Tag: cuore

Una birra al giorno può aiutare a prevenire un attacco al cuore

 TAGS:undefinedIl titolo dice tutto: una birra al giorno può aiutare a ridurre il rischio di infarto e altri problemi cardiovascolari. Questa è la conclusione dello studio presentato dalla Pennsylvania State University in occasione dell’ultima riunione della American Heart Association, la più grande associazione di cardiologia al mondo.

Lo studio in questione si è basato sull’analisi di campioni di sangue di 80.000 adulti in contrasto con il loro consumo di alcol durante ciascun trimestre degli ultimi 6 anni. Questi campioni di sangue hanno permesso ai ricercatori di misurare – tra gli altri fattori – i livelli di lipoproteine ad alta densità, dato che mantenere le lipoproteine nel livello medio (meglio conosciuto come “colesterolo buono”) aiuta ad evitare che le arterie si intasino, una delle principali cause di problemi cerebrovascolari e malattie cardiovascolari.

I risultati mostrano che le persone con un consumo moderato di alcol, pari a una o due pinte al giorno, mantengono un sano livello di “colesterolo buono”. Questo effetto positivo è stato più evidente nei campioni di sangue di consumatori abituali di birra in quelli con un debole per le altre bevande alcoliche.

Questo diventa quindi un argomento che supporta la conclusione dei benefici del consumo di una birra quotidiana. “Uno dei motivi per alzare il gomito, anche se probabilmente è meglio farlo una volta sola”, dice Shue Huang, autore principale dello studio.

Nonostante questo sia uno dei più grandi studi in questo settore, non è l’unico. In effetti, su Uvinum abbiamo già mostrato gli effetti positivi di un consumo moderato di birra indicando le sue qualità stimolanti per l’attività del cervello e la memoria, oltre alle capacità di ridurre i problemi di salute come le malattie cardiovascolari, l’artrite o l’ invecchiamento della pelle.

Non c’è dubbio che questa notizia farà piacere a tutti coloro che amano bere una birra fredda con gli amici dopo il lavoro. Salute a tutti loro!

 TAGS:Damm Inedit 75clDamm Inedit 75cl

Damm Inedit 75cl

 

 

 TAGS:Leffe BruneLeffe Brune

Leffe Brune

Il vino di notte aiuta il cuore

 TAGS:undefinedI benefici del vino sono in costante aumento. E ci sono nuovi studi che lo ratificano, e ora, in particolare uno fatto in Israele, in cui si afferma che un bicchiere di vino rosso la sera aiuta a prendersi cura del proprio cuore.

Questa ricerca, chiamata ‘Effetti del consumo moderato dell’ alcol sul rischio cardiometabolico in adulti con diabete di tipo 2 “, è stato portato avanti in collaborazione con la School of Public Health di Harvard, Stati Uniti  e l’Università di Lipsia, in Germania Questo studio ha fornito alcune conclusioni che affermano che bere vino di notte può proteggere il cuore.

Inoltre sono arrivate altre scoperte nel campo del diabete, dato che lo studio è stato condotto con gli adulti con diabete di tipo 2, così come le persone senza alcuna malattia. Tutte queste persone hanno dovuto bere 150 ml di acqua minerale, vino bianco o vino rosso.

Le maggior parte manteneva una dieta sana, soprattutto di tipo mediterraneo, con vino o acqua ad alternarsi tra le bevande. Dopo le analisi delle diete, la conclusione è stata che i livelli di colesterolo più bassi sono stati registrati da coloro che hanno bevuto un bicchiere di vino la notte.  

Lo studio ha scoperto che le persone che hanno assunto vino bianco e vino rosso hanno avuto una migliore qualità del sonno rispetto a quelli che hanno bevuto solo acqua. I ricercatori affermano quindi che il vino rosso ha molte altre proprietà in generale e non solo per evitare problemi cardiaci. 

Sempre attraverso un consumo moderano di vino rosso, i diabetici migliorano le loro condizioni fisiche e riducono il rischio di malattie cardiovascolari. Chiaramente tutto ciò va sempre combinato con una dieta sana e molto esercizio. I ricercatori ritengono che ciò che è stato scoperto può aiutare a identificare i pazienti che consumano vino rosso con miglioramenti di condizioni fisiche notevoli.

Come è accaduto prima, gli antiossidanti provenienti dalle uve rosse sono la chiave per ottenere questi vantaggi generali.

 TAGS:Cantina Di Montalcino Merlot Poggio del Sasso 2012Cantina Di Montalcino Merlot Poggio del Sasso 2012

Cantina Di Montalcino Merlot Poggio del Sasso 2012: un vino rosso de DO Toscana realizzato con merlot dell’annata 2012 e 14º di alcol in volume.

 

 

 TAGS:Basilisco Aglianico del Vulture Teodosio 2011Basilisco Aglianico del Vulture Teodosio 2011

Basilisco Aglianico del Vulture Teodosio 2011: un vino rosso con DO Aglianico del Vulture a base delle caste aglianico dell’annata 2011 e con un grado alcolico di 14º.

 

 

10 effetti benefici della birra

 TAGS:undefinedE’ ormai risaputo che, tra le bevande alcoliche, il vino fornisce molte sostanze nutrienti e benefiche per la nostra salute. Ma non è il solo. Oggigiorno infatti si ritrova ad avere un nuovo agguerrito concorrente: la birra, di cui si riconoscono diversi effetti benefici per il nostro organismo. Oggi ve ne elenchiamo ben 10!

  1. Fa bene al cuore. Una serie di studi hanno stabilito che il consumo, purché moderato, di birra riduce le malattie cardiovascolari del 30%.
  2. Contro l’artrite. Gli studi che sono stati testati con la birra suggeriscono che le donne che bevono livelli moderati di birra hanno il 22% di probabilità in meno di sviluppare l’artrite reumatoide.
  3. Stimola il cervello. A quanto pare una birra al giorno aiuta a ridurre la comparsa di alcune malattie legate al cervello e alla memoria.
  4. Ricca di potassio. La birra è ricca di potassio, per cui ha ottime proprietà diuretiche.
  5. Diminuisce la pressione. Se si beve moderatamente un po’ di birra, a lungo andare c’è meno probabilità di avere la pressione alta.
  6. Vitamina B. Nella birra sono presenti grandi quantità di vitamine B, che aiutano il nostro organismo nei modi più svariati; uno tra tutti: la rigenerazione delle cellule.
  7. Ottima per le ossa. I minerali presenti nella birra, come il magnesio e il fosforo, aiutano a prevenire le malattie ossee.
  8. Antiossidante. Fornendo antiossidanti naturali, la birra risulta essere un ottimo alleato contro l’invecchiamento della pelle.
  9. Non fa ingrassare. Contrariamente a quanto si possa pensare, la birra (sempre se bevuta con moderazione) non è correlata all’aumento del peso corporeo, come dimostrato da uno studio dell’Università di Londra, su un campione di quasi 2.000 bevitori di birra.
  10. E’ molto idratante. Apporta molta più idratazione rispetto ad altri tipi di bevande; e per di più, contiene molto meno zucchero.

Detto ciò, beviamoci una bella birra! Ma sempre con moderazione. Oggi vi consigliamo:

 TAGS:Delirium TremensDelirium Tremens

Delirium Tremens, cremosa, dal corpo e dal sapore leggeri.

 

 

 TAGS:Innis & Gunn OriginalInnis & Gunn Original

Innis & Gunn Original, la birra scozzese più venduta.

 

Il vino rosso contro l’infarto e il cancro

Vino tintoStudi recenti confermano l?effetto protettivo dell?uva e del vino rosso sui disturbi del cuore ma gli attribuiscono anche un ulteriore merito: la prevenzione dei tumori. Il segreto? Sta nei flavonoidi, delle sostanze presenti anche nel tè e in alcune verdure. 

Il dio Bacco, o Dionisio per i greci, farebbe i salti di gioia se sapesse che, finalmente, la scienza ha scoperto il potere che l?uva rossa ed il suo vino hanno nella prevenzione all?infarto, alle ischemie cerebrali e ad alcuni tipi di tumori. Sono state infatti scoperte delle proprietà antiossidanti da parte dei semi delle uve utilizzate nella fabbricazione del vino rosso. Detti semi, contengono di fatto i flavonoidi, presenti anche in alcune verdure (specialmente nei broccoli, nei cavoli e nei cavolfiori), nella maggior parte della frutta en el tè.

I flavonoidi spiegano la ragione per la quale il vino rosso è stato indicato come protettore del cuore, del cervello e delle arterie, sempre che se ne faccia un uso moderato per un massmo di 2 bicchieri al giorno. Questi composti possono aiutare i pazienti con diabete e aterosclerosi o che hanno subito interventi di by pass e trapianti di fegato, grazie alla loro azione antiossidante e antitossica.

Sia i flavonidi che gli altri antiossidanti come il selenio, lo zinco, il beta-carotene, la vitamina C ed E, vengono attualmente prescritti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e per ritardare la comparsa dei tumori e delle cataratte. Vengono inoltre impiegati contro forme di stress sia acuto che cronico, contro l?esposizione eccessiva ai raggi solari nonchè nei casi in cui il fegato sia stato un pò troppo strapazzato dai farmaci.

Riguardo agli antiossidanti del vino, una delle ultime ricerche ha dimostrato che bere due bicchieri di vino al giorno riduce il rischio di mortalità di un 35% per i malati cardiovascolari e di un 20% per i malati di cancro. L?aria che respiriamo è composta per il 20% da ossigeno e l?1% del gas assorbito dall?organismo si trasforma in radicali liberi, dei composti che bombardano le cellule e causano diversi cambiamenti negativi come la trasformazione del colesterolo nella sostanza base delle placche che ostruiscono le arterie.

Per questo motivo, i medici prescrivono solitamente gli antiossidanti a partire dai 35/40 anni, specialmente alle persone affette da diabete, tabagismo, obesità, vita sedentaria, con precedenti di malattie ereditarie legate a disturbi cardiovascolari e colesterolo alto. Si somministrano inoltre a pazienti con angina pectoris, insufficienza cerebro-vascolare e infarto.

Sembra quindi che, a causa della mancanza di tempo necesario per un?alimentazione equilibrata, i supplementi antiossidanti cominceranno ad imporsi allo scopo di aumentare l?aspettativa di vita. Allora comprate vino e godetevi un bel bicchiere di vino rosso. Alla salute!