Tag: bourbon whisky

Il bourbon americano

 TAGS:Il bourbon americano, whisky americano o semplicemente bourbon, è una bevanda che rientra nella categoria dei distillati ed è considerato appartenente alla famiglia dei whisky. Si tratta di una bevanda molto aromatica dal sapore caramellato, cosa che lo fa distinguere facilmente da quello scozzese o inglese.

Secondo la legge degli Stati Uniti, il cosiddetto whisky americano, deve essere costituito essenzialmente da mais, per una percentuale che va dal 50% al 70%, mentre il resto è completato da frumento, malto d’orzo o di segale. L?invecchiamento è di solito di soli due anni, e viene stagionato in botti di rovere normalmente per un periodo di circa 5 anni o giù di lì.

Storia del bourbon americano

La storia del bourbon americano va di pari passo con la storia degli Stati Uniti. Tutto inizia intorno al 1774, nella cittadina di Fort Harrod (ora Harrodsburg – Kentucky), quando gli abitanti di questo villaggio cominciarono a coltivare il grano: il raccolto ebbe un esito talmente positivo che finirono col ritrovarsi una quantità di grano eccessiva, ragion per cui decisero di impiegarla nella produzione di whisky.

Già nel 1777, viene istituito il Congresso Nazionale ed i nuovi nati negli Stati Uniti adottano la bandiera a stelle e strisce, presieduti da George Washington, il quale cominciò a richiedere sempre più liquore per il suo esercito. Nel 1783 appare la prima distilleria commerciale registrata (anche se la bevanda veniva già distillata da 8 o 9 anni) nella città di Louisville, in Kentucky, di proprietà di Evan Williams. Due anni dopo, nel 1785, le stesse autorità del paese cominciano a incoraggiare la produzione di bourbon americano.

Il governatore della Virginia, nientemeno che Thomas Jefferson, offriva 15 ettari da destinare alla coltivazione del mais a chi decideva di andare a vivere in Kentucky (regione che, come noto, era abitata dagli indiani d?america). Fu così che molte persone si armarono di buona volontà e cominciarono la coltivazione del grano; tuttavia la produzione era troppo grande per una sola famiglia, cosicché molti optarono per la crazione di questa bevanda, che man mano diventava sempre più popolare.

Il nome ?bourbon? ha origine francese. A quei tempi, infatti, si era appena conclusa la guerra d’indipendenza contro la Gran Bretagna ed i francesi erano stati di vitale importanza per la vittoria degli americani per cui, proprio in onore della famiglia reale francese, dei Borboni e del re di Francia Luigi XV, una parte del Kentucky venne ribattezzato come ?Bourbon?, così come la bevanda che ivi si produceva.

Il Congresso degli Stati Uniti, in una delibera del 1964, dichiarò il bourbon come prodotto distintivo degli Stati Uniti, nominandolo Bourbon Whiskey. Esiste anche un?altra storia che ne attribuisce la creazione al ministro battista Elijah Craig, ma questa versione si basa su fatti infondati e privi di documentazione, anche se alcuni continuano a considerarlo il vero inventore del bourbon.

Vuoi provare il vero ?spirito? americano? Ti consigliamo alcuni tra i migliori sul mercato:

Maker’s Mark: un bourbon equilibrato, facile da bere. Ha il profumo e il sapore leggermente dolci, di caramello tostato, molto gustoso.
Bourbon Old Virginia 12 Years: è chiaramente percettibile l?invecchiamento in botte. Oltre al tipico aroma del bourbon, in esso se ne distinguono anche di carbone, tostato e cuoio derivanti dalla produzione e dalla botte. Superbo.
Wild Turkey 8 Years: uno dei bourbon più tradizionali. Dal Kentucky, la culla del Bourbon, arriva quello che probabilmente è il più popolare nonché il più consumato degli Stati Uniti. Un must.

E a te quale piace? Lo mischi o lo bevi “on the rocks”?