Tag: procedimento del whisky

Preparazione del whisky

 TAGS:Il whisky è una bevanda dalla lunghissima tradizione e, come quasi sempre accade con le bevande che hanno tanta storia e complessità, può subire alcune variazioni durante il processo di preparazione.

Ed il whisky non è da meno. Tuttavia ha comunque un processo di produzione di cui vi parlerò passo dopo passo qui di seguito.

Questo processo di elaborazione del whisky, pur essendo generico, vale anche per il whisky americano, che noi associamo al bourbon, anche se non sempre sono la stessa cosa. Volete preparare un whisky tutto vostro? Seguite queste indicazioni:

Preparazione del whisky

1. Processo di estrazione del grano

Il processo di preparazione inizia con la pulizia dell’orzo.
Poi lo si immerge in acqua calda per 2 o 3 giorni.
Il processo continua con la germinazione del chicco, necessaria per la comparsa degli zuccheri.

2. Processo del maltaggio del grano d’orzo

Per questo processo si utilizzano diverse fonti di energia come la legna, il sole o i combustibili fossili.
Questo passaggio divide il processo del whisky di malto da quello di cereali. Nel processo del whisky di cereali, infatti, questa fase viene saltata per cercare di abbattere i costi.

3. Processo di essiccazione

Il grano viene essiccato a 70 gradi per arrestare il processo di crescita dello stesso.
I germogli essiccati vengono separati, e di solito finiscono per essere utilizzati come cibo per il bestiame.

4. Processo di macinazione, noto anche come Wort

Una volta ottenuto il malto (cereali maltati), si passa a macinare, per poi essere mescolato con acqua calda e un liquido zuccherino, fino ad ottenere una pasta di colore dorato chiamata wort. Anche da questo processo derivano scarti ricchi di cellulosa, che vengono riciclati e utilizzati come mangime per il bestiame.

5. Processo di fermentazione e distillazione del whisky, noto anche come wash

Attraverso l’aggiunta di lievito, il wort viene fermentato fino a diventare una sorta di birra denominata wash, che verrà a sua volta distillata con l’alambicco (pot- still), che finalmente darà come risultato il tanto atteso e prezioso whisky. Il whisky di malto viene invece distillato due volte.

6. Processo di invecchiamento del whiskey

Il whisky ottenuto dal processo di distillazione è incolore e viene invecchiato in botti di rovere dai 3 ai 12 anni. A volte vengono maturati in botti in cui un tempo era stato a sua volta invecchiato un altro tipo di vino, come Sherry, Porto, Sauternes… Questi whisky sono naturalmente più pregiati in quanto, oltre ad avere il caratteristico colore dorato, hanno anche un particolare tocco aromatico.

7. Processo d’imbottigliamento del whiskey

Dopo l’invecchiamento, il whisky è finalmente pronto per l’imbottigliamento e viene mescolato col whisky di cereali per dargli il cosiddetto “blended”.
Il whisky di cereali non si consuma così ed è sempre mescolato con quello di malto.

Ed ora arriviamo al processo più importante, quello per cui il whisky è stato creato: la degustazione. Oggi vi consigliamo alcuni whisky invecchiati in botti già usate in precedenza per altri vini:

 TAGS:Glenmorangie The Nectar d'OrGlenmorangie The Nectar d’Or

Glenmorangie The Nectar d’Or: Si tratta di un whisky maturato per 12 anni, di cui gli ultimi 2 passati in botti in cui precedentemente erano stati invecchiati i famosi vini di Sauternes. In questo modo si arricchisce di sfumature dolci e sapori di frutta secca e miele. Superbo.

 

 

 TAGS:The Macallan Sherry Oak 10 YearsThe Macallan Sherry Oak 10 Years

The Macallan Sherry Oak 10 Years: Macallan è uno dei marchi di whisky di lusso più famosi. Questo Sherry Oak è stato invecchiato per 10 anni in botti in cui in precedenza era contenuto lo sherry, per cui ha quel tocco tipico di frutta secca e spezie con una punta di arancia. Assolutamente da provare.

 

 

 TAGS:Edradour Port Finish 50clEdradour Port Finish 50cl

Edradour Port Finish 50cl: Un whisky davvero speciale, d’annata, invecchiato prima in botti di rovere normali e poi in botti speciali che avevano anteriormente “ospitato” del vino di Porto. Edradour, grazie alla sua lavorazione così meticolosa e particolare, ci mette di fronte ad uno dei whisky più esclusivi del mondo. Geniale.

 

Vi piacerebbe preparare un whisky tutto vostro? Che tocco gli dareste?