Tag: calcio

Calcio e vino, un abbinamento appassionante

 TAGS:undefined

Anche se in linea di principio potrebbe sembrare che il vino e lo sport non hanno molto in comune, ci sono noti personaggi dello sport che hanno preso sul serio la loro passione per il vino e hanno fatto affari a causa di essa.

Michael Laudrup, distribuzione

Michael Laudrup, è un ex calciatore e attuale allenatore che divenne noto negli anni ’90, quando giocò nel Real Madrid e nel Barcellona, ??quando iniziò a gustare il cibo e il vino spagnolo. Secondo il proprio dominio Internet, Laudrup ha incontrato un’altra famiglia danese, la Buhl. E la nostalgia per tutte queste delizie scoperte lo ha spinto a fondare una piccola impresa che ha importato vini quasi esclusivamente per l’autoconsumo e per alcuni amici e la famiglia.

Così nel 1993 nacque la Laudrup Vin & Gastronomia. Questa attività si è poi progressivamente sviluppata fino a diventare l’azienda importatrice principale di vini e prodotti gastronomici dalla Danimarca alla Spagna. Tra le sue più grandi vendite spiccano alcuni tra i più famosi vini spagnoli: Muga, Allende, Artadi Viña Pedrosa, Toro Albala, Can Rafols dels Caus e così via.

David Ginola, l’artista del pallone amante del vino

Il francese David Ginola divenne famoso durante i suoi anni al Paris Saint Germain. La sua passione lo ha portato a incontrare Philippe Faure-Brac, un ex sommelier campione del mondo e proprietario di Le Bistrot du Sommelier a Parigi. Egli ha approfondito questa emozionante passione e così ha cominciato ad acquistare alcuni tra i migliori vini del mondo. Si è poi progressivamente prodigato ad aumentare la conoscenza sui vini e le diverse regioni di produzione, ed è ora un esperto.

Andres Iniesta, il cuore pazzo del vino

Andres Iniesta, giocatore del Barcellona, ha inaugurato nel 2010, una cantina nella sua città natale Fuentealbilla avendo già avuto i vigneti di famiglia. La cantina è collegata al diametro esterno Manchuela, che con varie medaglie vinte in vari concorsi, si può definire come un’azienda di successo. Tra i punti forti spicca un particolare vino elaborato da uva Verdejo originale bianca.

Andrea Pirlo, una passione fin dall’infanzia

Pirlo ha iniziato a giocare per il Brescia a metà degli anni ’90 ed è rimasto fedele alla proprie origini con l’acquisto di un vigneto situato sulle colline nelle radici della città. Pirlo è cresciuto in una famiglia amante di vino. Il vigneto Pratum Coller (che significa ‘collina prato’ in latino) produce tra le 15.000 e le 20.000 bottiglie di vino all’anno. Attualmente produce due varietà rosse, una rosa e una bianca e sta cercando di espandere la sua gamma e il volume di produzione.

Il vino che attraversa confini e sport

Anche il footbal americano ha i suoi rappresentanti nel mondo del vino. Uno di loro è l’ex quarterback Dan Marino e l’altro Joe Montana. Questi sono i due giocatori più famosi con magazzini propri (Marino Stages e Montagia Wines rispettivamente). L’hockey su ghiaccio ha i suoi rappresentanti del vino: l’ex stella canadese Wayne Gretzky ha la loro propria cantina nella zona di Niagara, ben nota per la produzione di ottimi vini di ghiaccio.

 TAGS:Viñas de Gaín 2012Viñas de Gaín 2012

Viñas de Gaín 2012: un vino rosso de DO Rioja con un mosto a base di tempranillo de 2012 e 14.5º di grado alcolico. 

 

 

 TAGS:Artadi Pagos Viejos 1999Artadi Pagos Viejos 1999

Artadi Pagos Viejos 1999: un vino rosso de DO Rioja di cantine Bodegas Artadi il cui mosto contiene tempranillo de 1999 e 13.5º di grado alcolico

 

* Foto: Coller Pratur Vini

David Beckham, dal calcio al vino

 TAGS:undefinedCi sono sempre più famosi che si accodano alla moda di essere proprietari di una cantina o di un vigneto. Questa volta parleremo di David Beckham, ex calciatore e stella mediatica. Lui, famoso sia per la sua carriera da calciatore nel Manchester United e nel Real Madrid, è anche conosciutissimo per la sua relazione con Victoria Adams, ex Spice Girl. Ultimamente ha deciso di entrare nel business dei vini acquistando un vigneto nella Napa Valley in California

La notizia arriva ora ma pare che l’acquisto sia stato effettuato nel 2008, secondo le indiscrezioni del The Drink Business. Beckham diventa quindi anche imprenditore, oltre ad essere un habitué delle riviste fashion e dei programmi televisivi. Egli segue il cammino tracciato da personaggi come como Gerard Depardieu, Joan Manuel Serrat, Lluís Llach, Francis Ford Coppola, Sting, Bob Dylan, Andrés Iniesta o Julio Iglesias, tanto per fare dei nomi di gente famosa che si dedica a produrre vino.

In effetti, quando Beckham arrivò a Los Angeles, nel 2008, uno dei suoi primi capricci è stato quello di cimentarsi nella viticoltura, anche se non si è sicuri che non fosse solo l’inizio di un piccolo hobby. Il suo soggiorno in quel di Madrid, secondo molte persone, contribuì in maniera decisiva a fomentare questa sua passione per il vino, qualcosa di raro per un britannico. Difatti, l’unica relazione con il mondo dell’alcol Beckham l’aveva avuto tramite una collaborazione con la marca di whisky Haig Club de Diageo.

Non si sa ancora in che maniera verranno commercializzati i prodotti vinicoli dei Beckham, ma presto sapremo se la famiglia metterà il suo nome tra i tanti vini che ogni anno si producono negli USA.

Pero ora ci facciamo la bocca con dei suggerimenti: 

 TAGS:Francis Ford Coppola Diamond Collection Gold Chardonnay 2012Francis Ford Coppola Diamond Collection Gold Chardonnay 2012

Francis Ford Coppola Diamond Collection Gold Chardonnay 2012

 

 

 TAGS:Golden State Vintners Weston Zinfandel 2011Golden State Vintners Weston Zinfandel 2011

Golden State Vintners Weston Zinfandel 2011

La Carlsberg, nuova birra ufficiale della Premier League

 TAGS:La Premier League inglese, massima espressione del calcio britannico, sorprende con una novità. Per la prima volta nella sua storia la sua birra ufficiale sarà la Carlsberg, una birra danese, dopo anni di monopolio di Bombardier e Golden Pride.

Il campionato professionistico di calcio inglese si è sempre identificato col consumo di birra. È infatti un rituale accertato quello di guardare un match del Manchester United o dell’Arsenal in un pub sorseggiando una buona birra con degli amici.

Bere una Carlsberg è sempre un piacere, soprattutto se presa all’aperto o tra amici. Inoltre è una ventata di novità per le abitudini inglese. Nonostante tutto questa decisione è probabilmente frutto del grande successo della marca danese come sponsor dell’ultimo campionato Europeo

Questa campagna è stata un’azione pubblicitaria senza precedenti da parte di Carlsberg, che in passato fu anche sponsor del Liverpool FC, sempre per restare in ambiente calcistico. La birra danese acaparrerà la maggior parte del mercato calcistico e in molti finiranno col dimenticare la Heineken o la Strongbow.

Coloro che solo adesso iniziano ad addentrarsi nell’universo Carlsberg dovrebbero però prendere nota di altri tipi di birre dello stesso gruppo aziendale. Per esempio la Jacobsen, una birra con molta classe o la Vintage No.2, che oltre ad essere molto speciale, è anche una delle birre più care al mondo. 

C’è chi invece chi preferisce la Tuborg, la sorella minore della Calsberg. Ideale per tutti i giorni, sia quelli feriali sia quelli festivi, la Tuborg viene spesso lanciata in edizione speciale a Natale e a Pasqua.

Ques’anno la Premier League vestirà di verde (il colore delle bottiglie e delle lattine della Calsberg) i suoi stadi. E, mentre i giocatori daranno il massimo impegno sul campo (che è anche verde) i tifosi potranno godere dello spettacolo più diffuso al mondo in compagnia di una bevanda buona e fresca come la birra danese. 

Ti raccomandiamo due tipi di birre perfette per accompagnare una partita di calcio:

 TAGS:Peroni Nastro AzzurroPeroni Nastro Azzurro

Peroni Nastro Azzurro, una classica

 

 

 TAGS:Birra MorettiBirra Moretti

Birra Moretti, la birra storica del Baffo