Tag: catalogna

La provincia spagnola di Lleida : una terra di vino

 TAGS:undefined

Situata in Spagna, nell’ovest della regione Catalogna, Lleida è una delle provincie con più agricultura del paese. Infatti, la provincia è una grande produttrice di vino. Suoi vigneti sono importanti e beneficiano della Denominazione di Origine Costers del Segre, dando luogo a vini interessanti.

Le zone di produzione sono Segrià, Raimat, Artesa de Segre, Urgell, Pallars, Valls del Riu Corb e Les Garrigues. Grandi superfici in cui la frutta come la pera, la mela o la pesca si mescolano con le vigne e le cantine, e dove si può scoprire non solo il vino, ma anche l’area, il terroir. Ciascuna zona vinicola è formata da paesini con lunga storia, con tradizioni contadine dove l’industria e il settore terziario occupano la seconda posizione.

Questa zona d’occidente, è stata colpita dalla fillossera. Le varietà distrutte dall’insetto sono state le seguenti : Pinós, Samsó, Sumoll e Garnacha.

Monastrell, Macabeo, Trepat, Garnacha e Sumoll sono state innestate in ceppi americani e qualche varietà francese sono anche state importate, come il Cabernet Sauvignon.

I vini che s’incontrano nella provincia di Lleida sono elaborati seguito il metodo tradizionale con una seconda fermentazione in bottiglia, per una durata di 9 mesi d’invecchiamento.

Le cantine della provincia 

Per conoscere bene questa zona e i vini prodotti, dobbiamo individuare la cantina Raimat, una delle più famose, ed anche al livello mondiale. È una cantina familiare, dotata di più di 2.000 ettari di terreno e la totalità della sua produzione è certificata viticoltura sostenibile.

Nella regione di Les Guarriges, si trova la cantina Vinya els Vilars, situata nel comune d’Arbeca. L’azienda deve il suo nome alla fortezza iberica di Els Vilars, degli imponenti resti archeologici, del 750 a.C.. Inoltre, in quest’ area, non c’è solo vino, c’è anche un’importante produzione d’olio : l’olio DO Guarrigues.   

Inifine, nel comune di Verdú, ci sono anche importanti cantine come la Casa Pardet, il Cellar Cercavins e il Celler Mas de Móra.

 TAGS:Vilosell 2013Vilosell 2013

Vilosell 2013

 

 

 TAGS:Thalarn 2013Thalarn 2013

Thalarn 2013

Cos’è meglio, il Priorat o il Monsant?

 TAGS:undefinedSe parliamo di vini catalani, le prime denominazioni di origine che vengono in mente sono il Priorat e il Montsant, che hanno avuto un boom negli ultimi anni e di solito sono stati confusi per la sovrapposizione geografica. Infatti a volte si vedono aziende agricole che producono vini di uno o un altro nome a pochi metri di distanza.

Per quanto riguarda il Priorat, bisogna dire che è l’unica denominazione catalana riconosciuta di altissimo livello, mentre il Montsant non ha questa distinzione, anche se questo non significa affatto che quest’altra DO non produca grandi vini. 

Se è vero che i vini Priorat tendono ad essere meglio valutati economicamente, ciò è dovuto alla particolare organizzazione delle cantine. Perché per quanto riguarda il Priorat vi sono più progetti propri, mentre una tradizione di cooperative ha cambiato il sistema di produzione nel Montsant, con risultati diversi.

Ci sono anche differenze di terreni agricoli e di clima: nei suoli del Priorat predomina l’ardesia che conferisce ai vini una particolarità organolettica, essendo le precipitazioni scarse. Nel Montsant vi è una combinazione di terreni argillosi e calcarei, le piogge sono più frequenti, con un conseguente aumento della produzione delle viti.

Di conseguenza, mentre i vini del Priorat godono di aromi e sapori molto particolari, che ricordano i minerali predominanti nel terreno e un posizionamento più elevato, i Montsant sono in generale freschi e fruttati.

Siiamo quindi di fronte a due regioni vinicole molto vicine, ma con personalità molto diverse. Chiedersi qual è il migliore dei due deve essere ignorata perché si tratta, come quasi sempre, del gusto personale di ciascuno.

Da parte nostra, vi consigliamo un vino di ognuuna delle due DO, entrambi di ottima qualità.

 TAGS:Manyetes 2010Manyetes 2010

Manyetes 2010

 

 

 TAGS:Trossos Tros Negre 2011Trossos Tros Negre 2011

Trossos Tros Negre 2011