Tag: heineken

Come degustare la birra

 TAGS:Le degustazioni di bevande aumentano notevolmente di giorno in giorno. E non si fanno solo degustazioni di vini, ma è ormai diventata una moda fare degustazioni di birra, di tutti i tipi di distillati e persino dell’acqua. Ma come si degusta la birra? C’è differenza con la degustazione dei vini?

Inoltre, le degustazioni rappresentano momenti di vera e propria condivisione, magari per festeggiare un’occasione speciale ed incontrare i propri amici. Sono di solito molto divertenti, anche perché in ogni corso si impara sempre qualcosa di diverso, ed in maniera ludica, affinché sia interessante per il maggior numero di persone.

In questi corsi di degustazione, di solito si inizia con una spiegazione generale sulle origini della birra, sulla sua storia e la sua produzione che, in questo caso, varia a seconda del proprio paese di origine. Questo momento ci sarà molto di aiuto quando passeremo alla fase pratica.

In questa seconda fase viene eseguita una degustazione molto simile a quella del vino. Si prende in considerazione prima di tutto il colore, poi l’aroma e alla fine il gusto che manterremo nel nostro palato per riconoscere il tipo di birra che abbiamo assaggiato. Analizziamo quindi questa fase, passo dopo passo:

Colore

Durante la degustazione ci insegneranno i diversi bicchieri in cui servire e degustare le birre, poiché quest’ultime possono variare di colore anche a seconda del loro contenitore. Le birre vengono collocate su una tovaglia preferibilmente bianca in modo da poterne apprezzare le tonalità del giallo, rosa o nero.

L’aroma

È la seconda fase, in cui noteremo tutti i diversi aromi attraverso appunto l’olfatto. A seconda della birra, ritroveremo profumi di affumicato (e di tostato) o di agrumi, nel caso di quelle più chiare.

Il gusto

A differenza di quanto accade per i vini, le birre vanno sputate, perché i sapori variano in base a quanto le tratteniamo in bocca. Bisogna fare due sorsi per apprezzarne i sapori, il malto e il luppolo. Dalla loro quantità dipenderà il livello di dolcezza o di amarezza e si noteranno gli aromi di spezie, caffè, fiori, frutta…

Durante una degustazione di solito si provano circa 5 birre a persona, proprio per riuscire ad apprezzare meglio ogni sapore, ed è consigliabile che siano di diversi paesi per capire le varie differenze molto più chiaramente e semplicemente.

Ora che sapete come si degusta la birra, parteciperete ad una degustazione? In Uvinum vi consigliamo 2 birre che non possono davvero mancare durante la vostra prima degustazione:

 TAGS:HeinekenHeineken

Heineken: Una delle migliori birre del mondo, ideale per imparare a degustare la birra, perché la conoscono tutti ed è facile distinguerne le qualità. Giallo brillante, con schiuma di rapida dissoluzione e un’amarezza breve ma intensa. Geniale!

 

 TAGS:Guinness DraughtGuinness Draught

Guinness Draught: Provare una birra così diversa è la soluzione migliore per concludere una degustazione. Per il suo sapore così forte ed intenso infatti, è consigliabile berla per ultima, altrimenti non noterete il sapore di quelle bevute dopo.

Le birre olandesi, tradizione e sapore

 TAGS:Da sempre le birre del Nord Europa sono tra le più rinomate nel mondo, grazie alla loro lunga tradizione. A parte le famosissime birre prodotte in Germania e in Belgio, tra le quali le classiche trappiste, anche l’Olanda è da menzionare in quanto alla produzione di birre di qualità.

Le birre di origine olandese, la cui diffusione avviene principalmente nella parte meridionale del paese. Ciò nonostante in quasi tutte le città si trovano però Biercafé e Bierbar e anche per le piccole fabbriche di birra di recente fondazione si è sviluppato un mercato interessante. Le birre olandesi sono meno elaborate di quelle belga, dunque più leggere.

Senza dubbio la birra olandese più famosa e consumata nel mondo è l’Heineken, che è anche sponsor ufficiale della Uefa Champions League. La birra “verde” è fresca e saporita, nonostante la sua gradazione non sia alta (5%) ed è bevuta non solo in Olanda ma in tutta Europa nelle tipiche serate tra amici, tanto a casa come al bar.

La heineken divenne celebre in tutto il mondo quando conquistò il mercato americano subito dopo l’abrogazione del proibizionismo, ovverossia parecchio prima che si affermassero altri fabbricanti europei. Negli Stati Uniti ha consolidato la sua fama mantenendo genuino il prodotto d’importazione, anche se paradossalmente deve oggi affrontare il problema di essere troppo popolare per venire considerata chic. Il alcuni paesi, per esempio in Gran Bretagna, viene prodotta su licenza una miscela piuttosto diversa dalla Heineken originale.

La Heineken può inoltre vantare una grandissima fabbrica in piena Amsterdam visibile a tutti coloro che vogliano saperne di più. In generale però molte fabbriche presentano la stessa gamma di miscele: una Pilsner, una Oud Bruin dolce, una Dort tipo Dortmunder, ma un pò più forte, e una Bok stagionale.

Un’altra birra olandesa molto conosciuta è l’Amstel, che prende nome dal medisimo fiume in prossimità della capitale dei Paesi Bassi. Nonostante la ditta sia stata acquistata dalla Heineken, il suo prestigio rimane ancora intatto.

Vuoi provare una birra olandese? Eccone alcune:

 TAGS:Amstel (Lattina)Amstel (Lattina)

Amstel (Lattina), ideale per aperitivi

 

 

 TAGS:HeinekenHeineken

Heineken, freschezza e sapore