Tag: curiosità

Da dove viene il vino?

vino, origine del vino, storia del vino, vino nella storia, scoperta del vino

La Russia è la patria della vodka. Il Messico della tequila. Cuba del rum. La Scozia del whisky. Ma … da dove viene il vino? Quale paese ha l’onore di aver creato il vino? L’attribuzione è dubbia e non mancano le polemiche, visto che tutti ambiscono ad essere i creatori di una bevanda così divina. Tuttavia, la scoperta del vino non è un fatto che può essere isolato dalla storia, anzi al contrario: è inseparabile dall’evoluzione storica dell’agricoltura e della gastronomia.

La storia del vino nasce nel Neolitico

Sembra ormai certo che il vino sia nato durante il Neolitico (Età della Pietra). Le prime tracce di quello che potrebbe essere vino sono state trovate nei Monti Zagros (nella regione ora occupata da Armenia, Georgia e Iran), in particolare nella città neolitica di Hajji Firuz Tepe.

Proprio in questo insediamento venne trovato per la prima volta un recipiente risalente al 5400 a.C. contenente acido tartarico, presente nella buccia dell’uva. Ciò potrebbe indicare che il recipiente abbia contenuto vino. Inoltre, questo vino deriverebbe dalla varietà vitis vinifera sylvestris.

La nascita delle rotte commerciali

Con la trasformazione delle società nomadi in società sedentarie, migliorarono notevolmente le tecniche agricole e, inoltre, si svilupparono nuove occupazioni come il commercio che provocò uno scambio di merci sempre maggiore. E grazie a ciò, l’espansione del vino dall’Europa dell’Est raggiunse l’India e la Cina.

Il vino nell’Antico Egitto

Risalgono al regno di Udimo, quinto Faraone della I dinastia d’Egitto (tra il 2914 a.C. e il 2867 a.C.), le prime rappresentazioni pittoriche che mostravano contadini egizi vendemmiando. Originariamente, il vino, che poteva anche derivare dal succo di melograno, veniva usato nelle cerimonie religiose ed era chiamato “shedeh. Sebbene il vino fosse riservato alle classi nobili e ai sacerdoti, durante i periodi di festa anche gli egizi delle classi inferiori potevano provarlo.

Per quanto riguarda la sua conservazione, il vino veniva custodito in anfore sigillate. Alcune di queste divennero addirittura parte del corredo funebre dei faraoni, come nel caso di Tutankamon, dove furono trovate trenta grandi giare di vino.

Nell’Antico Egitto il vino veniva anche usato per pulire i corpi dei defunti prima e dopo averli svuotati nel processo di mummificazione.

Dall’Egitto alla Grecia

Data la vicinanza geografica di Creta con l’Egitto e la Fenicia, rispetto alla penisola greca, si ritiene che il vino sia arrivato alla culla della civiltà moderna attraverso questa mitica isola del Mediterraneo orientale.

Intorno al 700 a.C. il vino era una bevanda abituale e divenne tanto importante che gli fu persino assegnato un dio tutto suo: Dionisio. Normalmente, data la sua alta gradazione alcolica, il vino veniva mescolato con acqua , e si beveva puro solo durante i rituali e le celebrazioni religiose.

Grazie alla civiltà greca, la coltivazione della vite si espanse nei paesi del Mediterraneo. Inoltre, dall’antica Grecia proviene anche la prima documentazione scritta sul vino. Infatti, con il titolo Le opere e i giorni, il poeta greco Esiodo (VIII secolo a.C.) descrive la raccolta e la spremitura delle uve, come veniva consumato il vino – con l’acqua – e la sua conservazione – nelle pelli di capra.

Il vino nell’Impero Romano

Verso il 200 a.C. il vino arrivò nella penisola italiana e i territori meridionali iniziarono a chiamarsi Oenotria (“terra d’uva”), data la facilità con cui veniva coltivata la vite., tanto che si piantarono viti a latitudini difficili come in Normandia, nelle Fiandre e nei paesi baltici. Fu, per così dire, un periodo di splendore del vino e dobbiamo sicuramente ringraziare la tecnica di innesto delle viti.

I Romani iniziarono anche a usare dei tini di legno per immagazzinare e trasportare il vino, un metodo che proveniva dal nord Europa per la conservazione di altre bevande.

Con la caduta dell’Impero Romano, continueranno questa tradizione i monasteri cristiani, che durante il Medioevo si impegnarono nella coltivazione della vite, ottenendo vini per la consacrazione della messa.

Il vino nel Nuovo Mondo

L’introduzione della vite e del vino, in quello che venne chiamato il Nuovo Mondo, era nelle mani dei Gesuiti e dei conquistadores. Era necessario garantire la fornitura di vino per le celebrazioni religiose, così poco a poco, iniziarono a importare e impiantare vitigni, un processo che si accelerò grazie ai portainnesti. In poco meno di 100 anni, nel corso del XVI secolo, il vino arrivò in Messico e in Baja California per raggiungere il Perù, il Cile e l’Argentina.

Più storia e curiosità sul vino

Nel Blog di Uvinum adoriamo scrivere, imparare e informare sul vino. Se vuoi continuare a leggere articoli sulla storia e le curiosità del vino, condividiamo alcuni link che sicuramente ti interesseranno. Salute!

I più interessanti musei enogastronomici del mondo

vino, museo, alimentazione, ricette, cucina, curiosità

Se state viaggiando o avete pensato di percorrere una fantastica strada del vino, non potete perdervi questi musei dove il vino e il cibo sono i veri protagonisti. Prendete nota sulla vostra agenda. E godetevi il ​​vino e le prelibatezze di questi musei!

Museo della cultura del vino Vivanco, Spagna

In Spagna, uno dei musei più interessanti sul mondo del vino e anche il più antico è il Museo della Cultura del Vino Vivanco. Catalogato dall’Organizzazione Mondiale del Turismo-ONU come il miglior museo del vino del mondo, vi permette di scoprire fino a 8000 anni di storia con 20.000 opere d’arte. Ci sono autentici reperti archeologici con centinaia di anni di storia e opere più moderne di artisti come Picasso, Sorolla, Juan Gris, Chillida, Barceló, Genovés o Warhol. Ma non è finita qui, infatti il museo vi permetterà di entrare nella cantina, partecipare a degustazioni, conferenze e workshop, e poter vedere 220 varietà di vino provenienti da tutto il mondo.

Museo del vino di Pleven, Bulgaria

Situato all’interno di una grotta, nel parco di Kaylaka, in Bulgaria, è ricco di oggetti legati alla tradizione vitivinicola della città. Essendo in un parco, potrete anche conoscere le piante e i fiori della zona. Nel museo, come in molti altri di questo tipo, è possibile degustare i loro vini.

Museo del Panpepato, Polonia

Non c’è molto vino, ma è un luogo interessante. In Polonia, il Museo del Panpepato (Muzeum Piernika) offre ai visitatori la possibilità di conoscere i rituali e le tradizioni della cottura del pan di zenzero. Non mancano diverse attività, mostre temporanee, esposizioni interattive e la possibilità di partecipare alla cottura del pan di zenzero.

Frietmuseum a Bruges, in Belgio

Forse non sapevate che l’origine delle patatine fritte è in Belgio. Ecco perché qui troviamo questo museo, diviso in tre parti. La storia delle patatine fritte è esposta attraverso l’esposizione di 400 oggetti antichi. C’è anche l’opzione di assaggiare le patate fritte alla fine della visita.

Currywurst Museum, Berlino

Non potrebbe trovarsi altrove, visto che il wurstel della città di Berlino è la currywurst. Fettine sottili di wurstel di Frankfurt con salsa di pomodoro al curry. Nel museo, grazie a supporti interattivi e molto altro, potrete vedere come questo piatto è diventato così popolare. Non dimenticate di provare queste delizie nelle varie bancarelle della città.

 

Il vino rosso, alleato contro il tumore alla prostata

Abbiamo già detto, in più di un occasione, quali sono i benefici del vino rosso. Oltre a possedere i polifenoli dell’uva, che sono antiossidanti, il vino rosso è utile per la memoria e ci offre una buona dose di benessere, anche come alleato contro il tumore alla prostata.

Ciò è confermato da uno studio di alcuni urologi che hanno dimostrato che il vino rosso può ridurre il rischio di cancro alla prostata, mentre, il vino bianco può aumentare il rischio di soffrirne.

Questa ricerca ha dimostrato, secondo i risultati ottenuti, che il consumo moderato di vino, da parte di uomini sottoposti allo studio, non ha aumentato il rischio di cancro alla prostata. Ma è importante sottolineare che i risultati variano significatamente in base al colore del vino.

I bevitori di vino bianco hanno riscontrato un leggero aumento del rischio di cancro alla prostata. Invece, gli uomini che hanno bevuto vino rosso, sempre in modo moderato, hanno avuto una significativa riduzione del 12% nel rischio di soffrire di questo tipo di cancro.

Non è la prima volta che il vino è correlato alla possibile prevenzione di vari tipi di tumori e questo è il motivo per cui vari medici hanno voluto approfondire questo argomento, dato che esistono molti studi contraddittori.

Differenziando tra tipi di bevande alcoliche e modalità di consumo, si evidenzia che il vino rosso, consumato moderatamente, può ridurre significativamente il rischio di soffrire di alcuni tumori.

Inoltre, un altro studio pubblicato sulla rivista Cancer Science ha dimostrato che il resveratrolo, una sostanza chimica presente nel vino rosso ma non nel bianco, può aumentare l’efficacia delle radiazioni per distruggere le cellule tumorali della prostata.

Senza dubbio, tra le principali conclusioni possiamo evidenziare che il livello di prevenzione e riduzione di questa malattia dipende dal tipo di bevanda che viene somministrata, poiché non tutte le bevande alcoliche producono lo stesso risultato, come hanno visto i ricercatori.

 

 

 TAGS:Cà Dei Frati Lugana I Frati 2017Cà Dei Frati Lugana I Frati 2017

Cà Dei Frati Lugana I Frati 2017

 

 

 TAGS:Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015

Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015

La donne degustano meglio degli uomini

Sembra che le donne possano capire di più sui vini ed essere migliori degustatrici. Questo è ciò che è emerso da uno studio realizzato dal Politecnico di Madrid e pubblicato dalla rivista Food Quality and Preference, grazie a un’indagine condotta con un totale di 208 volontari tra uomini e donne.

Per la ricerca, ogni persona ha dovuto assaggiare sei tipi di vini: due bianchi, un rosato e tre rossi e conferire un punteggio in base a criteri personali. La direttrice del progetto, la dott.ssa Caroline Chaya, ha spiegato analizzando i risultati che gli uomini hanno ottenuto punteggi più alti, basandosi sulle emozioni, e le donne, in questo caso, raggiungevano voti più bassi, ma dimostravano la capacità di indicare maggiori differenze tra i vini.

Questa è una caratteristica essenziale che fa sì che le donne abbiano una più attenta percezione quando si tratta di degustare vini e sono in grado di distinguerli meglio. Inoltre, si è dimostrato che le persone anziane raggiunsero punteggi significativamente più alti rispetto a quelli di mezza età e giovani adulti. Si è anche concluso che i più giovani hanno maggiori probabilità di apprezzare qualsiasi vino indipendentemente dalle sue caratteristiche.

Vennero anche analizzate le impressioni provocate dalle diverse note di gusto. E dallo studio è emerso che gli aromi e i sapori fruttati e floreali hanno suscitato emozioni più positive. E al contrario la percezione di liquirizia, chiodi di garofano e vaniglia hanno provocato un tasso di rifiuto più alto. Altri studi dovrebbero essere elaborati per capirne il motivo.

Quindi, a differenza di ciò che pensava fino ad ora, le donne tornano ad essere le protagoniste, in questo caso come migliori degustatrici di vino. A questo punto non esistono rivali uomini che ci battano.

Sebbene in questo settore non ci siano ancora molte donne sommelier, si riscontrerà un aumento nei prossimi anni. E sicuramente vedremo sempre più donne raggiungere successi importanti.

 TAGS:Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015

Il Palagio Sting Message In a Bottle 2015

 

 

 TAGS:Cà Dei Frati Chiaretto Rosa Dei Frati 2017Cà Dei Frati Chiaretto Rosa Dei Frati 2017

Cà Dei Frati Chiaretto Rosa Dei Frati 2017

2 Cocktail a base di vino spagnolo al Top nelle Vendite

Arriva Fresh di Ramón Bilbao, una gamma di cocktail a base di vino che stanno rivoluzionando il settore. Con la bella stagione, se non vogliamo rinunciare al vino, non c’è niente di meglio che provare questi cocktail. Vediamoli nel dettaglio.

Cocktail con bianco Ramón Bilbao Verdejo

Questa cocktail combina il vino bianco Verdejo dalla casa, con foglie di basilico e otto gocce di sciroppo di lime. Così otteniamo un cocktail freschissimo il cui protagonista è certamente il vino bianco.

Cocktail Rosé fresco, con Rioja DO rosé

Il rosé di Ramón Bilbao è l’ideale per l’estate, perchè attira sempre di più questo tipo di vino. E in questo caso, come cocktail, si unisce con ghiaccio, fette di pompelmo e otto gocce di sciroppo di fragole, che risaltano nel palato con un sapore dolce e floreale.

Per creare questi cocktail, il marchio pensa di avvicinarsi a un pubblico molto più giovane e, in questo modo, aprire il mercato. Ma la cantina non ha preparato solo queste due sorprese per noi.

Hanno ideato una gelatina che si serve insieme al cocktail, realizzata partendo dall’estratto degli aromi del Ramón Bilbao Rosé. In questo modo, cattura gli aromi che vengono rilasciati in forma gassosa durante la fermentazione, ovvero quando il vino viene elaborato. Poi vengono liquefatti e si ottiene un estratto con gli aromi del vino. Ha un sapore dolce con sfumature floreali.

Indubbiamente, sono regali eccellenti da fare ai nostri ospiti in estate, sorprendendoli con un cocktail a base di vino. Potranno anche assaggiare le speciali gelatine e gli spiegheremo come sono state elaborate.
Chiaramente, con l’arrivo della nuova stagione dei bar estivi si abre anche la stagione dei cocktail. E non c’è niente di meglio che provarli a base di vino, un’ingrediente così semplice che offre un ottimo risultato.

 TAGS:Ramon Bilbao Verdejo 2017Ramon Bilbao Verdejo 2017

Ramon Bilbao Verdejo 2017

 

 

 TAGS:Ramón Bilbao Rosado 2017Ramón Bilbao Rosado 2017

Ramón Bilbao Rosado 2017

Migliora le tue abilità con il vino

 TAGS:undefined

C’è sempre qualcosa di nuovo da leggere sull’alcol e sui possibili benefici che ha su di noi. La maggiorparte degli scritti tratta della necessità di bere con moderazione e di non bere mai quando si deve guidare. Naturalmente, Uvinum supporta pienamente i messaggi di prevenzione delle campagne sulla salute.

Ciò non toglie che studi recenti hanno confermato un approccio positivo al consumo moderato di alcol. La scienza ha già dimostrato i benefici della dieta mediterranea, quindi non ci soffermeremo su questo. Invece, abbiamo scoperto cinque interessanti studi che affermano che l’alcol può migliorare alcune tue capacità.

Abilità nella danza
Lo scorso dicembre il Times ha pubblicato i risultati di uno studio del professor David Nutt in cui si afferma che sei bicchieri migliorano significativamente il tuo punteggio in un gioco di ballo della Xbox. Questo corrisponde a circa una bottiglia di vino. Tuttavia, sembra che questa nuova capacità scompaia oltre i sei bicchieri.

Abilità con le lingue straniere
Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Psychopharmacology, condotto dal King’s College e dalle università di Liverpool e Maastricht, un bicchiere di alcol ha un impatto positivo sulle abilità linguistiche autovalutate e valutate dagli osservatori. Pertanto, la prossima volta che andrai in vacanza su una strada del vino francese o spagnola, non esitare a bere un po’ di vino per parlare con la gente del posto.

Abilità per risolvere i problemi
Un nuovo studio della professoressa Jennifer Wiley dell’Università dell’Illinois sembra dimostrare che due bicchieri di vino o di birra ti rendono più efficente e veloce nel risolvere enigmi. Tuttavia, è giusto notare che questo effetto è limitato al fatto che l’alcol migliora la creatività con cui un problema può essere affrontato, ma le abilità analitiche diminuiscono.

Senso dell’olfatto
L’Institute of Sciences of Israel ha dimostrato in uno studio che due bicchieri di alcol per le donne e tre per gli uomini possono migliorare le nostre capacità olfattive. In altre parole, quando beviamo un po’, possiamo identificare una gamma più ampia di profumi. Come per le altre abilità, anche questa capacità scompare se si supera un consumo moderato.

Abilità sociali
Secondo un articolo pubblicato sul Psychological Science, bere un drink può migliorare le tue abilità sociali. L’alcol sembra facilitare la partecipazione nelle discussioni e ti fa sorridere di più, il che facilita le relazioni sociali. Tuttavia, gli “shot” di vodka non sostituiscono le relazioni sane.

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut

 

 

 TAGS:Ca del Bosco Cuvee Rose' PrestigeCa del Bosco Cuvee Rose’ Prestige

Ca del Bosco Cuvee Rose’ Prestige

Abbasso i pregiudizi!

 TAGS:undefined

Basta con le storie. Il vino rosato è un vino a parte, anche se sembra che ci sia voluto molto tempo per capirlo. Forse sia perché siamo sempre stati più abituati ai vini rossi o per qualunque ragione sia, potremmo affermare che sminuire il vino rosé sia stato a lungo uno sport nazionale, tanto da far vergognare i nostri vicini francesi, grandi amanti e produttori di questo tipo di vino.

Ma, alla fine, ci siamo svegliati e dove vedevamo dubbi ora ci vediamo chiaro, quasi rosato. Analizziamo un po’ la questione.

Bleah! Un mix di bianco e rosso

Per cominciare, chi sostiene che il vino rosé sia una miscela di vino bianco e vino rosso, non merita di assaggiare un singolo bicchiere di questo succo degli dei convertito in vino. Il rosé può essere elaborato con due metodi: salasso e pressione diretta.

La tecnica del salasso conferisce al vino un rosa più intenso dato che prevede la macerazione con le bucce. Quali sono i diversi passaggi? Innanzitutto, le uve vengono diraspate e pigiate. Quindi, vengono depositate in una vasca dove gli acini libereranno il proprio mosto e macereranno con le bucce. Una parte di questo mosto verrà estratto e fermentato per mantenere aromi e sapori unici, mentre la parte “rimanente” seguirà il proprio processo per diventare rosso.

Con la pressione diretta il processo di elaborazione cambia. Questo metodo di origine francese prevede la macerazione dell’uva per un periodo molto breve, seguita dalla pressione diretta con più o meno intensità a seconda del colore desiderato. Poiché l’uva è rimasta poco a contatto con la buccia, che è dove risiedono le tinture naturali che danno colore al vino, il risultato è un rosato dai toni chiari, un rosa pallido o salmone.

Uva … di scarsa qualità?

Vediamo un po’ di chiarirci: come possiamo pensare che si utilizzi uva di peggiore qualità per il vino rosato? I vitigni più comuni sono gli stessi dei vini rossi come il Grenache, il Syrah, il Carignan, il Tempranillo, il Pinot Nero, il Cabernet Sauvignon, il Merlot, il Cinsault … La qualità dell’uva, come per tutti i vini dipenderà dal vigneto, dal terroir, dal clima e dall’esperienza del viticoltore, ma non dall’uva stessa.

E per di più, le aziende vitivinicole che elaborano vino rosato utilizzano uve che potrebbero essere usate per l’elaborazione di vini rossi, su cui non girano tanti pregiudizi e con cui potrebbero guadagnarci di più. Detto questo, produrre vini rosati è un vero lavoro di passione da parte delle aziende vitivinicole.

Un vino per profani o … per le donne

XXI secolo. Europa. Chi osa dire che il vino rosato è un vino per donne meriterebbe, ancora una volta, di essere privato di ogni possibilità, per il resto della sua vita, di bere un bicchiere di vino.

Il vino rosato non è un vino per donne o, tanto meno, per persone non esperte di vino. È, semplicemente e chiaramente, un vino da gustare, senza complessi né pregiudizi. E, se ci sono ancora dei dubbi, facciamo attenzione: critici di prestigio e influenti come Robert Parker o Peñín sempre più spesso includono vini rosati nelle loro guide; e sono sempre più i ristoranti famosi che li raccomandano nei loro attenti ed esclusivi menù.

Non si può abbinare

Il rosato non viene salvato nemmeno sull’argomento “abbinamenti”. Da dove è venuta fuori questa ridicola idea che non si può abbinare con nulla? Con la pasta, con la pizza, con i formaggi (in particolare di capra, mmm), con salumi, con sushi, con dolci, con carne e stufati … Se si vuole abbinare il rosato, ci sono mille possibilità. E se desideriamo servirlo come aperitivo, sarà un vero piacere degustarlo.

In estate e per turisti

Sull’affermazione “è un vino per turisti!” meglio non soffermarci, ma se volessimo rispondere qualcosa, potremmo affermare che in altri paesi hanno sviluppato prima di noi la passione e il (buon) gusto per questo tipo di vino.

E, per ultimo, il vino rosé è un vino estivo … Forse è semplicemente una questione di logica. Proprio come la cioccolata calda che la preferiamo in inverno. Ciò non significa che il vino rosato non possa essere degustato durante il resto dell’anno, specialmente se prestiamo attenzione agli abbinamenti. Perché non scegliere una bottiglia di rosé per una cena intima con un tagliere di salumi selezionati, vicino al camino in una notte d’inverno? O perché non un rosato per un freddo sabato sera sul divano , mangiando una pizza, davanti a un bel film? In realtà, siamo noi a porci dei limiti.

 TAGS:Schola Sarmenti Messerei RosatoSchola Sarmenti Messerei Rosato

Schola Sarmenti Messerei Rosato

 

 

 TAGS:Ca' Dei Frati Chiaretto Rosa Dei Frati 2016Ca’ Dei Frati Chiaretto Rosa Dei Frati 2016

Ca’ Dei Frati Chiaretto Rosa Dei Frati 2016

Qual è l’importanza del vino nella dieta mediterranea?

 TAGS:undefinedOrmai tutti sono consapevoli dei molteplici benefici che apporta la dieta mediterranea al nostro corpo. Infatti, previene le malattie cardiovascolari, elimina il colesterolo “cattivo” e offre i nutrienti necessari per sviluppare una mente sana e un organismo in forma.

Il vino è incluso in questa dieta, sia nei pranzi che nelle cene, essendo una bevanda salutare con molti vantaggi.

La stessa Fondazione Dieta Mediterranea riconosce che “il vino è una bevanda che è stata tradizionalmente associata sia ad effetti positivi che negativi per la salute. Ciò che determina se la bilancia si inclini più da un lato che dall’altro è il modello di alimentazione quotidiano che viene seguito “. E le parole di Ramon Estruch, uno dei leader del gruppo di ricerca Predimed del Centro di Ricerca Biomedica in Rete Fisiopatologia dell’obesità e nutrizione (CIBERobn), affermano che “I maggiori benefici si ottengono quando il consumo è moderato e si mantiene una condotta alimentare salutare, come la dieta mediterranea. “

Quindi, la presenza del vino in questa dieta è molto importante. E’ giusto sottolineare che quando si parla di consumo moderato di vino si intende nel caso degli uomini un massimo di tre bicchieri di vino al giorno, mentre per le donne un bicchiere e mezzo al giorno.

Il catalogo e la guida della Fondazione Dieta Mediterranea afferma che l’acqua è la bevanda per eccellenza nel Mediterraneo, per cui è di base, mentre il vino deve essere assunto con moderazione e durante i pasti. Spiegano che il vino è un alimento tradizionale nella dieta che può avere effetti positivi sulla salute consumandolo con moderazione e nel contesto di una dieta equilibrata.

Queste bevande, come il vino, dovrebbero essere combinate con i prodotti locali, di stagione, verdure, ortaggi, cereali, pesce, carne rossa (con moderazione), frutta fresca, prodotti lattiero caseari, frutta secca e olio di oliva.

Tutto ciò deve essere unito a una sessione di esercizio fisico quotidiano che rende la dieta veramente completa.

 TAGS:Memoro PicciniMemoro Piccini

Memoro Piccini

 

 

 TAGS:Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014

Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014

Come hanno influenzato i cambiamenti climatici la produzione di vino nel 2017?

 TAGS:undefinedL’International Wine Organization (OIV), ha riferito che la produzione di vino di quest’anno è stata la più bassa dagli anni ’60. Anche se si continua a bere sempre più vino e in tipi di popolazione diversa, la produzione diminuisce, tanto che quest’anno il volume ha registrato un calo dell’8%, arrivando fino a 246,7 milioni di ettolitri.

Secondo OIV, la principale tra le ragioni, per queste brutte cifre di produzione, è il cambiamento climatico, che provoca autunni caldi e gelate più tardive del solito. Cambiamenti che non fanno assolutamente bene alla terra e alla natura.

Ciò non causa un calo di consumo poiché lo stock è sufficiente (solo in Francia ci sono 154 milioni di ettolitri in stock) né un aumento dei prezzi, dato che le esportazioni stanno andando bene. Secondo gli esperti dell’OIV, alcuni vini meno costosi possono aumentare leggermente il loro prezzo, ma i vini di fascia alta manterranno la loro tariffa.

Il cambiamento climatico colpisce soprattutto paesi come l’Italia, la Francia e in parte la Spagna. L’abbiamo visto nella vendemmia di quest’anno, che è stata anticipata e ha causato una produzione inferiore: 35,7 milioni di ettolitri di vino e mosto in Spagna.

Tuttavia, il mondo del vino in generale si muove, con diversi tipi di eventi, l’aumento del turismo enogastronomico e delle esportazioni che, come abbiamo precisato, sono superiori.

Vi sono altri dati su questa bassa produzione, infatti dalla Direzione Generale dell’Agricoltura (DG Agri) della Commissione Europea hanno previsto che la produzione di vino per la campagna 2017/18 avrebbe una stima di soli 145,1 milioni di ettolitri, che è un 14,4% e oltre 24 milioni in meno rispetto alla scorsa stagione.

 

 TAGS:Memoro PicciniMemoro Piccini

Memoro Piccini

 

 

 TAGS:Il Palagio Sting Message In a Bottle SpumanteIl Palagio Sting Message In a Bottle Spumante

Il Palagio Sting Message In a Bottle Spumante

Perchè i faraoni non volevano bere vino?

 TAGS:undefinedE’ noto che l’elaborazione del vino ha una storia millenaria, che risale alle più antiche civiltà conosciute nella zona del Mediterraneo. Tuttavia ci sono anche dei fatti curiosi su questa bevanda che possono sorprenderci, come il fatto che i re egizi erano restii a consumarlo. 

Nell’ Antico Egitto, il vino aveva un ruolo importante nella vita cerimoniale, e si stima che la coltivazione di vigneti fu introdotta intorno all’anno 3000 a.C., creando una fiorente industria vinicola nell’area del delta del Nilo ed un prosperoso scambio commerciale con la regione di Canaan. Infatti, sono state scoperte delle pitture murali con innumerevoli rappresentazioni del processo di elaborazione del vino, ed esso era una delle provviste che erano solite accompagnare i defunti nel loro viaggio verso l’ “al di là”.

Apparentemente, il vino che si produceva era per lo più il rosso, di un colore che sollevò varie superstizioni nella cultura egizia, come ad esempio il fatto che i faraoni si rifiutassero di berlo o offrirlo agli dei, dal momento che lo consideravano “il sangue di coloro che in passato avevano combattuto contro gli dei”. Per lo stesso motivo, si credeva che l’ubriachezza “fa impazzire gli uomini” poichè il vino proveniva dal sangue dei loro antenati.

Tutte queste credenze, tuttavia, non sembrano aver impedito al vino di avere un grande successo tra la popolazione egiziana in generale, tanto nella sua versione più convenzionale, ossia a base di uva, come nella sua variante prodotta con melograni, nominato “shedeh”, del quale sono state anche trovate prove in numerosi depositi archeologici. Anche questa bevanda si usava come offerta religiosa ed aveva un ruolo importante nei riti di imbalsamazione.

 

 TAGS:Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014

Feudi di San Marzano Negroamaro F 2014

 

 

 TAGS:Le Volte 2014Le Volte 2014

Le Volte 2014