Tag: aperitivo

Cocktail per l’autunno

Assaporare un buon cocktail non è piacevole solo in estate. Quando inizia a sentirsi il freddo, si raccomandano cocktail per l’autunno, meno rinfrescanti, più leggeri e senza agrumi, lasciando spazio alle bevande che riscaldino. Come aperitivo, dopo cena o alla fine della serata … Vi consigliamo alcuni dei migliori cocktail per questa stagione.

Quali cocktail scegliere in autunno

New York Sour

Questo cocktail di solito è composto da bevande alcoliche un po’ più forti, che sono quelle in stile con questo periodo dell’anno. Il New York Sour combina whiskey sour con vino rosso, ovvero aggiunge complessità alla miscela che di solito sorprende per il suo sapore forte.

Negroni

È un classico di tutti i tempi, quindi va bene in questi mesi di transizione. Quando può essere caldo di giorno e di notte rinfrescare. E’ composto da gin, limone, campari e vermouth dolce in parti uguali, così da non risultare né troppo forte né troppo dolce. Lo decoriamo con una fetta d’arancia sul bicchiere. È perfetto come aperitivo o per terminare la serata.

Old Fashioned

È un altro classico che, come tale, non passa mai di moda. E’ composto da whisky o bourbon, angostura, con succo d’arancia. Normalmente si serve in un ampio bicchiere. Lo possiamo decorare con buccia d’arancia.

Martini Dry

Sì, lo beviamo spesso, ma forse lo abbiamo messo da parte preferendo un gin tonic, un mojito o una rinfrescante birra estiva. Se ancora non sai come si fa, dobbiamo ricordare che di solito è elaborato con limone, gin secco, martini bianco secco e una fetta di limone.

Daiquiri Mulata

Il daiquiri è più adatto alle stagioni calde, ma possiamo aggiungere succo di limone, liquore al caffè e rum, o come alternativa, liquore di cacao o kahlua. E’ ottimo dopo cena per digerire splendidamente.

Frangelico

Made in Italy, ha un sapore che ricorda proprio l’autunno, con la sua base di nocciole tostate e rilasciate in alcool con bacche e spezie. La sua origine è legata ai monaci cristiani italiani, da cui deriva il nome: Frate Angelico. Molte persone lo consumano come digestivo dopo cene abbondanti.

Amarula

Stiamo parlando di un altro cocktail autunnale che ha un sapore un po’ più forte. L’Amarula si elabora con una crema di liquore prodotta in Sud Africa e contiene zucchero, panna e frutti dell’albero africano marula. Ha un caratteristico sapore di caramello e c’è chi lo confonde con il Baileys, ma sono diversi.

Il miglior rum per un buon mojito

coktail, mojito, rum, rum bianco, rum dorato, drink, alcolici

Il mojito è uno dei cocktail di maggior successo e indubbiamente il più famoso tra quelli a base di rum. Ma nemmeno gli esperti di cocktail sono d’accordo sugli ingredienti: lime o limone, zucchero bianco o di canna, che tipo di menta, acqua frizzante o tonica…

Per non parlare delle nuove versioni di mojito con fragole, liquore al caffè, cioccolato, anguria, menta piperita … le combinazioni possibili sono quasi infinite, ma come si fa a scegliere il rum più adatto per il mojito?

Un rum per ogni mojito

Prima di tutto devi pensare quale sensazione vuoi provare con il tuo mojito, se vuoi un mojito rinfrescante, dolce, acido, gustoso o avvolgente. Gli ingredienti e i loro sapori definiscono lo stile del mojito e il rum funge da filo conduttore, dato che è l’ingrediente principale. Ecco alcuni rum consigliati secondo il gusto del tuo cocktail:

  • Mojito amaro: è il mojito in cui predominano gli aromi e i sapori della tonica, della scorza di lime o limone, di angostura o di qualcosa di più forte come la tequila. Sono i mojito più originali, perché non rappresentano l’idea classica di mojito, ma con quel tocco amaro lo rendono molto più rinfrescante. In questo caso, se vuoi accentuare il gusto amaro, dovresti usare un rum bianco con aromi delicati, come il rum Bacardi. Ricordati che il rum è uno dei distillati più dolci e, perciò, qualsiasi rum più aromatico potrebbe coprire il gusto amaro del mojito.
  • Mojito goloso: sono mojito in cui prevalgono i sapori dolci dello sciroppo o purea di frutta rossa (dalla fragola al melograno), del cioccolato, del frutto della passione, dei fichi o di un tocco dolce di spumante. Sono mojito che, se realizzati con un rum molto dolce, possono essere eccessivamente stucchevoli, perciò hanno bisogno di un rum corposo, per non perdere consistenza. Una delle migliori opzioni è il rum Barceló, un rum profondo e ricco di sfumature.
  • Mojito acido: il mojito originale è una combinazione perfetta tra l’amaro dell’acqua frizzante o della soda e l’acidità del lime o del limone. È fresco e piacevole. Per preparare un mojito acido, puoi sostituire la soda con acqua naturale o aggiungere pezzetti di ananas, pompelmo e altri frutti tropicali acidi. In questo caso l’ideale è un rum dolce, per evitare l’aggiunta di zucchero, o un forte rum bianco. Un ottimo candidato è il Bacardi Limón, pensato soprattutto per questo tipo di miscele.
  • Spiced Mojito: questo tipo di mojito è molto apprezzato nelle zone in cui sono famosi i rum delle antiche o attuali colonie inglesi o francesi, come Bermuda, Martinica e Giamaica. Al posto della menta, puoi usare ingredienti come il pepe, le bacche di ginepro, lo zenzero o il caffè, macerati con succo di agrumi. Per questa versione, puoi utilizzare tutti i tipi di rum Captain Morgan e vedrai come sorprenderai i tuoi amici.

Rum bianco o rum dorato?

Forse lo sai, ma per sicurezza è meglio ricordare, che ci sono due grandi tipi di rum: il rum dorato, che viene invecchiato in botti di rovere, e il rum bianco, filtrato attraverso il carbone e che da come risultato questo distillato incolore.

Il rum dorato, trascorrendo più tempo in botte, risulta un po’ più morbido nel sapore. Inoltre, il colore diventerà più scuro durante l’invecchiamento a contatto con il legno. Invece, il rum bianco, passando poco tempo in botte, è solitamente più forte, e può essere commercializzato subito dopo il processo di distillazione.

Storia del mojito

Prima di tutta questa varietà di mojito, qualcuno inventò questo celebre drink.

Il più famoso cocktail estivo nasce nel XVI secolo, periodo in cui il corsaro di origine uruguaiana, Silvio Suárez Díaz, annoiato dalla solitudine in mare, propose al suo equipaggio una miscela che successivamente sarà battezzata come “Draquecito” dal pirata Francis Draque. Questo cocktail era composto da acquavite diluita in un po’ d’acqua, qualche spicchio di limone per combattere lo scorbuto, erbe aromatiche come la menta e un po ‘di zucchero, che ammorbidivano il gusto e aiutavano a digerire il cocktail.

Nel XVII secolo, con la scoperta della formula di distillazione del rum, l’acquavite fu sostituita e nacque così il nostro amato mojito.

Suggerimento extra

Queste sono alcune nostre ricette, ma se quello che ti piace è un mojito tradizionale, qui troverai 2 rum con cui preparare dei mojito di lusso. Goditeli!

3 Classici Cocktail di Prosecco per rompere il ghiaccio

State organizzando una cena, e non sapete quali bevande servire? Quando arriveranno gli ospiti, probabilmente vorrete servire un aperitivo per rompere il ghiaccio e stimolare la conversazione. Non c’è niente di meglio per rompere il ghiaccio di un originale cocktail con un ingrediente speciale come il Prosecco. Ecco alcuni interessanti cocktail a base di Prosecco per dar inizio alla vostra prossima cena:

1. Classico Aperitivo Aperol Spritz con Prosecco
Questo classico cocktail, originario delle regioni nord-orientali dell’Italia, è comunemente servito come aperitivo. Per prepararlo, avrete bisogno di 3 parti di Prosecco, 2 parti di Aperol e 1 parte di soda. In un bicchiere per il vino, mescolare insieme il Prosecco e l’Aperol, poi aggiungere la soda. Per guarnire il vostro cocktail Spritz usate alcuni spicchi di arancia, che possono anche essere congelati anticipatamente, per utilizzarli come alternativa ai cubetti di ghiaccio. Anche le fragole fresche, in primavera, sono una scelta eccellente per guarnire i vostri cocktail Aperol Spritz.

2. Bellini per un vellutato cocktail
Un altro classico, a base di Prosecco, è il Bellini: un cocktail al gusto di pesca che è l’ideale nelle calde notti estive. È una bevanda con origini veneziane e il suo ingrediente principale è il Prosecco. Per prepararlo, dovrete mescolare 4 parti di purea o succo di pesca con 4 parti di Prosecco. Per decorare questo cocktail, utilizzate le pesche fresche. Se riuscite a trovare le pesche bianche, si sposano perfettamente con il Bellini.

3. Cocktail Prosecco al sidro di mele frizzante e piccante
Il sidro, in molti paesi, è una delle bevande più popolari durante le vacanze. Piuttosto di bersi un semplice sidro di mele, perché non preparare un’interessante cocktail di Prosecco per la vostra cena? Per preparare il tuo cocktail, usate il Prosecco Brut di Teresa Rizzi e aggiungete sidro di mele e rum speziato. Guarnite il cocktail con una spicchio di mela.

Ingredienti:
• 1 spicchio di mela Braeburn (per guarnire)
• 120 ml di Prosecco Brut Teresa Rizzi
• 90 ml di Liquore di sidro di mele Journeyman Old Country Goodness
• 90 ml di Rum Captain Morgan Original Spiced Gold
Invece di aggiungere il ghiaccio al cocktail, congelate le fette di mela e usatele per mantenere freschi i vostri originali cocktail di mela.

Con un’innovativo cocktail come aperitivo per la vostra cena, sarete sicuri che il party sarà un successo. Ci sono tre tipi di Prosecco: Brut, Dry e Extra Dry, che potete provare in anticipo per vedere quale utilizzare per queste ricette di cocktail.

 

 

 TAGS:Adami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di GicaAdami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di Gica

Adami Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut Bosco Di Gica

 

 

 TAGS:Valdo Marca Oro Prosecco di Valdobbiadene SuperioreValdo Marca Oro Prosecco di Valdobbiadene Superiore

Valdo Marca Oro Prosecco di Valdobbiadene Superiore

Cocktail a base di vino: le inevitabili dell’estate

 TAGS:undefinedVi state chiedendo cosa bere durante l’estate? Le bevande classiche sono sempre una cosa sicura, come per esempio un bicchiere di vino bianco, di rosato o di rosso fruttato, oppure uno spumante o del vermouth. Però per l’estate i cocktail a base di vino sono anche imprescindibili. 

Il “piscina”, cocktail di champagne con ghiaccio. 3 anni fa, questo cocktail andava di moda: è un cocktail fresco e chic al quale si può aggiungere dei frutti come la fragola, il lampone ma anche della crema di ribes nero.

I cocktail provenienti dal Mediterraneo, come la sangria in Spagna, sono anche di moda. Ecco una ricetta di sangria:

  • 1/2 litro di soda
  • 1L di vino rosso
  • Frutti: 2 pesche, 1 mela, 1 pera, 1/2 ananas, 2 limoni, 2 arance, fragole
  • 1 bicchiere di cognac
  • 4 cucchiai di zucchero
  • Noce moscata e cannella
  • Servire fresco con ghiaccio

In una grande insalatiera, mettere il vino, il soda, il cognac, lo zucchero, la noce moscata, la cannella e poi tutti i frutti tagliati in pezzi. Mettere nel frigorifero durante almeno 3 ore prima del consumo affinché il vino prenda il sapore dei frutti. La sangria può essere fatta anche con dello spumante.

Per gli incondizionati del vino rosato, ecco la ricetta della Margarita con vino rosato:

Inumidire il bordo del bicchiere con la fettina di limone e immergerlo nello zucchero per la decorazione. Mescolare in uno shaker il ghiaccio, il succo di limone, il vino rosato, il triple sec e la tequila. Aggiungere lo zucchero di canna, agitare, servire ed assaggiare!

La nostra selezione:

 TAGS:Chateau Minuty Rose Et Or 2015Chateau Minuty Rose Et Or 2015

Chateau Minuty Rose Et Or 2015

 

 

 TAGS:Whispering Angel Rose 2015Whispering Angel Rose 2015

Whispering Angel Rose 2015

Le migliori bibite per l’aperitivo di un evento aziendale

 TAGS:undefined

Siamo nella stagione degli eventi aziendali, fiere e presentazioni. Quando si effettuano tali eventi, le bibite offerte sono fondamentali, così come il catering, che dev’essere a disposizione di tutti e adattarsi ai diversi gusti.

Per accompagnare gli antipasti piccoli e leggeri, sia freddi che caldi, una buona idea è quella di iniziare con un cocktail di cava. Di solito si serve in coppe, al momento della pausa, come primo contatto con le altre persone.

A seconda del momento in cui viene servito l’aperitivo, è anche importante che ci siano succhi di frutta (due diversi tipi naturali basteranno) e qualche bibita analcolica, visto che può esserci qualcuno con molta sete dopo l’evento aziendale.

Dopo il cocktail di cava, i tavoli devono essere disposti con del vino bianco e vino rosso. Si raccomanda che tali vini siano a basso contenuto di alcol, ma di qualità e con denominazioni di origine del luogo dove ha sede l’evento o l’azienda. E’ sempre meglio che si tratti di vini del luogo, visto che i commensali (fra cui ci sarà sicuramente qualcuno che se ne intende di vino) potranno gustare le specialità di ogni luogo.

Le birre pure devono esserci insieme ai vini, caso mai c’è qualcuno che non vuole o non può bere il vino, inoltre le birre sono molto più rinfrescanti. E’ anche meglio che la birra sia nazionale e artigianale, per dare un tocco diverso e migliore.

Il Vermouth è apprezzato anche in tali atti. Se è bianco, meglio, essendo più elegante e con meno gradazione alcolica. In altre feste di solito si servono cocktail con l’arrivo degli antipasti, possono essere cocktail analcolici, qualcosa che rinfreschi e lasci un buon gusto in bocca, per poi passare al pranzo o ritornare agli eventi aziendali. Invece, servire un cocktail originale con un goccio di alcol è sempre grato ai partecipanti.

In molti eventi aziendali, a seconda del tipo di organizzazione ed evento, è meglio avere le classiche bibite. Un cava prestigioso, una birra famosa del luogo, il vino con una denominazione note o un tipo di cocktail con sapori familiari.

 TAGS:Foss Marai Surfiner Cuvee BrutFoss Marai Surfiner Cuvee Brut

Foss Marai Surfiner Cuvee Brut: un vino spumante de la DO Veneto vinificato con sauvignon e prosecco e 12º di grado alcolico. 

 

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut: un vino spumante con DO Franciacorta delle varietà pinot noir e pinot blanc e con un grado alcolico di 12º.

 

 

Consigli per regalare vino a un matrimonio

 TAGS:undefinedIl regalo più originale di sempre a un matrimonio è del vino. In questo modo possiamo sorprendere la coppia e gli ospiti con vini di vari tipi, molti dei quali magari nessuno ha ancora provato e anche attraverso set più originali o pacchi.

  • Vini in miniatura. Per fornire varietà, possiamo dare agli invitati alla cerimonia diverse miniature di vini, che sono di solito bottiglie da 50 cl provenienti da varie regioni. Si può provare un po ‘di tutto, sia rossi sia bianchi. È un regalo diverso dal solito, inaspettato da parte degli invitati e dei festeggiati.  
  • Vini di qualità. Si possono anche regalare quelle bottiglie dei migliori vini che hanno avuto qualche premio e sono riconosciuti per il loro prestigio. Essi non devono essere per forza costosi, ma è importante presentarli con una bella carta regalo.
  • Pack bottiglie e bicchieri. Le confezioni sono molto amate dagli ospiti. Le confezioni regalo perfette nella forma di mini bottiglie con due bicchieri di vino da abbinare.
  • Vini regionali. Per risaltare la qualità enogastromica della provincia in cui la coppia si sposa, le cantine del luogo possono fare una selezione dei loro vini in piccoli campioni per diffonderli.
  • Bottiglie di design. Si possono anche regalare bottiglie dal disegno originale. Sì, il vino deve essere di una certa qualità, ma ciò che deve essere diverso è la confezione della bottiglia, con varie etichette e colori brillanti.
  • Bottiglie personalizzate. Per la famiglia che ha una buona memoria, le bottiglie di vino possono essere personalizzate. Cioè bisogna ordinare il vino che si desidera per far piacere ai due sposi e applicare poi il disegno che essi desiderano con i loro nomi e foto.

 TAGS:Château Bergat 2009Château Bergat 2009

Château Bergat 2009: un vino rosso con DO Saint-Emilion il cui mosto contiene petit verdot e merlot de 2009 e 12º di gradazione alcolica

 

 

 TAGS:Sassicaia 2010Sassicaia 2010

Sassicaia 2010: un vino rosso con DO Toscana con i migliori grappoli cabernet sauvignon e cabernet franc dell’annata 2010 e 13º d’alcol. 

 

 

10 idee per un aperitivo originale

 TAGS:undefinedLa stagione delle terrazze è iniziata. E così, con il caldo, l’ aperitivo ideale è quello  accompagnato da un buon drink freddo, come un vino rosato, una birra o un’altra bevanda speciale. L’ora del cocktail è di moda, indipendentemente dal luogo in cui ci troviamo. 

  1. Acciughe e Gin. La birra è stato destituita dal gin tonic in ogni situazione. Questi cocktail sono ormai protagonisti a tutte le ore del giorno e posson essere accompagnati da delle classiche alici marinate.
  2. Olive e Martini. Una delle bevande più popolari per l’antipasto era il Martini, soprattutto la domenica come aperitivo. Per fortuna, ora non dobbiamo aspettare la fine della settimana per assaporarlo un ottima mix di Martini Bianco o Rosso e olive.
  3. Vermouth Mancino. Dal classico al un’innovazione. Questo è il vermouth Mancino, che è anche italiano, e lascia note amare e di spezie nella nostra bocca.
  4. Aperitivi sani. Come il culto del corpo e della natura è di moda, niente di meglio che deliziare il vostro palato con alcuni buoni spuntini sani come olive con carote grattugiate o farina d’avena su pane tostato con salmone affumicato. Si accompagnano meglio con vino rosato.
  5. Anguille e birra. Nel nord della Spagna le ‘gulas’ sono aperitivi comuni. Se il nostro portafogli ce lo permette, sono perfette con una birra fresca. 
  6. Palline di formaggio e vino rosso. Qualsiasi aperitivo con formaggio è uno spuntino ideale prima di pranzo. E per l’abbinamento, si sposa bene con vini rossi dal sapore maturo.
  7. Sushi. Gli antipasti possono essere fatti con una varietà di ingredienti. Questo è il caso dei sapori orientali. Ricordarsi di chiedere circa due rotoli di sushi con vino bianco.
  8. Iberici. Nessuno può resistere ai sapori iberici. Sia il prosciutto, la lonza e il chorizo assumono una nuova dimensione quando facciamo lo spuntino. E ‘meglio accompagnarli con birra o vino rosso.
  9. Caviale e champagne. Due alimenti che iniziano con C riempiono i palati più esigenti. Il caviale si prende sempre in eventi particolari con un po ‘di champagne.
  10. Ostriche e vino rosato. Nelle città della Galizia, i frutti di mare vengono utilizzati anche come antipasto. Le ostriche possono essere assunte con cava o con del vino rosato

Per il vostro migliore antipasto, vi suggeriamo la seguente proposta:

2 Antipasti con pesce che ti prenderanno

 TAGS:undefinedGli aperitivi non devono mancara mai, perché sono perfetti per alimentare la pazienza dei tuoi commensali mentre aspettano il cibo. Gli antipasti a base di pesce sono un’opzione salutare e rapida

Alici fritte

Questa ricetta è talmente semplice che si realizza in 40 minuti, ideale per i commensali ed economica.

Ingredienti:

  • 400 grammi di alici fresche
  • 300 millilitri di aceto bianco o mela.
  • 250 millilitri di vino bianco
  • 1 chili piccante
  • Sale a piacere
  • 2 denti d’aglio
  • 1 cipolla fresca
  • Farina
    Olio d’oliva a piacere

Elaborazione:

  1. Pulisci e togli la testa dalle alici, aprile e togli la lisca centrale.
  2. Lava e asciuga le alici con la carta, passale per la farina e friggile in olio caldo.
  3. Metti le alici fritti su uno straccio assorbente e mettile da parte. 
  4. Metti in una pentola dell’aceto, sale, cipolla, chili, aglio e lascia bollire a fuoco forte per poi cucinare a fuoco medio per 3 minuti e poi spegni. 
  5. Metti il tutto sulle alici fino a coprirle e lascia marinare per 12 ore. 
  6. Servi ai tuoi commensali.

Crocchette di granchio e formaggio

È un aperitivo ideale, con livello di difficoltà medio e si può preparare in mezz’ora. Perfetto per 4 commensali.

Ingredienti:

  • 1 chiara d’uovo
  • 30 grammi di burro
  • 45 grammi di farina
  • 1 poco di sale
  • 70 millilitri d’acqua

Per il ripieno di granchio:

  • 120 grammi di carne cotta di granchio
  • 1 dente d’aglio
  • 20 grammi di burro
  • 1 cucchiaio d’olio
  • 1 cucchiaino di paprika
  • Sale a piacere

Per il ripieno di formaggio:

  • 60 grammi di formaggio gruviera
  • Pepe bianco a piacere

Per la salsa:

  • 250 millilitri di latte intero
  • 25 grammi di burro
  • 30 grammi di farina
  • Sale a piacere
  • 1 po di noce moscata

Elaborazione:

  1. Preriscalda il forno a 20 gradi e prepara 2 teglie di burro
  2. Prepara la crema
  3. Colloca la pasta Choux nella teglia
  4. Cucina il tutto nel forno calda, togli e lascia raffreddare.
  5. Prepara una salsa con le quantità indicate e taglia il formaggio in fette grosse
  6. Metti il tutto in una pentola piccola con burro e la carne di granchio per far saltare due minuti e aggiungi poi sale e peperoncino.
  7. Metti la carne di granchio in un’insalatiera per aggiungere metà della salsa e mischiare.
  8. Piazza il gruviera nell’insalatiera 
  9. Imbottisci il tutto con granchio e formaggio.
  10. Metti nel frigo per 15 minuti prima di servire.

E per questi piatti consigliano:

 

 TAGS:Sassicaia 2010Sassicaia 2010

Sassicaia 2010 est un vino rosso Bolgheri Sassicaia è elaborato con cabernet Franc e cabernet Sauvignon de 2010 e 12º di grado alcolico. 

 

 

 TAGS:Sacchetto Pinot Rosa Frizzante RoseSacchetto Pinot Rosa Frizzante Rose

Sacchetto Pinot Rosa Frizzante Rose est un vino spumante con DO Friuli-Venezia Giulia realizato con uve pinot Nero e con un grado alcolico di 11º. 

 

 

*Foto: vayamadrid (flickr)

Lo Spritz. L’ aperitivo alla moda

 - Pochi sanno che il gettonatissimo Spritz, aperitivo in voga in Italia e non solo, ebbe i suoi natali durante l’occupazione austriaca della Serenissima Repubblica di Venezia, avvenuta nel XVIII secolo. Il termine “Spritz” viene infatti dal tedesco e significa “spruzzare”, probabilmente in riferimento alla tecnica di allungare il vino bianco con l’acqua.

Varie modifiche sono poi apportate a questa bevanda fino ad arrivare alla versione attuale che ha preso piede un po’ dovunque. La variante odierna dello Spritz è composta da vino bianco secco allungato con acqua e un bitter (Campari o Aperol) che conferisce alla bevanda un colore rosso arancio.

Ideale da consumare con stuzzichini, formaggi, affettati o patatine, lo Spritz ha ormai assunto i connotati di un vero e proprio rito sociale, vista la sua diffusione. E’ frequente, infatti, che la gente che esce dal lavoro vadi al bar e prenda non più “l’aperitivo” bensì lo “Spritz”, il quale viene inteso come un momento della giornata in cui ci si rilassa dallo stress lavorativo grazie a un alcolico leggero e fresco.

Partendo dal Veneto la cultura dello Spritz si è imposta in tutta Italia, ma non solo. E’ frequente vedere anche in città straniere locali che propongono questo aperitivo. Come, ad esempio, a Barcellona, dove la comunità italiana è tra le più numerose. Lo Spritz si impone anche all’estero come tipica bevanda italiana per prepararsi alla cena ed attrae sempre più persone incuriosite dal suo sapore particolare.

In qualità di aperitivo vero e proprio lo Spritz viene spesso accompagnato da stuzzichini come arachidi, patatine o tramezzini ripieni. Nonostante tutto la sua universalità lo ha imposto anche come bevanda alcolica notturna. E’, infatti, facile vedere gente consumare Spritz durante serate o feste, dalle più esclusive alle più semplici.

Lo Spritz è ormai una bevanda che ha varcato i confini italiani per espandersi in tutto il mondo. E non è più solamente una bevanda alcolica per accompagnare i momenti di svago, bensì assurge a fenomeno culturale vero e proprio.

Per preparare il miglior Spritz, raccomandiamo i seguenti prodotti:

 TAGS:CampariCampari

Campari, il bitter per eccellenza

 

 

 TAGS:Lamberti Santepietre Pinot Grigio Delle Venezie Igt 2008Lamberti Santepietre Pinot Grigio Delle Venezie Igt 2008

Lamberti Santepietre Pinot Grigio Delle Venezie Igt 2008, un bianco gustoso