Tag: bitcoin

I bitcoin irrompono nel mondo del vino

 TAGS:In Nuova Zelanda una cantina è stata la prima nell’emisfero sud ad accettare pagamenti in valuta Bitcoin, con il fine di agevolare le transazioni economiche a clienti internazionali.

Simile è stato il caso della cantina Rollingdale nella British Columbia del Canada, che ha negoziato con Bitcoin dallo scorso febbraio, aprendo un mercato nuovo in America del Nord.

California Mondo Bodegas non è rimasta dietro, introducendo Bitcoin nei suoi mezzi di pagamento nelle azioni destinate alle finanziazioni delle proprie operazioni. 

Un’altra cantina che elabora vini rossi della California, la Piramid Valley, cominciò a ricevere Bitcoin il 9 dicembre 2013 riuscendo ad ottenere un gran successo di vendita grazie al 9% dei proventi direttamente dagli acquisti in linea. Caine Thompson, il direttore generale dell’azienda ha detto: “Viviamo in un’epoca emozionante e bitcoin è un movimento di grande futuro, una moneta senza frontiere per affati limitati ma in tutto il mondo”.  general de la Piramid Valley , dijo :

Inoltre, aggiunge: “Ogni volta abbiamo più richieste di pagamenti attraverso bitcoin, soprattutto per i nostri vini Home Collection. I clienti internazionali non vogliono avere problemi con i tassi di cambio e le costose spese di transazione“. 

Mentre Bitcoin si afferma nel mercato delle cantine e nei negozi online per la facilità con la quale permette le transazioni, ci troviamo di fronte a un cambio radicale nella storia dei sistemi di pagamenti.Per esempio, immagina di poter comprare un buon Sito Moresco 2010 tramite bitcoins. O altri, come quelli che ti proponiamo adesso:

 TAGS:Fond Moiroux Brouilly 2010Fond Moiroux Brouilly 2010

Fond Moiroux Brouilly 2010

 

 

 TAGS:Erath Estate Selection Pinot Noir 2010Erath Estate Selection Pinot Noir 2010

Erath Estate Selection Pinot Noir 2010