Tag: decanter

5 accessori per il vino per un servizio perfetto

 TAGS:Non tutti i giorni abbiamo il tempo di poter bere un bel bicchiere di vino in tutta tranquillità, dedicandogli la giusta attenzione, facendolo aerare correttamente e servendolo alla giusta temperatura. Per fortuna, non tutti i vini richiedono una preparazioni così elaborata, e possiamo provare dei grandi vini semplicemente aprendo la bottiglia e bevendoli.

Tuttavia, se sei una persona alla quale, di tanto in tanto, piace gustare un bicchiere di vino in pieno relax, senza stress, magari accompagnato da una piacevole conversazione, allora oggi ti presentiamo cinque accessori per il vino che non ti puoi perdere:

Come ti sembrano i nostri suggerimenti? Quale ti sembra più utile? Te ne manca qualcuno?

 

 TAGS:Climatizador Vn 28CClimatizador Vn 28C

Climatizador Vn 28C, La vinoteca è il modo migliore per conservare i vini pronti da bere. Tuttavia, a meno che non sei un collezionista, non c’è bisogno di tenere più di 8 bottiglie alla stessa temperatura, quindi perché spendere di più?

 

 

 TAGS:Lotto 2 bicchieri da vino RiedelLotto 2 bicchieri da vino Riedel

Lotto 2 bicchieri da vino Riedel, Se sei uno di quelli che beve il vino anche in un bicchiere per l’acqua, devi sapere che il vino ha un sapore migliore in appositi bicchieri. Questi, per di più, sono estremamente resistenti.

 

 

 TAGS:Pulltex Pulltaps Silver EvolutionPulltex Pulltaps Silver Evolution

Pulltex Pulltaps Silver Evolution, Si tratta del cavatappi più affidabile in assoluto, infallibile. Richiede un po’ di pratica in più, ma vi garantirà di aprire perfettamente una bottiglia senza lasciare alcun residuo di sughero.

 

 

 TAGS:Decantador 'Morfeo' Pulltex + LimpiadecantadorDecantador ‘Morfeo’ Pulltex + Limpiadecantador

Decantador ‘Morfeo’ Pulltex + Limpiadecantador,
La maggior parte dei buoni vini migliorano con la decantazione. Il decanter “Morfeo” ha un prezzo ragionevole e, soprattutto, comprende un accesorio fondamentale a non farti stancare del decanter: il pulisci decanter.

 

 

 TAGS:Set de Vino 'Venus' PulltexSet de Vino ‘Venus’ Pulltex

Set de Vino ‘Venus’ Pulltex,
Il dettaglio elegante finale. Con questo set è possibile controllare la temperatura giusta per servire il vino e, se lo si serve direttamente dalla bottiglia, ha il salva goccia e il tappo per un miglior servizio.

Quando decantare il vino

 TAGS:Uno dei rituali che più sono associati alla cultura del vino, oltre alla degustazione, è quello della decantazione. Tra l’altro è la meno compresa, e sulla quale ci sono più controversie. Quando decantare un vino? Un vino migliora quando lo si decanta? Decantare o aerare?

Decantare o aerare il vino?

In linea di principio si tratta di due cose ben diverse, ma di solito una cosa porta all’altra. Ecco le differenze:

Quando decantiamo un vino non facciamo altro che travasarlo da un contenitore ad un altro per liberarci della posa.
Quando aeriamo un vino, invece,  permettiamo che esso entri in contatto con l’aria, in modo che, ossigenandosi, il vino sprigioni i suoi aromi, soprattutto nel caso di vini concentrati che sono stati imbottigliati a lungo.

La decantazione

I vini più vecchi, o quelli che non sono stati sufficientemente filtrati durante la loro preparazione, possono avere la posa. Il fatto che un vino abbia la posa, non ci dice nulla sulla sua qualità: può essere buono o cattivo, indipendentemente dal fatto che abbia la posa o meno. Ma la posa solitamente ha un sapore leggermente amaro e astringente, per cui è sempre meglio separarla dal vino, in modo da poter apprezzare di più il vino stesso.

Quando pensi che una bottiglia possa avere la posa, la cosa migliore da fare è decantarlo. Attualmente ci sono sul mercato dei decanter che includono un filtro, altrimenti è possibile acquistarlo separatamente, basta solo assicurarsi che i fori del filtro siano abbastanza piccoli. Anche se, in realtà, i filtri di solito non evitano la posa di vino.

Quello che stiamo per spiegare è il metodo classico che può sembrare fuori moda e un po’ snob ma che è certamente il migliore per i vostri amati vini. Se avete tenuto la bottiglia in orizzontale, com’è consigliabile fare, è meglio adagiarla in un cestello da vino, nel quale assumerà una posizione leggermente inclinata, in modo da poterla aprire senza agitarla troppo, così che la posa non si smuova insieme al vino e lo intorbidisca. Se potete, tenete la bottiglia in questa posizione per circa 24 ore, prima di servirla.

Preparate il decanter, e accendete una candela inodore. È importante accendere la candela in un altro ambiente, in modo che l’odore di fosforo del cerino o il gas dell’accendino non rimangano nello stesso luogo in cui si odorerà il vino. Aprite la bottiglia (e questa sarà la cosa più difficile da fare, perché con la bottiglia inclinata è molto più complicato che con la bottiglia in verticale) e, una volta aperta, cominciate a versare lentamente il vino nel decanter. È importante che il processo sia lento, in modo da alterare il vino il meno possibile.

E la candela? Il collo della bottiglia dovrà essere situato tra i vostri occhi e la candela. Così vedrete meglio se, o quando, la posa salirà verso l’alto. Quello sarà il momento di smettere di servire il vino, e finalmente potrete pensare di averlo decantato con successo.

Aerazione del vino

Quando si decanta un vino lo si sta anche aerando: esponendolo all’ossigeno, alcuni sapori si dissipano mentre altri si ammorbidiscono. Nel caso dei vini gran riserva o in generale molto vecchi, questa pratica potrebbe disperdere i pochi aromi che gli rimangono, per cui è sempre meglio fare molta attenzione nel momento in cui si decide di far aerare un determinato vino.

Esistono decanter dalla bocca piccola proprio per i vini che hanno bisogno di decantazione ma non di aerazione, mentre la maggior parte dei decanter in commercio permettono entrambe le funzioni.

L’aerazione è consigliata quando i vini hanno una particolare potenza aromatica e quando sono nel loro miglior momento di consumo. In questo modo, elimineremo l’odore di chiuso e consentiremo a tutti gli aromi di affiorare in minor tempo.

Per aerare un vino è necessario versarlo in un decanter, molto lentamente, ma senza preoccuparsi della posa. Alcuni vini, in verità pochi, richiedono inoltre la “rottura”, vale a dire che devono essere versati con potentenza, proprio per dissipare l’alcol. Ma di solito “rompere” un vino non è una buona idea.

Il modo migliore per capire se un vino ha bisogno di aerazione è quello di aprire la bottiglia e provarlo: se si nota la presenza di aromi molto concentrati, come ” di chiuso”, e poco definiti, allora la cosa più logica è decantarlo. Gli aromi di chiuso sono quelli di umidità, che sanno un po’ di di tappo (se è molto pronunciato significa che è un difetto del vino), di giornali vecchi, di cuoio bagnato…

Se non siete in grado di identificare questi aromi, o non ne siete sicuri, aprite la bottiglia, assaggiate un po’ di vino e lasciatela aperta per 10 minuti. Dopo di che, quando lo riprovate, vedete se qualcosa è migliorato e, in caso affermativo, decantate il vino per aerarlo. Altrimenti, avrete semplicemente aerato la superficie e il vino non avrà perso un gran che.

Quando decantare il vino

 TAGS:Uno dei riti che sono associati con la cultura del vino è più, a parte la degustazione, è la decantazione. Ed è uno dei meno compresi, e la polemica risiede in quando decantare un vino. E ‘meglio decantarlo o arieggiarlo?

In linea di principio si tratta di due cose diverse, ma di solito una cosa tira l’altra. Ma ci sono differenze:

  • Quando decantiamo un vino ciò che vogliamo è travasare il vino da un recipiente a un altro per eliminare la posa. 
  • Quando arieggiamo un vino ciò che facciamo è permettere che il vino entri in contatto con l’aria dim modo che gli aromi salgano, soprattutto se si tratta di vini concentrati che da molto tempo sono chiusi in bottiglia. 

 

La decantazione

I vini vecchi, o quelli che sono stati sufficientemente filtrati nella loro elaborazione, possono presentare un minimo di posa. Che un vino contenga posa non denota niente riguardo la sua qualità: può essere un vino buono o cattivo, indipendentemente dalla posa. Ma la posa deve avere un sapore leggermente amaro e astringente , caso in cui è conveniente decantarlo per apprezzare a fondo le sue proprietà. 

Se ti sembra che una bottiglia possa contenere fondi, è normale decantarla. Attualmente esistono decanter con filtro, o si può comprare il filtro da solo, e se i buchi del filtro sono abbastanza piccoli, va bene.  

La opzione classica è quella che vi spieghiamo. Sembra passata di moda o snob, ma senza dubbio è la migliore per i grandi vini. Se la bottiglia si è conservata di forma orizzontale, come consigliato, la cosa migliore è porre la bottiglia in un cesto per il vino, dove resterà leggermente inclinata affinché si possa aprire senza muoverla, di modo che la posa non si muova con il vino e non si mischi con esso. Mantieni la bottiglia così 24 ore prima di servirlo, se puoi. 

Prepara il decanter e accendi una candela senza aroma. Cerca di accenderla in un altro posto, affinché il cerino resti nello stesso posto dove odorerai il vino. Apri la bottiglia e, una volta aperta, inizia a versare lentamente il vino nel decanter. È importante che il processo sia lento per alterare il vino il meno possibile. 

Aerazione del vino

Decantando un vino lo stiamo al contempo areando, lo esponi all’ossigeno che farà sì che gli alcuni aromi si disperdano ed altri si ammorbidiscano. Nel caso delle grandi riserve di vecchia data, questo può significare perdere i pochi aromi che possono essere rimasti nel vino, quindi bisogna fare attenzione quando si sceglie il vino da areare. 

Esistono decanter dalla bocca piccola per i vini che hanno bisogno di essere decantati ma non areati, mentre i decanter più commerciali possono servire per entrambe le funzioni. 

L’areazione è indicata per quei vini con gran potenza aromatica e che sono nel miglior momento del consumo. In questo modo si eliminano gli odori di chiuso e tutti gli aromi possono risalire allo stesso momento.

Para arieggiare un vino devi versarlo in un decanter, dolcemente, ma senza preoccuparti della posa. Alcuni vini – la minoranza – hanno bisogno di essere “rotti”, ossia di essere versati in maniera potente affinché l’alcol si disperda. Ma di solito “rompere un vino non è una buona idea. 

La miglior forma di sapere se un vino necessita di areazione è abripre la bottiglia e provarlo: se vedi che possiede aromi molto concentrati, come se sapesse di chiuso, e poco definiti, allora si dovrà decantare. Glis aromi che sanno di chiuso sono quelli dell’umidità, con sapore di tappo (se è molto forte significa che è un difetto del vino) e l’odore di giornali vecchi o di cuoio umido… 

Se non si sa riconoscere questi aromi, o non sei sicuro, apri la bottiglia, prova un poco e lasciala aperta 10 minuti. Dopo, quando lo proverai di nuovo, vedrai se è migliorato, e se è così, decantalo per arieggiarlo, altrimenti avrai solo arieggiato la superficie e il vino avrà perso molte delle sue caratteristiche.

Gli accessori per il vino più originali

Abbiamo cercato alcuni dei regali più belli (a volte) nel fantastico mondo di accessori per il vino e ve li abbiamo qui riportati nel caso il cui abbiate bisogno di restituire il “dettaglio” ad un “amico”.

In primo luogo, cominciamo con un accessorio che è elegante e pratico: un accessorio elettrico per la ventilazione del vino che vi consente di avere pronto un Riserva o Gran Riserva in meno di un minuto:

 TAGS:

Se il regalo ricevuto non è stato di vostro gradimento e proviene da qualche “furbacchione”, allora non c’è niente di meglio di questo avvitatore Bosch in edizione limitata che è dotato di un accessorio per stappare il vino: 

 TAGS:

E se il regalo proviene da un “artista”, e ce lo si può permettere, provate questo pezzo d’arte: un esclusivo decanter di design che si aggira (e a volte supera) sui 2.000 euro. Certo che  vedendo le dimensioni del decanter rispetto alla bottiglia, al momento di servire il vino, allontanatevi! TAGS:

Ma proviamo ad essere ancora più audaci. Hai un amico che è fissato con la temperatura del vino? Beh, dagli uno schiaffo morale… sorprenderai sia lui che le sue bottiglie. Con questo raffreddatore ultra-rapido, infatti, le sue bottiglie saranno fredde in cinque minuti. In questo video ti spiegano come. Basta vedere la disperazione di questo signore nell’aprire il frigorifero e accorgersi che il suo vino non è ancora freddo, per rendersi conto che c’è davvero bisogno di questo accessorio:

Ma la vera perla della collezione è il video che vi presentiamo qui di seguito. Il dispositivo in questione si chiama “Chupistola” e forse avrete già immaginato di cosa stiamo parlando… Si tratta infatti di una pistola spara chupito! Se avete davvero bisogno di vendicarvi di qualcuno, e non vi importa più di tanto che questo qualcuno lo capisca, allora regalategli questo aggeggio e chiedergli di organizzare una festa come la presentazione della “Chupistola”. Adatta solo per i più strambi:

Ti hanno mai regalato qualcosa del genere? Ti piacerebbe riceverne uno? O ne hai altri da consigliarci?