Tag: cocktail

Il cocktail Old Fashioned

 TAGS:undefinedE’ un cocktail famoso in tutto mondo che porta il nome del bicchiere in cui viene servito il whisky. Stiamo parlando dell’Old Fashioned che, elaborato nei modi più disparati, risulta la combinazione perfetta di diversi ingredienti.

Origine

Diversi sono i pareri riguardo la nascita di questo cocktail. Da un lato, alcune fonti suggeriscono che sia stato creato nel 1880 al Pendennis Club, un club per gentiluomini situato a Louisville, nel Kentucky (Stati Uniti). Altre fonti lo riallacciano invece al colonnello James Pepper, proprietario della “old 1776 whisky”, una famosa distilleria di bourbon dell’epoca. Sembra infatti che sia stato proprio Pepper a portarlo all’hotel Waldorf-Astoria di New York, dove poco a poco acquistò un’incredibile popolarità. Si narra inoltre che l’Old Fashioned divenne il cocktail preferito di ben due presidenti degli Stati Uniti: Roosevelt e Truman.

Preparazione

In ogni caso, il suo sapore risulta potente al palato, sia nella versione tradizionale a base di bourbon sia nella variante con il whiskey. Noi vi consigliamo di rimanere fedeli alla tradizione.

Ingredienti:

  • Bourbon o, in sua mancanza, whiskey
  • Angostura
  • 2 cucchiai di zucchero
  • Fette d’arancia
  • Qualche ciliegia
  • Un po’ d’acqua.

In linea di massima vengono usati diversi tipi di frutta per contrastare il forte sapore del bourbon; ciò nonostante rimane comunque un cocktail audace adatto a chi vuole osare, magari dopo una bella cena con gli amici.

In un bicchiere da whisky, l’Old Fashioned appunto (da cui, come abbiamo già detto, prende nome il cocktail), mescoliamo zucchero, fette di arancia, ciliegie, angostura e acqua. E’ anche possibile pestare tali ingredienti con l’aiuto di un pestello o di un cucchiaio grande, in modo che lo zucchero si sciolga completamente. Molti sostengono infatti che quando gli ingredienti vengono pestati, il cocktail sia molto più buono. Ma l’ultima parola sta sempre a voi e al vostro gusto personale. A questo punto rimuoviamo la frutta e vi aggiungiamo il bourbon (o il whisky) ed il ghiaccio. Decoriamo il tutto con una ciliegina e una fettina d’arancia.

Riguardo lo zucchero, alcuni preferiscono utilizzare lo zucchero normale, altri preferiscono mescolarlo con l’acqua, altri ancora preferiscono sostituire lo zucchero con lo sciroppo semplice.

 TAGS:Jack Daniel's Gentleman JackJack Daniel’s Gentleman Jack

Jack Daniel’s Gentleman Jack

 

 

 TAGS:Four Roses Small BatchFour Roses Small Batch

Four Roses Small Batch

L’Agua de Valencia

 TAGS:Questo cocktail a base di spumante di color arancione fu creato in Spagna nel 1959 da Constante Gil., quando i turisti baschi chiedevano spesso il miglior spumante disponibile chiamandolo Agua di Bilbao e quindi il signor Gil decise di servire il suo proprio cocktail chiamandolo Agua di Valencia

Si tratta di una bevanda da prendere in casa con amici oppure in bar e viene servito in una caraffa ideale da condividere. 

Ingredienti:

  • ½ litro di succo d’arancia
  • ½ litro di spumante
  • 60ml di Gin
  • 60ml di Vodka
  • Zucchero QB
  • Arance

Preparazione:

  1. Passo 1: In una caraffa con capacità di un litro versare il mezzo litro di succo d’arancia e la spremuta d’arance.
  2. Passo 2: In seguito aggiungere i 60 ml di gin e gli altri 60 ml di vodka
  3. Passo 3: Aggiungere tre cucchiaini di zucchero e mescolare il tutto con un cucchiaio lungo affinché si dissolva tutto. 
  4. Passo 4: In ultima fase aggiungere il mezzo litro di spumante e mischiare il tutto leggermente per evitare che perda le sue bollicine. 

Pui aggiungere alcuni cubetti di ghiaccio per conservare la freschezza del cocktail e decorarla con alcune fette d’arancia. 

Come in tutti i cocktail le quantità possono essere a discrezione. Una volta presa la mano sarà importante cercare di trovare il punto esatto del gusto che preferisci. Alcuni aggiungono anche del Cointreau a questo cocktail, ma è come sempre questione di gusti. 

Ecco due spumanti perfetti per questo cocktail:

 TAGS:Foss Marai Prosecco Cru Di Valdobbiadene Dry NadinFoss Marai Prosecco Cru Di Valdobbiadene Dry Nadin

Foss Marai Prosecco Cru Di Valdobbiadene Dry Nadin

 

 

 TAGS:Foss Marai Prosecco Cru Di Valdobbiadene Brut GuiaFoss Marai Prosecco Cru Di Valdobbiadene Brut Guia

Foss Marai Prosecco Cru Di Valdobbiadene Brut Guia

L’Irish coffee

 TAGS:L’Irish coffee è un cocktail creato durante gli anno ’40 grazie al genio di Joe Sheridan il quale, dopo il ritardo di un volo della Pan American, decise di aggiungere del whisky irlandese al caffè che aveva preparato per alleviare il freddo degli sfortunati passeggeri, presentandolo appunto come “Irish coffee”, ossia caffè irlandese.

Ingredienti

  • 30 ml di Irish whiskey, come Jameson o Bushmills Original.
  • 1 tazza di caffè
  • Panna
  • Zucchero di canna
  • Cannella in polvere
  • Caffè macinato per guarnire

Preparazione 

  1. Passo 1: Se avete una macchina da caffè potete riscaldare la tazza con il vaporizzatore, altrimenti è possibile utilizzare l’acqua calda, nella quale potete immergerci la tazza fino a quando non raggiunga la giusta temperatura.
  2. Passo 2: A questo punto, versare il whisky e lo zucchero di canna in un recipiente e far cuocere per qualche minuto, facendo attenzione che non si bruci. Una volta che lo zucchero si è sciolto nel whisky, si può procedere a versare la miscela risultante nella tazza riscaldata precedentemente.
  3. Passo 3: Quindi, versare delicatamente il caffè sul whisky con lo zucchero. Vi consigliamo di versarlo lentamente sul dorso di un cucchiaio o sulle pareti della tazza.
  4. Passo 4La panna può essere montata anche poco prima di metterla nella tazza, in modo che risulti più densa. Bisogna inoltre fare attenzione a non farla mescolare con il resto degli ingredienti: se non è montata, ci aiuteremo sempre con il dorso di un cucchiaio; se è montata, la verseremo più delicatamente.

Per decorare l’Irish coffee, possiamo cospargere un po’ di cannella in polvere sul bordo della tazza, così come del caffè macinato, a seconda dei propri gusti.

 TAGS:Paddy Old Irish WhiskeyPaddy Old Irish Whiskey

Paddy Old Irish Whiskey

 

 

 TAGS:Black Bush 1LBlack Bush 1L

Black Bush 1L

Il Black Russian

 TAGS:Il Black Russian è un cocktail inventato a Bruxelles, in Belgio, e viene così chiamato per il suo colore scuro e perché il suo ingrediente principale è la vodka russa, anche se alcuni sostengono che la parola “black” sia stata aggiunta per richiamare un periodo particolarmente “scuro” della storia, quello della guerra fredda.

Questo cocktail è stato creato nel 1948 da Gustave Tops, responsabile bar del Metropole Hotel di Bruxelles. Tops ha infatti inventato il primo Black Russian per omaggiare l’ambasciatore americano del Lussemburgo Perle Mestre; da questo momento in poi, questo cocktail ha continuato ad avere sempre più successo ed è ormai considerato uno dei cocktail a base di vodka più bevuti, sia per gli uomini che per le donne, forse per l’assenza di frutta o forse per la forza ed il carattere datogli dalla presenza del liquore al caffè.

Esistono molte varianti del Black Russian, tuttavia la maniera più tradizionale per prepararlo vede come protagonisti il liquore al caffè e la vodka. Anche se le proporzioni variano a seconda dei gusti di ogni persona, vi consigliamo di utilizzare 4cl di vodka ogni 2cl di liquore al caffè.

Preparazione:

Per preparare questo cocktail basta semplicemente versare gli ingredienti in un bicchiere con ghiaccio, preferibilmente un tumbler piccolo, mescolare leggermente e, se lo si desidera, guarnire con della scorza di limone.

Sebbene questo cocktail venga servito in un bicchiere basso, vi sono sempre più persone che hanno cominciato a berlo come digestivo, per cui preferiscono degustarlo in un bicchiere più alto.

Oggi vi consigliamo due ottimi tipi di vodka che renderanno il vostro Black Russian ancora più gustoso:

 TAGS:Vodka Beluga Noble Russian 1LVodka Beluga Noble Russian 1L

Vodka Beluga Noble Russian 1L

 

 

 TAGS:Stolichnaya ElitStolichnaya Elit

Stolichnaya Elit

La Piña Colada

 TAGS:La piña colada è un cocktail dolce ed ha come ingrediente principale un frutto e si può elaborare con o senza alcol, a seconda dei gusti. La sua creazione risale al 1954 in quel di Portorico.

Molti relazionano la Piña Colada con le spiagge dei Caraibi e l’estate, ma si tratta di un cocktail delizioso che può essere consuato in qualsiasi momento dell’anno, sia con gli amici sia con la famiglia.

La preparazione della piña colada è economica e semplice. Quella che vedremo adesso è per 4 persone.

Ingredienti:

  • 1 ½ once di crema di cocco
  • 1 Ananas a pezzetti piccoli o 4 onze di suco d’Ananas
  • 1 ½ once di Rum bianco
  • Zucchero quanto basta
  • Ghiaccio

Preparazione:

Passo 1:

Per iniziare occorre frullare il succo d’ananas, la crema di cocco, lo zucchero, il rum e il ghiaccio

Passo 2:

Verificare che si sia formata una crema senza grumi e poi collocare dei pezzi di ananas e crema di cocco e poi correggere le quantità di alcol e zucchero a seconda dei gusti. 

Passo 3:

Comincia a servire il cocktail nei bicchieri per poi decorarli con una fettina di ananas o una ciliegia.

È importante serviresubito il cocktail affinché non perda la freschezza data dal ghiaccio frullato durante la preparazione. La cosa interessante di questo cocktail è che può essere degustato anche da bambini o persone intolleranti all’alcol, se non si usa il rum durante l’elaborazione. 

Oggi ti raccomandiamo:

 TAGS:Piña Colada Easy 1LPiña Colada Easy 1L

Piña Colada Easy 1L

 

 

 TAGS:Tunel Piña ColadaTunel Piña Colada

Tunel Piña Colada

Blue Hawaiian, il cocktail azzurro

 TAGS:Il Blue Hawaiian è un delizioso cocktail dal caratteristico colore azzurro, di una tonalità così accattivante da richiamare l’attenzione di chiunque. E’ stato inventato nel 1975 da Harry Yeee, un barista delle Hawaii che voleva creare un cocktail con il caratteristico colore del blu Curacao. Inoltre, sono ancora molti coloro che associano questo cocktail al film omonimo uscito nel 1961 ed interpretato da Elvis Presley. Il suo ingrediente principale è il rum (bianco o añejo) e il suo colore lo rende un cocktail spettacolare e sicuramente diverso da tutti gli altri.

Il Blue Hawaiian può essere preparato in due modi diversi, sia frullato che shakerato.

Ingredienti:

2 parti di succo d’ananas
1 parte di Ron
1 parte di blu curacao
1 parte di crema di cocco
Ghiaccio

Una ciliegina e/o una fetta di ananas come decorazione

Preparazione del Blue Hawaiian frullato

Fase 1:

Versare tutti gli ingredienti in un frullatore con abbastanza ghiaccio e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso.

Fase 2:

Decorare con ciliegie al maraschino e una fetta di ananas.

Preparazione del Blue Hawaiian shakerato

Fase 1:

Versare tutti gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e agitare con forza.

Fase 2:

Versare in un bicchiere alto precedentemente raffreddato, aggiungere il ghiaccio e guarnire con la fetta di ananas e le ciliegie maraschino.

Esiste inoltre una variante di questo cocktail in cui viene utilizzata la vodka al posto del rum. Essendo così semplice da preparare, nonché economico, può essere bevuto praticamente in qualsiasi momento della giornata, soprattutto durante i mesi estivi, un po’ come accade per molti altri cocktail esotici.

Oggi vi consigliamo un paio di rum in modo che possiate preparare un ottimo Blue Hawaiian:

 TAGS:Ron Diplomático 12 Años Reserva ExclusivaRon Diplomático 12 Años Reserva Exclusiva

Ron Diplomático 12 Años Reserva Exclusiva

 

 

 TAGS:Legendario Elixir de CubaLegendario Elixir de Cuba

Legendario Elixir de Cuba

Cocktail a base di Champagne

 TAGS:Lo Champagne è un vino spumante prodotto utilizzando il metodo champenoise ed ha una sua denominazione d’origine, nella regione di cui porta il nome: Champagne, Francia.

Lo Champagne è solitamente bianco, tuttavia ve ne sono anche alcuni tipi rosati, prodotti con diversi tipi di uva, prevalentemente rossa. Nella maggioranza dei casi, lo Champagne viene bevuto in occasioni speciali come matrimoni, cerimonie di premiazione o veglioni di fine anno.

Per quanto riguarda il metodo champenoise, possiamo dire che è caratterizzato da due fasi di fermentazione: la prima avviene nella botte e la seconda in bottiglia; per riattivare la fermentazione di quest’ultima fase, vi si aggiunge dello zucchero unitamente a del lievito. Il fatto che la fermentazione avvenga nella bottiglia già chiusa fa si che l’anidride carbonica si disciolga direttamente nel liquido.

I cocktail a base di Champagne riportano quindi il fascino e l’eleganza di questa bevanda con un tocco di novità apportato invece dagli altri ingredienti.

Tra i cocktail a base di Champagne più conosciuti, ritroviamo:

Strawberry Champagne Mojito

Lo Strawberry Champagne Mojito è una fusione agra e colorata di fragole, menta, Gum syrup e, naturalmente, Champagne.

Ingredienti:

  • 2 o 3 fragole
  • Foglie di menta
  • Poche gocce di Gum syrup
  • Champagne

Preparazione:

Servire lo Champagne molto freddo, insieme con gli altri ingredienti tritati, affinché rilascino il loro succo.

Mimosa

Questo è probabilmente il cocktail più famoso a base di Champagne, probabilmente anche grazie alla sua facilità di preparazione e al suo sapore delicato.

Ingredienti:

  • 1/3 di succo d’arancia
  • Champagne

Preparazione:

Riempire 1/3 di un bicchiere alto con succo d’arancia e il resto con Champagne ghiacciato.

Rossini

Il Rossini è realizzato con fragole e Champagne. E’ il cocktail preferito dagli innamorati e il più adatto per le occasioni romantiche.

Ingredienti:

  • 2 o 3 fragole
  • Champagne

Preparazione:

Servire lo Champagne molto freddo e pestare leggermente le fragoline, in modo che possano rilasciare il proprio succo.

Cocktail Caribbean Champagne 

Questo cocktail rappresenta un interessante mix tra il sapore amarognolo dell’Angostura e il contrasto che fa con la crema di banana e lo Champagne.

Ingredienti:

  • 1 cucchiaio di rum chiaro
  • 1 cucchiaio di crema di banana
  • Uno spruzzo di Angostura
  • Champagne freddo

Preparazione:

Mettete il rum, la crema di banana e l’Angostura in un flùte precedentemente raffreddato. Riempite con Champagne e mescolate delicatamente.

Vi sono tantissimi motivi per gustare un bel cocktail a base di Champagne, primo fra tutti l’occasione di poter assaporare queste deliziose miscele insieme ad amici e parenti.

Oggi vi consigliamo:

 TAGS:Perrier-Jouët Grand BrutPerrier-Jouët Grand Brut

Perrier-Jouët Grand Brut

 

 

 TAGS:Charles Heidsieck Brut RéserveCharles Heidsieck Brut Réserve

Charles Heidsieck Brut Réserve

Il Bellini

 TAGS:Il Bellini è un cocktail inventato a Venezia nel 1948, popolarmente conosciuto per il suo colore arancio, frutto del mix tra champagne e pesche. 

Servito in un flute, il Bellini è uno dei cocktail più adatti per coloro che vogliono una bevanda dolce ed elegante mista allo champagne. Qui mostriamo quali sono gli ingredienti e come si prepara:

Ingredienti:

La varietà di champagne più utilizzata è un classico Moët&Chandon Brut Impérial o un Bollinger Special Cuvée. Si accompagna con un succo di pesca

Preparazione:

2/3 del bicchiere con succo di pesca
1/3 con lo champagne
È molto importante che entrambi gli ingredienti siano freschi

Il Bellini fu creato per la prima volta nel bar Harrys di Venezia da Giuseppe Cipriani. In questo luogo fu provato da gente come Orson Welles e Hernst Hemingway, mentre il suo nome deriva dal caratteristico colore rosa ottenuto dal mix tra champagne e pesche, e in onore al pittore Giovanni Bellini, che usaba molte rose nei suoi quadri. 

C’è anche chi vi mette delle gocce di succo di limone per dare un sapore più acido alla bevanda, ma è sempre questione di gusti. Altri usano pesche sciroppate per dargli maggiore consistenza, mentre altri lo decorano con pezzi di pesca prima di servirlo.

Pronti per il cocktail? Oggi ti raccomandiamo:

 TAGS:Foss Marai Roös BrutFoss Marai Roös Brut

Foss Marai Roös Brut

 

 

 TAGS:Nino Franco Valdobbiadene Prosecco RusticoNino Franco Valdobbiadene Prosecco Rustico

Nino Franco Valdobbiadene Prosecco Rustico

Amaretto, il sapore della notte

 TAGS:Mandorla e albicocca, dolce e amaro, il contrasto sembra essere la caratteristica principale dell’Amaretto, questo liquore italiano che presenta una lista di ingredienti lunghissima, soprattutto per quanto riguarda le sue essenze che, nella ricetta originale, non sono inferiori a diciassette. Una miscela incredibile per deliziare i palati più esigenti.

Il mistero caratterizza la sua composizione, la poesia pervade la storia della sua origine, in cui arte e romanticismo si fondono in parti uguali; e probabilmente questo è il motivo per cui gli si attribuiscono proprietà afrodisiache. Considerando che veniva preparato già nel 1525, è incredibile come ancora oggi sia il liquore prescelto per una notte all’insegna della seduzione.

Quasi 300 anni dopo la sua nascita, cominciò ad essere commercializzato e, da allora, è diventato un vero e proprio protagonista della notte. Si beve liscio o con ghiaccio ma lo si può anche accompagnare con arancia o limone naturali, spremuti, con l’aggiunta di un pizzico di zucchero di canna.

L’amaretto è inoltre impiegato nella preparazione di cocktail quali: Godfather, Scarface, Messicano, Alabama Slammer, Royal Temptation, etc. Ma questi sono solo alcuni dei cocktail che vedono il famoso Amaretto mescolarsi con vodka, rum, liquore al caffè, whisky, crema di whisky o cognac.

Oltre al mondo delle bevande, l’Amaretto è protagonista anche di quello gastronomico, dove viene impiegato per lo più in pasticceria. Torte, biscotti, creme o gelati spesso richiedono il suo tocco dolce e peculiare proprio per ottenere un risultato diverso dal normale. Viene quindi mescolato con latte, farina, uova, mandorle e alcuni tipi di frutta che variano a seconda della ricetta, come ad esempio: ananas, pesche, fragole e pere.

A catturare la nostra attenzione è prima di tutto la sua bottiglia che ricorda la forma dei flaconi dei profumi d’alta gamma. Il vetro di Murano e la caratteristica forma degli angoli, dolci e smussati, ci fanno venir voglia di prenderla subito tra le mani, quasi come per accarezzarla e coccolarla. E una volta arrivati ??a questo punto, è impossibile tornare indietro…non ci resta altro che berne un bicchiere.

Luxardo, Venice, Barbero, Itaca sono solo alcune delle marche produttrici di Amaretto, senza tralasciare Marie Brizard che ne propone una versione in crema; ma quella che gode di una fama internazionalmente riconosciuta è sicuramente Disaronno, il cui nome è per tutti sinonimo di Amaretto.

Vi è venuta voglia di Amaretto? Qui vi proponiamo 2 alternative:

 TAGS:Disaronno AmarettoDisaronno Amaretto

Disaronno Amaretto: L’Amaretto più famoso e più bevuto nel mondo.

 

 

 TAGS:Amaretto Itaca 1LAmaretto Itaca 1L

Amaretto Itaca 1L: Prodotto in Spagna, si caratterizza per il suo sapore di mandorla, morbido e pronunciato allo stesso tempo.

Cocktail con vodka

 TAGS:La vodka è un tipo di distillato di origine russo (il suo nome significa letteralmente acquetta) ed ha un tipo di elaborazione simile ad altri tipi di acquavite di alta gradazione. Ma la sua particolarità è che, nelle sue varietà più classiche, manca totalmente di sapore e di odore.

Questa caratteristica fa sì che la vodka sia un’eccellente materia prima per l’elaborazione di cocktail di qualsiasi tipo. È infatti ideale per dare un tocco alcolico a succhi di frutta, bibite gassate, acqua tonica ecc…Inoltre può essere usato come ingrediente principale in cocktail famosi come Bloody Mary, Caipiroska, Cosmopolitan, Gimlet, White Russian o Vodka Martini.

TAGS: In realtà, nei paesi dove la sua elaborazione è storica, come Russia, Polonia, Finlandia e i paesi baltici, la vodka si consuma tradizionalmente sola in bicchieri molto piccoli e come complemento dei pasti. Questa tradizione è dovuta anche alla capacità della vodka di combattere il freddo di questi posti, dove le bevande più tipiche per accompagnare qualsiasi alimento sono la vodka e il tè, al contrario di ciò che accade nell’Europa occidentale, dove spopolano la birra e il vino.

Oltre alla classica vodka ‘bianca’ esistono tantissime vodke aromatizzate alla frutta, soprattutto nel resto dei paesi. I frutti più utilizzati sono le bacche rosse, i limoni, le spezie ed altri ingredienti che danno un sapore particolare a questo distillato, e a volte anche un tono ‘chic’.

Ecco dei vodka che ti suggeriamo in vendita su Uvinum:

 TAGS:Absolut Rock EditionAbsolut Rock Edition

Absolut Rock Edition

 

 

 TAGS:Eristoff BlackEristoff Black

Eristoff Black