Tag: dalmore

Il whisky più costoso della storia

 TAGS:La passione per il whisky è universale, ed equivalente, per tradizione, a quella di altre bevande come ad esempio il vino.

Tuttavia, mentre nel caso del vino la produzione è soggetta alla qualità dell’annata, per il whisky non succede lo stesso: la tradizione delle distillerie di whisky si paga, e sempre di più. Inoltre, questi distillati possono invecchiare quasi all’infinito, per cui il valore di una buona bottiglia si consolida con il tempo, e crescere in modo esponenziale così come l’ammirazione per il suo produttore.

Come nel caso di Dalmore, una delle distillerie di Scotch whisky dalla qualità più elevata. La marca della testa di cervo, può ora vantarsi di aver venduto la bottiglia di whisky più costosa della storia. Nello specifico, si tratta di una bottiglia di Dalmore 62 venduta nell’aeroporto Changi di Singapore alla modica cifra di 143.000 euro.

Si tratta di un whisky praticamente unico, visto che ne sono state prodotte solo 12 bottiglie, di cui ne sono state messe sul mercato soltanto tre (le altre 9 sono state vendute a clienti VIP della distilleria).

L’Asia sta diventando la meta più ambita dagli esportatori di bevande alcoliche, soprattutto di quelle più costose. E non solo dagli esportatori di suddette bevande, se non dalle imprese stesse che si stanno rendendo sempre più conto di come gli investimenti in capitali asiatici servano a rilanciare le aziende.

La distilleria Dalmore stessa, di proprietà indiana, ne è un chiaro esempio. In principio era gestita dalla famiglia Mackenzie, i cui antenati avevano salvato il re Alessandro III durante una battuta di caccia, nel 1263 (e da qui deriva il significato della testa di cervo sull’etichetta). Successivamente, la distilleria delle Highlands è stata acquisita da Whyte & Mackay nel 1960. Infine l’azienda indiana United Distillers, guidata dall’imprenditore e politico Vijay Mallya, ha acquistato Whyte & Mackay nel maggio del 2007.

Le distillerie di Scotch whisky sono un obiettivo molto ambito dagli investitori, sia per la loro tradizione che per il valore che il loro marchio ha sul mercato globale. Per cui, anche se cambiano i proprietari, come è già successo in passato, il valore dei loro prodotti rimane. A chi non piace un buon whisky?

Oggi ve ne consigliamo un paio. Vediamo quale sceglierete:

 TAGS:Dalmore 12 YearsDalmore 12 Years

Dalmore 12 Years: Uno dei whisky più accessibili di questa casa, che ora può vantarsi di aver venduto “il whisky più costoso al mondo.”

 

 

 TAGS:Laphroaig 10 YearsLaphroaig 10 Years

Laphroaig 10 Years: Laphroaig, uno dei whisky più esclusivi del mondo grazie alla sua originalità.