Tag: inghilterra

Il segreto per vivire 110 anni? Un goccetto di whisky al giorno!

 TAGS:undefined Grace Jones, 110 anni, ha ricevuto un nuovo biglietto d’auguri da parte della Regina    d’Inghilterra.

Potremmo pensare che vivere per tanti anni sia collegato ad una vita sana, con un’alimentazione equilibrata ed un’attività fisica regolare per mantenere la forma. Tuttavia, benché lo che precede non si deve escludere, le persone che vivono più a lungo nel mondo hanno ammesso che l’alcol è parte integrante della propria dieta quotidiana e che, per loro, è quello che li ha aiutate a vivere per un tempo così lungo.

“Non perdo mai il mio bicchiere notturno”

Grace Jones è attualmente la decima persona vivente più vecchia del Regno Unito, con 110 anni, e ha confessato che un bicchierino di whisky ogni sera è stato il suo più fedele segreto per vivere per tanti anni.

“Non perdo mai il mio bicchiere notturno ed è l’unica cosa che prendo” dice la signora Jones, che ha questa abitudine da 60 anni. “Il whisky è molto buono per la salute. Ho cominciato con il goccetto prima di dormire quando ho avuto 50 anni e da allora non ho fermato, fa 60 anni, e non ho l’intenzione di farlo. Il dottore mi ha detto di continuare a prenderlo e che fa bene al mio cuore”, ha confessato Grace Jones.

Ovviamente, non è la prima volta che una cosa del genere avviene : una donna di 102 anni ha attribuito alla birra la sua longevità ; un’altra donna di più di 100 anni affirma che 6 gin tonic al giorno gli hanno fatto del bene ; mentre un prodottore di vino spagnolo di 107 anni assicura che la sua età avvanzata è dovuta alle 4 bottiglie di vino che consuma quotidianamente.

Grace Jones ha festeggiato il suo compleanno nello scorso settembre con la sua figlia di 78 anni. Ha goduto di una piacevole compagnia, del cibo, delle bevande e, ovviamente, del suo mitico bicchierino di whisky. È nata un 16 settembre del 1906 in Liverpool, nel Regno Unito, e ha ricevuto in totale sette carte dalla Regina d’Inghilterra. Date le circostanze, probabilmente non sarà la ultima.

 

 TAGS:The Yamazaki Distiller's ReserveThe Yamazaki Distiller’s Reserve

The Yamazaki Distiller’s Reserve

 

 

 TAGS:Hibiki 12 AnniHibiki 12 Anni

Hibiki 12 Anni

5 posti dove bere un buon vino a Birmingham

 TAGS:undefinedNon sarà la meta turistica più importante del Regno Unito, ma Birmingham è una città che offre molte attrazioni, oltre a numerosi bar in cui, al di là della birra, si può degustare anche del vino. E l’aspetto migliore è che, nei suoi locali, si possono gustare varietà di vini di alta qualità e diverse regioni del mondo. Tra questi, abbiamo selezionato i seguenti, per rendere indimenticabile la vostra visita a questa grande città sconosciuta.

  1. Loki Wine. Gli amanti del vino potranno gustare piatti e bevande in questo luogo che educa il cliente a bere vino con una selezione mondiale di bottiglie. Al piano terra si possono acquistare bottiglie di vino per provarle al piano di sopra, in un’atmosfera amichevole e rilassata.
  2. All One Bar. In questo caso, il bar offre una varietà di ambienti presi d’assalto dai lavoratori in settimana e da e persone di diverse età nei fine settimana. Offre una lista completa di vini molto dettagliata.
  3. The Rectory. Questo grande bar e ristorante, situato in una posizione centrale ben nota, offre la possibilità di provare bicchieri di vino. E ‘noto per il suo arredamento e ha attorno a sé paesaggi verdi e una grande e famosa piazza.
  4. Utopia. Questo bar del Birmingham City Centre permette di scoprire nuovi vini provenienti da diverse regioni. È possibile combinare i vini con una cucina formale o anche con un semplice hot dog.
  5. Simpson. In questo luogo, che è anche una scuola di cucina, si organizzano visite alle cantine, degustazioni di piatti e vini di alta qualità.

Ti piace l’idea? Ah! E se durante il viaggio nel Regno Unito decidi di passare per la capitale, da non perdere i migliori bar di vino a Londra.

 TAGS:Sassicaia 2010Sassicaia 2010

Sassicaia 2010

 

 

 TAGS:Ferghettina Franciacorta BrutFerghettina Franciacorta Brut

Ferghettina Franciacorta Brut

 

La Svezia, dietro all’Inghilterra nella produzione di vini per il cambio climatico

 TAGS:undefinedÈ noto che l’attività industriale umana, soprattutto quella degli gli ultimi decenni, si stata caratterizzata dall’uso intensivo di combustibili fossili e sta influenzando gradualmente drammaticamente il cambio di clima del pianeta, causando l’aumento delle temperature globali e generando alcuni cambiamenti nel tempo di alcune parti del mondo.

E ‘qualcosa che dobbiamo cominciare a controllare, prima che sia troppo tardi, ma che in certi luoghi sta consentendo attività fino ad oggi impensabili. Proprio come nella produzione di vino inglese anche la produzione svedese è stata favorita dall’aumento delle temperature, rendendo le loro stagioni calde per più tempo e, quindi, facilitando il compito dei viticoltori di migliorare la qualità di prodotti sempre più apprezzati dentro e fuori dei suoi confini.

Nella regione di Malmö, una delle più grandi città della Svezia, possiamo trovare vigneti che ora godono di un mese di estate in più rispetto a mezzo secolo fa, come l’Hällåkra, dove più di 20.000 viti sono coltivate su una superficie di circa 6 ettari di terra. Il fatto è che a queste latitudini l’aumento di temperatura è stato superiore alla media mondiale, e la viticoltura nordica sta diventando una seria alternativa commerciale, quando fino a poco tempo fa era considerata poco più che un hobby per pensionati.

Anche se il vino svedese è ancora una grande incognita tra il pubblico in generale, l’iniziativa dei piccoli produttori sta cominciando ad attirare l’interesse di ristoranti gourmet locali che cominciano a includere nelle loro carte dei vini, con particolare attenzione al bianco e a quelli frizzanti, che si adattano di più alle particolari condizioni climatiche della zona, inadatte per la coltivazione di uve rosse.

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut: un vino spumante con DO Franciacorta delle varietà pinot noir e pinot blanc e con un grado alcolico di 12º.

 

 

 TAGS:Villa Sandi Prosecco FrizzanteVilla Sandi Prosecco Frizzante

Villa Sandi Prosecco Frizzante: un vino spumante de la DO Prosecco Di Conegliano-Valdobbiadene vinificato con prosecco e ha un grado alcolico di 10º. 

 

 

Lo spumante inglese crescerà molto nei prossimi anni

 TAGS:undefinedTra i diversi tipi di vino, lo spumante sta avendo una grande accoglienza in tutti i tipi di mercati. E pare che lo spumante inglese, uno dei più consumati nel paese, sarà uno dei più inclini alla crescita nei prossimi anni.

Difatti alcuni recenti studi sul vino hanno ratificato come l’industria dello spumante inglese crescerà del 342% nel periodo dal 2007 al 2017.

Ciò si spiega per diversi motivi. Da un lato, per l’aumento della produzione di questo vino nel paese, con le grandi preferenze riportate dai consumatori. E d’altra parte, il fatto che una grande catena di supermercati come la Waitrose stia comprando oltre il 50% del vino prodotto in Gran Bretagna, con una varietà di vini inglesi nei suoi stabilimenti.

Essendo uno dei maggiori fornitori di vino nel Regno Unito, Waitrose ha quindi scelto di creare un proprio marchio di vino di successo. Questo prodotto viene venduto con il marchio ‘Leckford’ ed è fatto con uve provenienti dai suoi vigneti nel Leckford. La prima annata di questo vino è stata messa in commercio alcuni anni fa.

Le abitudini dei consumatori

L’incremento è dovuto anche al fatto che le abitudini dei consumatori stanno cambiando. In Inghilterra si beve più vino, lo spumante è uno degli alcolici preferiti, anche se è francese, spagnolo o italiano. Questo fa che ci siano interessi nello sviluppare una produzione autoctona

Esportazioni

L’altro motivo che spiega la crescita di questo tipo di vino è la crescita delle esportazioni, grazie ad essere infatti il consumo mondiale di vino spumante inglese sta crescendo notevolmente.

Lo sviluppo dei viticoltori

Alcuni viticoltori confermano questo successo, dal momento che le uve rosse passano al bianco per fornire un vino spumante più chiaro, visto che le preferenze dei consumatori cambiano e devono adeguarsi ai nuovi parametri della società. Anche se è risaputo che lo spumante è più costoso da sviluppare, essendo elaborato tramite un processo di fermentazione secondaria, che ha bisogno di più tempo. La qualità è migliorata, i costi sono scesi e ora lo spumante risulta essere molto più conveniente rispetto a prima.

 TAGS:Chapel Down Rose BrutChapel Down Rose Brut

Chapel Down Rose Brut

 

 

 TAGS:Nyetimber Demi SecNyetimber Demi Sec

Nyetimber Demi Sec

 

 

La scommessa dei britannici per smettere di bere

 TAGS:undefinedIl consumo eccesivo di alcol è un problema importante in molti paesi del mondo, dato che in molti superano i limiti quando bevono birra, vini o distillati. In questo ambito le autorità sanitarie britanniche hanno raggiunto l’accordo per promuovere l’uso di una medicina di uso giornaliero che sembra garantire risultati soddisfacenti, secondo le informazioni del portale The Drinks Business.

Il principio attivo di questa pillola anti-alcol, chiamato Nalmefene, funziona inibendo la sensazione di benessere che si ha bevendo dell’alcol e, quindi, riduce il consumo compulsivo responsabile della dipendenza in molte persone. Le prove cliniche hanno dimostrato che costoro hanno poi ridotto il consumo 6 mesi dopo il trattamento. 

Il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) ha approvato l’utilizzo di questa medicina, della quale potranno beneficiare in 600mila, con un costo pari a 600 milioni di sterline annuali.

Secondo la specialista del NICE Carole Longson, questa medicina è efficace e poco costosa rispetto alle terapie psichiatriche usate finora. Ciò nonostante afferma che l‘uso del farmaco deve essere accompagnato dai metodi tradizionali della dipendenza da alcol. 

Il Nalmefene è stato già usato in Scozia e tra poco sarà diffuso anche in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. Si tratta di un bel passo avanti nel trattamento dei problemi con le bevande alcoliche e magari presto sarà diffuso anche in altri paesi. L’importante è comunque di non farsi prendere troppo la mano e bere con moderazione, godendo il piacere di bere senza esagerare. 

Oggi consigliamo:

 TAGS:Elav Regina D'InvernoElav Regina D’Inverno

Elav Regina D’Inverno

 

 

 TAGS:Le Magnifiche Di Petrognola Bionda ForteLe Magnifiche Di Petrognola Bionda Forte

Le Magnifiche Di Petrognola Bionda Forte