Tag: château duhart milon

Le altre cantine di Pauillac

 TAGS:E con oggi terminiamo la nostra panoramica sul vino Pauillac, dando uno sguardo alle altre aziende vinicole di Pauillac, ed escludendo naturalmente Château Lafite Rothschild, Château Latour e Château Mouton Rothschild, di cui abbiamo già parlato negli articoli precedenti.

Château Duhart Milon

La famiglia Rothschild, onnipresente a Pauillac, è proprietaria anche di questa cantina. Ci sono 63 ettari di vigneti che si estendono ad ovest delle famose Lafite e Mouton, e che producono un ottimo vino, soprattutto dalla decade, divenuta ormai storica, degli anni ’80.

Château Duhart Milon è classificato 4° Cru Classé e, nonostante si chiami “Château” non vanta di alcun castello all’interno della proprietà. Le ultime annate, come Duhart-Milon 2008 e Duhart-Milon 2006, sono state fantastiche.

Château Pedesclaux

5° Cru Classé, si tratta di una delle cantine più apprezzate tra gli intenditori per il suo ottimo rapporto qualità prezzo. E’ un po’ oscurata da altre aziende vinicole più grandi, e ciò gli impedisce di brillare come dovrebbe, ma è anche per questo motivo che noi consumatori possiamo avere il piacere di bere ottimi vini, come il Pedesclaux 2010, ad un prezzo abbastanza ragionevole.

La cantina è stata fondata nel 1810 dalla famiglia Pedesclaux. Nel 1947, dopo la seconda guerra mondiale, la produzione vinicola venne interrotta a causa delle difficoltà economiche del momento, ma Jugla Lucien, che era stato incaricato della coltivazione, acquistò l’azienda e da allora è sempre stata proprietà della famiglia Jugla.

Château Pontet-Canet

Jean-François de Pontet, regio governatore di Pauillac, è stato il primo di questa famiglia a coltivare diverse varietà di vitigni a Pauillac, agli inizi del 1800. Più tardi la famiglia acquistò un vigneto della vicina Canet, dando così origine ad una delle più grandi aziende vinicole di Pauillac.

Considerata 5° Cru Classé, è nota per l’alta qualità dei suoi secondi vini. Come succede per la maggior parte delle cantine di Bordeaux, il vino considerato troppo giovano o carente di forza, non viene scelto come primo vino ma viene comunque messo in vendita con una seconda etichetta.

Nel caso di Château Pontet-Canet, la qualità media dei vigneti è così grande che il secondo vino a volte è ambito tanto quanto il primo. Grandi annate come lo Château Pontet-Canet 2010 o lo Château Pontet-Canet 2008 producono eccellenti secondi vini come ad esempio: Les Hauts de Pontet Canet 2010 e Les Hauts de Pontet Canet 2008.

Abbiamo finito con Pauillac? In questa serie, sì, ma c’è ancora molto da scoprire su Pauillac: Château Lynch-Bages, Château Pichon-Longueville Comtesse de Lalande, Château Pichon-Longueville Baron

Per ora ci fermiamo qui, ma non senza prima consigliarvi un paio di buoni vini Pauillac:

 TAGS:Baron Philippe de Rothschild Réserve Mouton Cadet Medoc 2010Baron Philippe de Rothschild Réserve Mouton Cadet Medoc 2010

Baron Philippe de Rothschild Réserve Mouton Cadet Medoc 2010: No, il prezzo non è sbagliato. Questo vino è, in realtà, un vino abbastanza commerciale etichettato con la Denominazione generica di Bordeaux, dalla famiglia Rothschild. E’ in pratica un modo economico per far conoscere anche a chi non può permetterselo il modus operandi di una delle più importanti famiglie vinicole nel mondo.

 

 

 TAGS:Château Pédesclaux 2010Château Pédesclaux 2010

Château Pédesclaux 2010: Una buona annata ad un prezzo davvero interessante è ciò che ci offre questo Château Pedesclaux 2006.