Tag: porto

Porto e Douro: così vicini e così diversi

 TAGS:undefinedAntica e ricca di microclimi e varietà di ceppi. Questa è la regione del Douro che si estede per terreni di scisto in una zona di grande bellezza che si perdono per terrazze secolari lungo le sponde del fiume Duero (Douro in Portogallo).

Oltre ad essere patrimonio mondiale e ad essere luogo di nascita del vino Porto, la regione sta producendo ottimi vini bianchi da tavola, vini rossi, spumanti e moscato. La complessità degli aromi del vino Porto, chiamato Vinho de Cheiro (vino odore) in un’altra epoca, continua a sedurre i sensi nel corso dei secoli. La prova è che si dispone già di un giorno per celebrare la loro età: il 10 settembre, la giornata del Porto festeggia i 259 anni della prima regione delimitata del mondo.

Tra i vigneti autorizzati nella produzione di vini di Douro, i più utilizzati sono Touriga Nacional (il “Cabernet portoghese”), Tinta Barroca, Tinto Cao e Tinta Roriz (il Tempranillo spagnolo). La stragrande maggioranza di vino è fatto con diversi ceppi sebbene ci siano anche vini con un solo tipo di uva come i Touriga Nacional, Tinta Roriz e Touriga Franca.

 TAGS:undefined

La cantina fa parte del metodo tradizionale di produzione del vino nel Douro. Tuttavia alcuni dei produttori hanno inserito metodi più recenti di produzione, come serbatoi di acciaio inox con controllo della temperatura durante la fermentazione. Il vantaggio del primo metodo è la sua capacità di estrarre i tannini, mentre il secondo permette la produzione di vini con aromi ben conservati. L’uso dei due metodi si traduce simultaneamente in vini complessi, molto densi e strutturati. Inoltre, una nuova generazione di viticoltori vogliono dimostrare che nel Douro non si vive di solo Porto. In questa regione, i vini da tavola sono realizzati con nuovi metodi da specialisti in vinificazione.

Nel 2014, la prestigiosa rivista Wine Spectator ha assaggiato 18.000 vini provenienti da tutto il mondo per classificarli in termini di qualità, prezzo e disponibilità sul mercato. La sua selezione Top 10 include tre vini della regione del Douro.

Il vino Porto Vintage Dow 2011 del gruppo Symington è stato scelto come il miglior vino nel 2014, con 99 punti su 100. Al terzo e quarto posto, entrambi con 97 punti, ci sono Chryseia 2011 (anche Symington) e Quinta do Vale Meão, Olazabal & Filhos, discendenti di Antónia Ferreira, il famoso “Ferreirinha”.

Il Real Companhia Velha ha oltre 250 anni di vita e possiede un archivio di documentazione storica (oltre il fiume Douro, a Vila Nova de Gaia, dove si trovano le grandi cantine) che unisce i vini Douro a personalità come il Marques de Pombal, Napoleone e Caterina di Russia.

Questa società vende e produce vino Porto sui suoi 535 ettari di vigneti, distribuiti su 7 aziende produttrici di vini da tavola come la Quinta das Carvalhas, uno dei più antichi della regione e la Quinta de citron a S. João da Pesqueira.

 

 TAGS:Colinas do Douro 2013Colinas do Douro 2013

Colinas do Douro 2013

 

 

 TAGS:Colinas do Douro Reserva 2013Colinas do Douro Reserva 2013

Colinas do Douro Reserva 2013

Il Porto, un vino internazionale

 TAGS:Nell’enorme compendio di vini che si producono in tutto il mondo e soprattutto in Europa, ce ne sono tantissimi che hanno spopolato anche al di fuori dei confini nazionali. Non solo i vini prodotti in Italia o in Francia, ma anche altri, come ad esempio il Porto. Questo vino liquoroso è molto peculiare e la sua tradizione risale a un’epoca storica lontana.

 Importato dal Portogallo durante il sedicesimo secolo, questo vino acquisì una certa importanza grazie alle rotte commerciali inglesi. Questo vino prende il nome dalla città portoghese nella quale fu prodotto per la prima volta. La regione si trova nel nord del Portogallo, in prossimità della foce del Douro.

La peculiarità maggiore di questo vino, oltre al clima in cui maturano le uve, è la sua fermentazione incompleta, fermata ad uno stadio iniziale tramite l’aggiunta di alcol vinico, ottenuto da distillazione del vino contenente circa il 77% di alcol. In questo modo il vino risulta naturalmente dolce e corposo e si caratterizza per essere gradito anche a coloro che non sono soliti consumare vino.

Esistono in totale ben 7 tipi fondamentali di vino di porto: si parte dalle categorie base come il  bianco, il ruby e il tawny. I tipi più pregiati sono il Tawny invecchiato (aged tawny può essere commercializzato dopo 10 anni di invecchiamento, fino a 40) il Colheita, LBV (Late Bottled Vintage), e il Vintage, che è in assoluto il più pregiato.

Di tutte queste categorie, la più commerciale e diffusa in tutto il mondo è, senza dubbio, il tawny, che risalta per il suo colore bordeaux intenso. Questo perché, con l’invecchiamento, i tawny guadagnano ulteriormente in complessità aromatica, rinforzando il sentore di frutta secca ed acquisendo sapori che vanno dal tostato al caffè, al cioccolato, al miele. Nei tawny molto vecchi il colore rosso iniziale va scomparendo e passa da tonalità castane-dorate al color ambra.

Il Porto è oggigiorno un vino consumato in tutto il mondo a causa del suo sapore unico. A seconda dei paesi può essere consumato come aperitivo o come digestivo.

Di seguito vi suggeriamo alcune marche di Porto in vendita su Uvinum:

 TAGS:Ferreira Dona Antonia ReservaFerreira Dona Antonia Reserva

Ferreira Dona Antonia Reserva, altissima qualità

 

 

 TAGS:Oporto Casa Sta Eufemia TawnyOporto Casa Sta Eufemia Tawny

Oporto Casa Sta Eufemia Tawny, un Porto classico

La differenza tra un vino dolce e uno liquoroso

 TAGS:La gran varietà di vini sul mercato ci obbliga spesso a prendere delle decisioni ardue al momento di scegliere. I vini dolci o liquorosi sono tra queste opzioni che ci immergono nel dubbio.

I vini dolci sono caratterizzati da un’alta percentuale di zucchero nell’alcol. A causa della stagionatura lunga alla quale sono sottoposti vengono conosciuti anche come vini a fermentazione parziale.

La maggior parte dei vini dolci sono elaborati con uva Moscatel o Macabovinos per quanto riguarda i bianchi oppure con Garnacha per quanto riguarda i vini rossi. Non sono vini naturali senza trattamento ed il loro nome proviene dalla dolcezza di origine naturale. 

I vini generosi sono quelli con una gradazione alcolica tra i 15 e i 23 gradi, generalmente elaborati con uve palomino e Pedro Ximenez. Questo tipo di vino viene omogeneizzato prima dell’imbottigliamento.

La loro peculiarità radica nel loro sistema di invecchiamento: i barili di quercia nei quali invecchiano sono di 50 litri e, una volta riempiti di vino allo stato primario, si collocano nella cantina in base al processo di invecchiamento che deve essere applicato.

L’abbinamento del vino dolce può essere effettuato in contrasto con prodotti o alimenti con sapore diverso oppure per concordanza, ossia con cibi che rafforzano il sapore del vino. Un caso famosissimo di vino generoso diffuso in tutto il mondo è il Porto, prodotto celeberrimo del Portogallo.

L’abbinamento ideale per i vini generosi sono i formaggi tipo roquefort o gorgonzola, i formaggi azzurri o verdi o anche il cioccolato.

Ecco qui alcuni vini in vendita su Uvinum:

 TAGS:Ferreira Porto TawnyFerreira Porto Tawny

Ferreira Porto Tawny, un classico

 

 

 TAGS:La Morandina Moscato D'Asti Docg 2012La Morandina Moscato D’Asti Docg 2012

La Morandina Moscato D’Asti Docg 2012, un dolce tutto italiano