Tag: feste natalizie

Quali bevande servire alle donne incinte per le feste di Natale?

 TAGS:undefined

Le feste natalizie si avvicinano, le strade si illuminano ed il menù per Natale è quasi pronto. Forse dovete ancora scegliere il vino. Però come fare se siete in gravidanza e che non potete bere alcol durante le feste di Natale ? Oppure è la vostra sorella, cognata, cugina che è incinta e non avete previsto bevande speciali. Non preoccuparvi !

Definizione del vino analcolico

In primo luogo, occorre tener presente che il vino con 0,0 % di alcol non esiste ; né la birra. Quindi una bottiglia di 0,75 cl può avere tra 0,2 % e 0,3 % di alcol.

Inoltre, la legislazione europea permette ai vini con meno di 7 % di alcol di prendere la denominazione di vino analcolico. In Francia, per esempio, la birra senza alcol non deve superare l’ 1,2 %. Va ricordato che 1 grado di alcol corrisponde ad 8 grammi di alcol puro per litro.

Attualmente, è abbastanza facile di trovare vini bianchi, rossi, rosati e spumanti senza alcol. Esistono anche champagne e whisky analcolici.

Come ottenere un vino o una birra senza alcol ?

Il principio di base è di eliminare l’alcol del vino senza toglierne il gusto. Infatti, l’alcol è il secondo componente principale del vino dopo l’acqua.

I metodi di dealcolizzazione :

  • dealcolizzazione di un vino classico
  • aggiungere dello zucchero
  • aggiungere dell’acqua
  • per evaporazione

Ma, quando si rimuove l’alcol del vino, si toglie anche una gran parte dei sapori e componenti del vino. Senza alcol, il vino è più acido ed astringente. Quindi è necessario prestare attenzione all’acidità, al gusto e fare in modo che il vino non sia troppo amaro. Per questo è anche possibile aggiungere degli aromi e dello zucchero nel vino analcolico per ottenere una bevanda piacevole.

Nel caso della birra senza alcol, è il processo di fermentazione che cambia. È molto più breve per avere solo pochissimo alcol. Il problema è che si ottene meno di bollecine. Quindi è necessario aggiungere dell’anidride carbonica.

È ovvio : le bevande analcoliche sono molto ambite dalle donne incinte. Consomare alcol durante una gravidanza è sucettibile di rappresentare un rischio per il feto. Anche se oggi, le nostre conoscenze scientifiche non ci permittono di determinare un livello di consumo di alcol o di quantità di alcol che non sarebbe un rischio per il feto.

 

 

 

 TAGS:Natureo 2015Natureo 2015

Natureo 2015

 

 

 TAGS:Natureo Blanco 2015Natureo Blanco 2015

Natureo Blanco 2015

 

 

Quali vini bere per il pranzo di Natale?

 TAGS:undefined

Natale si avvicina e come ogni anno arriva il momento di scegliere un menù ma anche i vini che accompagneranno il pranzo del 25 dicembre.

A meno di un mese dalla festa tradizionale, vi proponiamo di aiutarvi nella scelta del vino e vi diremo anche come abbinarlo in funzione del tipo di pasto.

Il brindisi e l’antipasto

ll brindisi può essere il primo passo per cominciare i festeggiamenti : ecco perchè non si deve sbagliare. Per brindare, i vini spumanti come un Champagne, un Prosseco oppure un Franciacorta, sono spesso raccomandati, perché le bollicine preparano il palato per il prosieguo del pranzo. Con questi tipi di vini, si possono prendere antipasti di verdure o formaggi freschi.

Primi e secondi piatti 

Nelle regioni del nord dell’ Italia, si cucinano generalmente i tortellini in brodo per il pranzo di Natale. Con questo pasto è consigliato di bere un vino rosso come un Lambrusco, che proviene dallo stesso territorio.

Per i piatti a base di carne, di selvaggina o con gli arrosti si possono abbinare vini rossi come : Chianti, Nebbiolo, Barbera, Nero D’Avola, Primitivo di Manduria.

Invece nelle regioni del sud, è più comune di mangiare del pesce. Con i piatti a base di pesce si abbinano perfettamente i vini bianchi di tipo Vermentino, oppure vini come un Fiano di Avellino, un Verdicchio dei Castelli di Jesi od un Traminer.

I dolci : pandoro e panettone

In Italia il pandoro (originiario da Verone) ed il panettone (originiario da Milano) sono essenziali per un pranzo di Natale riuscito, e questo, al sud come al nord del paese. Con questi dolci se beve generalmente un Moscato oppure un Passito di pantelleria.

Buon appetito e buone feste !

 

 

 

 TAGS:Tenuta Ulisse Montepulciano D'Abruzzo 2014Tenuta Ulisse Montepulciano D’Abruzzo 2014

Tenuta Ulisse Montepulciano D’Abruzzo 2014

 

 

 TAGS:Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011

Noto Nero d’Avola Santa Cecilia 2011

Ispirati ad altri paesi e festeggia un capodanno differente

 TAGS:undefined

In tutto il mondo le tradizioni variano. Durante il capodanno in ogni paese si festeggia in modo diverse  con un tocco di divertimento per le vostre feste. Oggi condividiamo con voi alcune di queste tradizioni. Cosa ne pensi?

Sao Paulo

Sao Paulo è il luogo ideale per chi vuole godersi le vacanze non solo durante il carnevale, ma anche a fine anno: a capodanno una delle tradizioni più singolari è quella di indossare biancheria intima dai colori vivaci per attirare buona fortuna per il nuovo anno.

Copenaghen

I danesi solitamente rompono stoviglie e sedie, motivo per cui alcuni viaggiano a Capodanno a Copenaghen. La gente del posto si arrampica sulle sedie e li salta all’unisono quando suonano i rintocchi della mezzanotte. Si presume che questa pratica serve per allontanare gli spiriti maligni. Rompere piatti, tazze e altri utensili da cucina serve per portare buona fortuna

New York

Inizia il nuovo anno con un tuffo: il tradizionale salto nelle acque gelide è praticato in luoghi come Barcellona, Edimburgo e New York, dove i membri del Polar Bear Club di Brooklyn fanno tuffo nell’Oceano Atlantico a Coney Island per raggiungere un senso rinfrescante di rinnovamento.

Tokyo

I giapponesi sono noti in tutto il mondo per la loro eccentricità e il capodanno non fa eccezione. Per il nuovo anno, durante tutto il pomeriggio e la sera una grande percentuale della popolazione guarda un programma televisivo in cui delle celebrità effettuano duelli musicali. A mezzanotte è il tempo di mangiare lunghe tagliatelle che simboleggiano longevità, mentre le campane del tempio suonano 108 volte in lontananza, ogni colpo è uguale a valori negativi che vengono dimenticati.

Tallinn

Se il tuo modo preferito per festeggiare qualsiasi cosa è mangiare, devi andare a Tallinn. Nella notte di Capodanno vengono sparati fuochi d’artificio, ma secondo la tradizione bisogna mangiare 7 volte la vigilia di Capodanno, perché ogni pasto darà nuova forza per iniziare il nuovo anno.

Plymouth (Wisconsin)

La cittadina americana di Plymouth, in Wisconsin, è la destinazione del Capodanno per gli amanti del formaggio. Ogni vigilia viene organizzato il Big Cheese Drop per celebrare l’industria casearia locale. Un artista locale produce un pezzo di formaggio di polistirolo da 36 chili che viene poi lasciato cadere da un’altezza di 30 metri allo scoccare della mezzanotte.

Cile

I cileni hanno anche tradizioni uniche nel nuovo anno. Una di queste è quella di bruciare cartone o bambole di legno per purificare ed eliminare errori, dolori e disturbi e quindi iniziare il nuovo anno con la migliore disposizione.

Venezuela

I venezuelani hanno l’abitudine di incontrarsi a casa con amici e parenti prima delle cene di Natale e Capodanno per preparare hallacas, che consistono in una torta o panino con uno stufato unico come condimento. Le hallacas elaborate sono poi regalate agli amici durante l’addio al vecchio anno per assicurare una lunga amicizia e augurare buona fortuna.

 TAGS:Dom Perignon Vintage 2004Dom Perignon Vintage 2004

Dom Perignon Vintage 2004:  un vino spumante de la DO Champagne a base della caste pinot meunier e pinot noir di 2004 e con una gradazione alcolica di 12.5º. 

 

 

 TAGS:Dom Perignon Vintage Rosé 2002Dom Perignon Vintage Rosé 2002

Dom Perignon Vintage Rosé 2002: un vino spumante con DO Champagne con pinot noir e pinot meunier di 2002 e con una gradazione alcolica di 11.5º. 

 

 

* Foto: Wilfredo Rodriguez (flickr)

Buon Natale (e felice vino)!

 TAGS:undefinedFinalmente è Natale! Così ora comincia ad essere il momento di stappare lo champagne, decantare i vini di riserva (li hai messi nel posto giusto, vero?) E organizzare una felice vacanza, anche con il maglione con le di renne che tua madre o tua suocera ti hanno regalato e dal que non sipuò sfuggire. Sì avrà quindi tempo di pensare tutto le cose belle accadute in questi 12 mesi e di festeggiare con la famiglia e gli amici.

Noi, da parte nostra, speriamo di aver contribuito a rendere un po ‘più felice il vostro anno con quello che ci piace di più: il vino. E così, dopo sei anni, siamo lieti di continuare ad aiutarvi a scoprire nuovi prodotti, buoni vini, i vini più premiati … sempre alla ricerca della migliore opzione e del prezzo che più si adatta alle vostre esigenze.

Inoltre, quest’anno abbiamo voluto incoraggiare le feste con diverse nuove iniziative che speriamo abbiano contribuito ancora di più ad aggiungere i migliori vini, spumanti, champagne e liquori al vostro tavolo in modo che possiate bere, condividere e goderli con la famiglia. Per fare qualche esempio, abbiamo lanciato il nostro Speciale Natale e abbiamo lavorato duramente per offrire un trasporto ad aliquota forfettaria …

Ah! E abbiamo realizzato anche qualcosa di nerd con i nostri vini Star Wars (ancora non avete optato per uno dei lati della forza del vino?). Ed è che lo spirito del Natale e la prima di Star Wars : Il risveglio della Forza ci hanno trascinato nella galassia … (non dimentichiamo che oltre al vino, amiamo la tecnologia).

Così, dopo questo pre Natale così intenso, e per non rubarvi altro tempo, ci basta dire ancora una volta che Nico, Albert L., Albert G., Vero, Ben, Ana, Oscar, Fran, Audrey, Paolo, Eduard, Marcos, Javi Sandra, Francesca, Giovanni Roberto, Sara, Miguel, Maria, Pri, Elisabeth, Johanna, Rafa e Celia vi augurano felici feste e che l’anno che inizierà a breve vi porti il meglio. Salute e vino (si possono bere due bicchieri o più se vi hanno regalato il maglione con le renne, si capisce)!

Comincia l’anno brindando con lo spumante

 TAGS:Durante le feste di Natale 2013, lo spumante non può mancare in tutti i luoghi dove abbiamo festeggiato. Cominciare il 2014 con un brindisi di un ottimo spumante è il migliore degli auspici per un anno pieno di buoni propositi.

Questo fantastico vino spumante ha ormai raggiunto un’alta categoria ed è la bevanda perfetta per le celebrazioni più importanti. Lo spumante viene elaborato attraverso il metodo tradizionale (lo stesso dello champagne) ma si adatta alle caratteristiche dei luoghi e delle regioni dove viene prodotto. In Italia su tutte spicca il Piemonte.

Esistono svariati tipi di spumante, sempre a seconda della quantità di zucchero che gli si aggiunge. Il Brut Nature è uno dei più puri perché gli si aggiunge solamente del vini e dunque ha una qualità più elevata ed è adatto per i commensali più esigenti. Tutto il contrario accade per quanto riguarda la produzione di spumante semisecco al quale viene aggiunta una quantità di 32/50 grammi di zucchero al litro e la sua produzione diminuisce di anno in anno. Inoltre, è sempre più popolare lo spumante rosato, che spopola in tantissime tavole durante le feste. 

Per questi giorni vi raccomandiamo alcuni tipi di spumante che vi piaceranno sicuramente nel momenti in cui dovrete brindare con torroni e dolci tipici delle feste:

 TAGS:Ferreira Dona Antonia ReservaFerreira Dona Antonia Reserva

Ferreira Dona Antonia Reserva

 

 

 TAGS:Néctar Pedro XiménezNéctar Pedro Ximénez

Néctar Pedro Ximénez