Tag: conservare vino

Linee guida per scegliere una cantinetta

 TAGS:undefined

Prima di scegliere e installare una cantinetta a casa o nella cantina, dobbiamo chiarire alcuni parametri, molti dei quali sono legati alla temperatura, ma anche altri aspetti devono essere presi in considerazione.

Tipo di sistema

Alcune cantinette più sofisticate prendono in considerazione il tipo di sistema, essendo il termoelettrico quello che ha più vantaggi per la conservazione del vino. Ad esempio, non producono vibrazioni né rumore, che possono danneggiare il vino, e inoltre sono ecologiche. Si raccomanda il loro uso a casa, ma no in un locale professionale.

Dimensione

Questa caratteristica è essenziale al momento della scelta di una cantinetta, visto che dobbiamo pensare allo spazio a disposizione e a quanti vini vogliamo custodire, affinché non sia troppo piccola o troppo grande, per non perdere spazio e soldi.

Dove metterla

La cantinetta non può stare in qualunque luogo. E’ meglio collocarla nel luogo più freddo della casa, non deve ricevere la luce diretta del sole. Altrettanto importante è la temperatura del luogo dove andrà sistemata, si raccomanda di non metterla vicino agli altri elettrodomestici della casa.

Consumo

Un altro fattore da considerare quando dobbiamo comprare una cantinetta è il suo consumo. Anche se di solito non hanno un consumo elevato, per spendere di meno è meglio che sia di classe A.

Temperatura

La temperatura è essenziale, ma è anche vero che le cantinette sono costruite in modo da conservare e mantenere il vino alla temperatura giusta, con sistemi moderni e automatici che ci facilitano la vita e che permettono che il vino faccia il proprio percorso e possa essere gustato sul momento, dalla cantinetta alla bocca.

 TAGS:Antinori Guado al Tasso Bolgheri Il Bruciato 2014Antinori Guado al Tasso Bolgheri Il Bruciato 2014

Antinori Guado al Tasso Bolgheri Il Bruciato 2014: un vino rosso de DO Bolgheri di cantine Antinori a base di syrah e merlot de 2014 e con 14º di gradazione alcolica.

 

 

 TAGS:Poggio Ai GinepriPoggio Ai Ginepri

Poggio Ai Ginepri: un vino rosso con DO Bolgheri. 3,8 punti su 5 è la valutazione media di Poggio Ai Ginepri su Uvinum.

 

 

Quanto tempo può durare una bottiglia di vino aperta?

 TAGS:undefined

Sicuramente il seguente scenario suona familiare. Hai appena acquistato una bottiglia di vino o spumante eccellente per una festa. La apri con molto entusiasmo ma alla fine della serata resta dello vino o spumante dentro e pensi sia un peccato lasciarla aperta perché vi è il rischio che si sciupi.

Per fortuna, ci sono alcuni trucchi e suggerimenti per conservare bottiglie di vini aperte ed evitare che lo spumante o il vino che ti è tanto piaciuto diventi aceto, come ad esempio rispettare i tempi ottimali a seconda del tipo di vino e le condizioni ambientali adeguate. Quindi, se si vuole dimenticare l’aceto, basta vedere la nostra infografica sulla conservazione del vino e vedere cosa si può fare per mantenere in buone condizioni un vino aperto.

Scopri la nostra nuova infografica sulla conservazione del vino!

Dove conservare le bottiglie?

 TAGS:Se ti piace il vino di sicuro la tua collezione di bottiglie subirà “l’effetto fisarmonica”: momenti in cui rimani senza alternati a momenti in cui non sai dove metterle. Per questa ragione, c’è bisogno di un portabottiglie (anche detto “rack”) in casa.

Abbiamo colto nel segno? Perché noi di Uvinum abbiamo navigato in rete e abbiamo trovato alcuni dei portabottiglie più curiosi, nel caso stiate pensando di acquistarne uno, o semplicemente per prendere spunto nel caso vogliate costruirvene uno da soli.

 TAGS:Tutti questi rack sono presumibilmente in vendita, anche se non abbiamo trovato nessuna informazione sui fornitori…

Il nostro primo portabottiglie è proprio questo, a forma di bersaglio dei dardi, che consente di conservare le tue bottiglie in posizione orizzontale e ad un’altezza ideale, in modo da poter prendere le bottiglie senza doversi chinare, in quanto il bersaglio può essere messo a qualsiasi altezza.

Le case oramai non hanno più la dispensa e, se ci si vuole dare delle arie mostrando le proprie bottiglie, perché essere costretti a riporle su uno scaffale nascosto?

 TAGS:Il seguente portabottiglie da pienamente l’idea del portabottiglie visto come elemento che è parte integrante della casa. Si tratta infatti di un portabottiglie-acquario che utilizza lo spazio intorno al serbatoio in modo che sia anche possibile posizionare le bottiglie migliori . Beh, alla fine, l’acqua e il vino insieme non se la passano poi così male come sembra

A proposito, il corpo umano è costituito per più di 3/4 da acqua. Sempre? No, il nostro amico portabottiglie francese ci insegna che alcuni contengono più vino di qualsiasi altra cosa

Questo rack, oltre ad essere un elemento decorativo, è anche un elegante “cameriere” o poggia bicchieri utile per le vostre feste in casa.

 TAGS:In questo modo si può tenere sotto controllo il livello delle bottiglie: dalle ginocchia, dalle caviglie o dai polpacci…

Questo portabottiglie è realizzato in alluminio ed è davvero un grande elemento decorativo.

Infine vi consigliamo un ultimo rack, ideale per le vostre bottiglie più preziose. È  il portabottiglie Fort Knox , un rack modulare il cui supporto per ogni bottiglia si aggiunge separatamente. Non è fatto d’oro ma, per come ci hanno informato, si tratta di un’edizione limitata e il prezzo non è disponibile online.

Quali bottiglie conservereste in uno di questi moduli? Noi vi suggeriamo due vini di alta qualità ad un prezzo ancora fattibile (almeno per una volta):

Krug Rosse Brut: lo Champagne più esclusivo del mondo. Pochissime bottiglie e soprattutto difficili da trovare, perché si esauriscono molto rapidamente.

Château Angélus 2005: uno dei Grand Cru di Saint-Émilion più famosi ed eccezionali. Acquistando un’annata più recente, poiché non ha raggiunto ancora la sua pienezza, è possibile trovarlo ad un prezzo più vantaggioso. E a questo punto, potrete aspettare che la bottiglia invecchi proprio in questo magnifico rack, no?