Tag: consigli

La vodka, una bevanda ‘multicolore’

 TAGS:undefinedSeppur trasparente e senza alcuna sfumatura, la vodka non è assolutamente una bevanda incolore, anzi. Possiamo dire che paradossalmente, nonostante la sua tonalità cromatica, la bevanda russa sia una delle più ‘multicolori’, vuoi per la sua possibilità di abbinarsi ad altri liquidi vuoi per le varie versioni distillate di essa. Infatti, ecco una serie di articoli  che ne dimostrano la polivalenza.

6 cocktail con vodka

Se sei amante della vodka, sicuramente vorrai gioire della sua versatilità con una serie di svariate ricette di cocktail di vodka, adatte ad ogni occasione. Sia d’inverno sia d’estate, queste ricette non falliscono.

6 benefici della vodka che non conoscevi

Questa deliziosa bevanda, famosa per il suo sapore forte e la popolarità durante la preparazione dei cocktail, è anche la soluzione a molti problemi che non si conoscono e sarebbe bene sapeere.

Le 10 migliori marche di vodka

La vodka è una delle bevande preferite dai consumatori di tutto il mondo e sono davvero numerose le marche presenti sul mercato. Ma quali sono le migliori marche di vodka del mondo? Sicuramente ognuno di noi ha la sua preferita, tuttavia oggi vi presentiamo le 10 marche di vodka più importanti a livello mondiale.

La vodka non “parla” solo russo

Quando parliamo della vodka forse tra le prime cose che ci vengono in mente ci sono la Russia e le sue gelide città tuttavia, essendo la bevanda distillata più bevuta al mondo, viene prodotta praticamente ovunque vi sia una distilleria . Cerchiamo quindi di saperne di più sulla vodka, e non solo di quella della Russia.

Vodka. Dall’est Europa al mondo

Letteralmente “piccola acqua” nella lingua russa, è una bevanda fredda il cui consumo si è ormai diffuso in tutto il mondo. Anche se la paternità del prodotto è probabilmente polacca, le prime distillerie di vodka sono state costruite in Russia, durante il regno dello Zar Ivan il Terribile. Fu poi Napoleone colui che inizió ad esportarla in Europa Occidentale dopo la campagna di Russia del 1812.

Vodka alla frutta

La vodka è la bevanda alcolica più bevuta al mondo, e ciò fa pensare che la varietà è così grande proprio come la bevanda stessa. Praticamente in ogni parte del mondo esistono distillerie che producono vodka; infatti il suo processo di elaborazione relativamente semplice ed il successo riscontrato sul pubblico sono due garanzie decisamente sufficienti per investire in questa bevanda cristallina.

 

 TAGS:Absolut SequinAbsolut Sequin

Absolut Sequin

 

 

 TAGS:Absolut Mix Limited EditionAbsolut Mix Limited Edition

Absolut Mix Limited Edition

Per quanti giorni posso tenere aperto il vino?

 TAGS:Sebbene sia stato ormai accertato che il vino apporti determinati benefici al nostro organismo, sia per quanto riguarda la salute cardiovascolare, sia nel prevenire l’invecchiamento in generale, è pur vero che il troppo storpia per cui non si deve assolutamente abusare di questa bevanda alcolica. Può succedere quindi di aprire una bottiglia di vino e, pur condividendola con il nostro partner, con amici o familiari, magari non riuscire a finirla tutta.

Di solito la si conserva in frigo e la si può continuare a bere per diversi giorni, sempre tenendo presente però che con il corso del tempo il gusto del vino cambierà ed andrà man mano degradandosi fino a diventare imbevibile. Le domande che quindi sorgono spontanee sono le seguenti: bere questo vino potrebbe essere dannoso per la nostra salute? E come fare a capire quando è arrivato il momento di buttarlo via?

Per quanto riguarda la prima domanda, sembra chiaro che la risposta è no. La causa della degradazione nel gusto del vino una volta aperto è l’ossidazione. Quando si apre una bottiglia, il suo contenuto, che fino ad allora era stato isolato dall’ambiente esterno attraverso la bottiglia stessa e grazie al tappo di sughero (o di qualsiasi altro materiale), entra in contatto con l’ossigeno presente nell’aria e inizia immediatamente a cambiare. Questo è il motivo per cui proviamo il vino quando lo apriamo: perché può capitare che una cattiva chiusura accidentale della bottiglia possa aver compromesso il prodotto stesso.

La seconda risposta è relativa: dipende più che altro dal nostro gusto personale. Sicuramente, se non sono passati più di due o tre giorni, il vino sarà ancora di nostro gradimento. Più i giorni passano e più il cambiamento del suo sapore sarà evidente (in negativo, naturalmente). La presenza dei tannini nel vino evita in qualche modo l’ossidazione naturale, per cui più tannini ci sono, più a lungo si potrà conservare. E’ per questa ragione che il vino rosso, che presenta molti tannini, riesce a durare di più rispetto a un vino bianco, più incline a una rapida ossidazione e, di conseguenza, a diventare più sgradevole in poco tempo.

Che vino preferite? Oggi ve ne consigliamo due che sicuramente non dureranno molto sulle vostre tavole:

 TAGS:Tenuta Sant'Antonio Scaia Bianca 2012Tenuta Sant’Antonio Scaia Bianca 2012

Tenuta Sant’Antonio Scaia Bianca 2012

 

 

 TAGS:Guicciardini Strozzi Chianti Titolato Colli Senesi 2011Guicciardini Strozzi Chianti Titolato Colli Senesi 2011

Guicciardini Strozzi Chianti Titolato Colli Senesi 2011