lasciar raffreddare. 
  4.  Aggiungi al soffritto 2 uova, la ricotta e il grana padano girando con un cucchiaio per mischiare.
  5. Metti carta da forno nel recipiente, passaci su il burro sciolto e metti 10 sfoglie di pasta tipo ventaglio lasciano una parte di ognuna fuori dal recipiente.
  6. Spargi il burro sulle sfoglie, aggiungi il ripieno e metti le sei uova con un cucchiaino.
  7. Tappa il ripieno con due sfoglie di pasta e uniscile con bordi delle altre sfoglie e poi spargi il burro con un pennello. 
  8. Pre riscalda il forno a 18 gradi e metti la pascualina per 40 minuti fino a quando si indori. 

Costolette di agnello con erbe di Provenza

Le costolette di agnello sono un’opzione pratica per Pasqua e possono essere accompagnate da patate fritte. 

Ingredienti:

  • 500 grammi di costolette di agnello
  • ¼ di lito di vino bianco
  • 100 grammi di erbe secche miste
  • 1 bicchiere di olio d’ oliva
  • ½ bicchiere di olio piaccante
  • Due spicchi d’aglio.
  • Pan grattato

Elaborazione:

  1. Prepara il marinato delle costolette 1 ora prima di servirle con vino, metà dell’olio, l’olio piccante e l’aglio pestato. Mischia con forza e mette le costolette in questo mix. 
  2. Mischia il pan grattato e le erbe secche per impanare le costolette. 
  3. Scalda l’olio in una padella per preparare le costolette in entrambi i lati fino a quando la parte esterna sia dorata e servi con patate fritte e insalata. 

 TAGS:Château Haut Marbuzet 2008Château Haut Marbuzet 2008

Château Haut Marbuzet 2008 è  un vino rosso de la DO Saint-Estèphe realizzato con cabernet Franc e merlot di 2008 e 13º di alcol in volume.

 

 

Ricette con vino: ossobuco al vino rosso

 TAGS:undefined

L’ossobuco al vino rosso è un tipico piatto che si può mangiare durante tutto l’anno, accompagnato da patate al vapore e un’insalata. La combinazione di carne e verdure favorisce il transito intestinale. 

L’ossobuco consiste in una fetta di 3 cm di carne con osso con filetto in mezzo e fu battezzato così a Milano e ha un livello medio di calorie. Fornisce molte vitamine B e minerali come il ferro e lo zinco, che la rendono un’ottima alternativa per una dieta bilanciata.

Ingredienti:

  • 1 Ossobuco
  • 1/3 de peperone giallo
  • 1/3 de peperone rosso
  • 1/3 de peperone verde
  • 1/4 di cipolla
  • Brodo vegetale
  • Vino rosso a piacere
  • Rosmarino a piacere
  • Sale a piacere
  • Pepe a piacere
  • Prezzemolo
  • Olio

Elaborazione:

  1. Metti in una pentola di argilla la cipolla e i peperoni tagliati con 4 cucchiai d’olio.
  2. Lascia amalgamare per poi mettere ossobuco, rosmarino e timo per far dorare per circa 4 minuti.
  3. Aggiungi il brodo vegetale e copri la pentola per far cucinare a fuoco lento per 30 minuti e poi aggiungi il vino rosso e lascia scoperto per altri 30 minuti.
  4. Quando servi decora il tutto con prezzemolo tagliuzzato.

 

 TAGS:Diemersfontein Pinotage 2012Diemersfontein Pinotage 2012

Diemersfontein Pinotage 2012,  un vino rosso con DO Paarl con i migliori grappoli di pinotage di 2012 e con un grado alcolico di 14º.

 

 

 TAGS:Marques de Villamagna Crianza 2007Marques de Villamagna Crianza 2007

Marques de Villamagna Crianza 2007, un vino rosso de la DO Rioja realizzato con tempranillo di 2007 e 13.5º di alcol in volume. 

Ricette con vino: pasta con salsiccia e vino

 TAGS:undefined

La pasta è un’alternativa rapida da preparare in settimana, composta da carboidrati, vitamina E e B e con pochi grassi. La pasta con salsiccia ha un alto contenuto di calorie e la sua elaborazione può richiedere circa 30 minuti. 

Una salsiccia di 13 centimetros ha 234 caloríe, 100 grammi di parmigiano 431, dunque questa ricetta da 1/4 delle calorie richieste dal nostro fabbisogno e piace molto ad adulti e bambini.

Ingredienti:

  • 1 chilo di pasta
  • 2 cucchiadi di olio d’oliva
  • 1/2 chilo di salsiccia
  • 2 cucchiaini di aglio tagliuzzato
  • 1 cipolla ben tagliuzzata
  • 1/2 tazza di vino rosso
  • 1 confezione di salsa marinara
  • 1/2 tazza di parmigiano grattuggiato
  • Sale e pepe a piacere

Elaborazione:

  1. Taglia le salsicce a fette sottili e cucina per 2 minuti in una padella calda con un po’ di olio fino a farle dorare.
  2. Aggiungi aglio e cipolla tagliuzzati e cucina il tutto per altri 4 minuti. 
  3. Aggiungi il vino e fai sfumare senza mettere alcun coperchio.
  4. Aggiungi la salsa, mischia e prova.
  5. Correggi il tutto con sale e pepe e mischia di nuovo. 
  6. Prepara la pasta mettendola a bollo con un po’ di sale, scola e servi in ogni piatto. 
  7. Aggiungo il parmigiano e servi caldo ai tuoi commensali. Ricorda di lasciare sempre un po’ di parmigiano da aggiungere in seguito a seconda dei gusti dei tuoi commensali e accompagna il tutto con un bicchiere di vino rosso a tuo piacimento 

Buon appetito!

 

 TAGS:Tenuta Ulisse Unico Cococciola 2014Tenuta Ulisse Unico Cococciola 2014

Tenuta Ulisse Unico Cococciola 2014 è un vino bianco con DO Terre di Chieti di cantine Tenuta Ulisse con i migliori grappoli cococciola dell’annata 2014.

 

 

 TAGS:Foss Marai Surfiner Cuvee BrutFoss Marai Surfiner Cuvee Brut

Foss Marai Surfiner Cuvee Brut è un vino spumante Foss Marai Surfiner Cuvee Brut (8,94?) è un Veneto di cantineFoss Marai il cui mosto contiene sauvignon e prosecco e 12º d’alcol.

 

Petto d’anatra con frutta e riso

 TAGS:undefinedIl petto d’anatra con frutta e riso è un piatto preparato principalmente durante le vacanze quando magari si ha un po’ più di tempo libero; è quindi particolarmente adatto per celebrare delle occazioni speciali e vi farà fare sicuramente un’ottima figura a tavola. Inoltre, essendo l’anatra una carne bianca, ha un sapore intenso ma allo stesso tempo più morbido rispetto a quello della carne di maiale, di manzo o di altra selvaggina, per cui risulta essere una pietanza più leggera, ideale anche durante l’estate, soprattutto se accompagnata con la frutta.

Infine, grazie alla presenza del kiwi tra gli ingredienti di questa ricetta per 4 persone, questo piatto è ricco di vitamina C, ideale per prevenire le malattie virali e di ottimo aiuto per l’assorbimento del ferro.

Ingredienti

  • 250 grammi di riso selvatico
  • 1 cucchiaino di farina di mais macinata 
  • 2 petti d’anatra
  • 2 fette di pancetta
  • acqua
  • erba cipollina tagliata finemente
  • prezzemolo
  • sale 
  • pepe
  • olio extra vergine di oliva
  • 200 ml di vino rosso
  • 1 kiwi
  • 1 mela granata

Preparazione

  1. Fase 1: cuocere il riso selvatico in una casseruola con acqua e un po’ di sale per circa 20 minuti, scolare e mettere da parte.
  2. Fase 2: rosolare le fette di pancetta da ½ cm di spessore fino a doratura e tagliare ogni fetta in 3 strisce.
  3. Fase 3: inserire le strisce di pancetta all’interno del petto d’anatra (effettuare un taglio trasversale sul petto in modo da creare una piccola sacca). 
  4. Fase 4: condire la carne con sale e pepe, effettuare alcuni tagli nella parte più grassa e far cuocere in una padella senza olio fino a doratura.
  5. Fase 5: stendere la carne in una teglia ed infornare per 7 minuti a 200 gradi.
  6. Fase 6: versare 200 ml di vino in una casseruola a fuoco lento, aggiungere la farina di mais precedentemente diluita in acqua fredda (per evitare che si formino i grumi) e mescolare.
  7. Fase 7: sbucciare e tagliare a dadini il kiwi. 
  8. Fase 8: tagliare a metà la mela granata e metterne da parte i semi.
  9. Fase 9: in una padella con poco olio mettere il kiwi ed i semi della mela granata, insieme all’erba cipollina e agli ingredienti e, finalmente, aggiungere il riso e mescolare.
  10. Fase 10: al momento di servire è possibile fare un letto di riso sul quale adagiare il petto d’anatra ripieno, per poi aggiungervi la salsa e guarnire il tutto con prezzemolo (volendo possiamo aggiungere altro riso anche al lato del piatto). 

Con quale vino lo accompagniamo? Vi consigliamo un vino fresco, fruttato e giovane che si sposerà perfettamente con questo grande piatto; come ad esempio:

 TAGS:Borsao Selección 2013Borsao Selección 2013

Borsao Selección 2013, morbido, aromatico e fruttato.

 

 

 TAGS:Pallavicini Cesanese Rubillo 2013Pallavicini Cesanese Rubillo 2013

Pallavicini Cesanese Rubillo 2013, carnoso, gustoso e persistente.

 

Risotto al nero di seppia in salsa aioli

 TAGS:undefinedDurante il periodo estivo, quei bei piatti freschi e leggeri a base di pesce hanno tutto un altro sapore. Se poi ci mettiamo pure il riso, allora non ci rimane altro che fare un brindisi con un buon vino rosato o bianco e goderci il caldo sole estivo.

La ricetta di oggi è: risotto al nero di seppia in salsa aioli. Prendete nota e preparatevi a leccarvi le dita!

Ingredienti

  • 150-200 gr. di riso
  • pepe verde
  • porro
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • cipolla
  • pomodoro
  • sacchetti di nero di seppia
  • acqua, olio, spezie
  • 150-200 gr. polpo e bollito

Per preparare l’aioli

  • 1 spicchio di aglio
  • 1 uovo o latte
  • olio d’oliva

Preparazione

E’ un piatto molto facile da preparare e allo stesso tempo gustoso e fresco. Se avete ospiti, di sicuro rimarranno estremamente colpiti dalle vostre abilità culinarie.

  1. Fase 1: Prima di tutto svuotare le sacche di nero di seppia e riscaldarne il contenuto. Preparare poi un soffritto con cipolle, pomodori e porri in una padella con l’olio. Quindi, aggiungere il pepe macinato, il polpo e un po’ di vino bianco.
  2. Fase 2: Aggiungere al tutto il riso ed il nero di seppia precedentemente riscaldato. Lasciare cuocere fino a quando il riso non raggiunga la giusta cottura, stando sempre attenti che non si attacchi. Per presentare il piatto, possiamo fare un piccolo timballo di riso con una formina aggiungerci sopra i pezzi di polpo e la salsa aioli precedentemente preparata.

Salsa aioli

La salsa aioli si può preparare sia in un mortaio, aggiungendovi l’olio mano a mano che mescoliamo, sia con il mixer, visto che il risultato è gustoso e cremoso in entrambe i casi (forse col mixer è un po’ più facile da preparare).

Inserire tutti gli ingredienti nel mixer con il sale e un po’ di succo di limone. Mentre frulliamo il tutto, aggiungervi mano a mano l’olio d’oliva. A questa miscela deliziosa, potremo aggiungere più o meno aglio, in base ai propri gusti personali.

Quale vino consigliarvi? Come sempre, con il riso e con il pesce ci sta sicuramente bene il vino bianco; tuttavia, siccome la salsa aioli ed il riso al nero di seppia hanno un sapore più forte, possiamo anche abbinare questo piatto con un vino rosato o spumante, senza che la pietanza perda il suo caratteristico sapore. Per cui oggi vi consigliamo:

 TAGS:Terras Gauda 2013Terras Gauda 2013

Terras Gauda 2013, un albariño che si sposa alla perfezione con qualsiasi piatto a base di polpo.

 

 

 TAGS:Raventós i Blanc de Nit 2011Raventós i Blanc de Nit 2011

Raventós i Blanc de Nit 2011, un rosato frizzante che si abbina perfettamente sia col polpo che col riso.

 

Insalata in gelatina di vino dolce

 TAGS:undefinedSe volete dare un tocco diverso alle insalate fatte in casa, allora l’insalata in gelatina di vino dolce e crema di Camembert è proprio quello che fa per voi! La ricetta è per quattro persone.

Nonostante la presenza del latte intero, si tratta di un piatto leggero, la cui miscela di sapori risulta a dir poco deliziosa; inoltre, grazie alla presenza dei pinoli, ha un consistente apporto di vitamine, ferro e antiossidanti. Può essere servito sia come antipasto, sia come accompagnamento ad un secondo piatto, per la gioia dei vostri palati.

Ingredienti

  • 2 scatolette di formaggio manchego semistagionato
  • 10 ml di olio extra vergine di oliva
  • Cicoria
  • Scarola
  • 2 fogli di gelatina precedentemente inumiditi
  • 50 ml di vino dolce 
  • 5 ml di aceto
  • 100 g di Camembert
  • 50 g di pinoli 
  • 10 ml di latte intero
  • 50 g di uvetta 
  • Loyo Rosso

Preparazione

  1. Fase 1: Procedere alla pulizia delle verdure, tagliarle e poi immergerle in acqua e ghiaccio per alcuni minuti. 
  2. Fase 2: Poi mettere la gelatina in ammollo per 5 minuti, quindi riscaldare una porzione del vino affinché, versandolo, si fonda con la gelatina stessa e poi versare l’altra parte rimanente di vino (quella non riscaldata).
  3. Fase 3: Togliere dal fuoco e mettere nel freezer fino a congelamento.
  4. Fase 4: A questo punto, condire l’insalata con i pinoli e l’uvetta. 
  5. Fase 5: Mescolare il latte e il formaggio in un mixer per poi passare il tutto attraverso un colino.
  6. Fase 6: Per servirla, collocare prima la gelatina di vino dolce sull’insalata e poi, ai lati, la crema di Camembert con l’olio d’oliva.

Oggi vi consigliamo un paio di vini dolci con cui è possibile preparare un’insalata impeccabile:

 TAGS:Oliveda Moscatell de la Bota del RacóOliveda Moscatell de la Bota del Racó

Oliveda Moscatell de la Bota del Racó

 

 

 TAGS:Sol de MálagaSol de Málaga

Sol de Málaga

Coniglio ripieno di prugne al vino rosso

 TAGS:undefinedLe ricette con il vino sono indubbiamente più saporite. Se volete presentare ai vostri ospiti un piatto speciale e ricco di sapore, il coniglio è sicuramente un’ottima opzione, grazie alle sue proprietà nutrienti; e se ci aggiungiamo del vino rosso, ancora meglio! Quindi scrivetevi questa ricetta e il successo sarà assicurato: da leccarsi le dita!

Ingredienti

  • 1 coniglio (oppure mezzo coniglio) disossato 
  • 2 o 3 prugne secche
  • 100 ml di vino rosso
  • 2 cipolle
  • 100g di purè di patate
  • 2 carote
  • 50 gr di funghi
  • 1 cucchiaio di farina di mais
  • 100 ml di olio d’oliva
  • Sale e spezie a piacere

Preparazione

Vi consigliamo di comprare un coniglio già disossato o quanto meno tagliato in modo da averlo pronto per la preparazione. Aggiungere il sale ai pezzi di coniglio e riempire le cosce e il corpo con le prugne e con qualche pezzettino di carota. A questo punto avvolgere i vari pezzi con un filo, in modo che le prugne non fuoriescano dal coniglio.

In una casseruola o in un tegame, riporre la cipolla ben tagliata e lasciar dorare per qualche minuto. Poi aggiungere gli involtini di coniglio ripieni di prugne. Infine versare il vino rosso e far cuocere il tutto a fuoco lento per circa 50 minuti.

Quando il coniglio diventa tenero, rimuovere il filo messo precedentemente e tagliare il coniglio a fettine. Il sughetto che nel frattempo si è formato può essere mescolato con la farina di mais, in modo da dargli ancora più sapore.

Per accompagnare il piatto, possiamo servire il coniglio con un purè di patate o con i funghi, anche se questi ingredienti possono variare in base al gusti dei consumatori. Nulla ci vieta infatti di accompagnare il coniglio con riso, patate, fagioli bianchi, ecc.

A questo punto non ci rimane che un ultimo quesito: con cosa possiamo abbinare il coniglio ripieno di prugne al vino rosso? Vi proponiamo due diverse soluzioni:

 TAGS:Diemersfontein Pinotage 2012Diemersfontein Pinotage 2012

Diemersfontein Pinotage 2012

 

 

 TAGS:Sassicaia 2010Sassicaia 2010

Sassicaia 2010