Tag: alimentazione

I più interessanti musei enogastronomici del mondo

vino, museo, alimentazione, ricette, cucina, curiosità

Se state viaggiando o avete pensato di percorrere una fantastica strada del vino, non potete perdervi questi musei dove il vino e il cibo sono i veri protagonisti. Prendete nota sulla vostra agenda. E godetevi il ​​vino e le prelibatezze di questi musei!

Museo della cultura del vino Vivanco, Spagna

In Spagna, uno dei musei più interessanti sul mondo del vino e anche il più antico è il Museo della Cultura del Vino Vivanco. Catalogato dall’Organizzazione Mondiale del Turismo-ONU come il miglior museo del vino del mondo, vi permette di scoprire fino a 8000 anni di storia con 20.000 opere d’arte. Ci sono autentici reperti archeologici con centinaia di anni di storia e opere più moderne di artisti come Picasso, Sorolla, Juan Gris, Chillida, Barceló, Genovés o Warhol. Ma non è finita qui, infatti il museo vi permetterà di entrare nella cantina, partecipare a degustazioni, conferenze e workshop, e poter vedere 220 varietà di vino provenienti da tutto il mondo.

Museo del vino di Pleven, Bulgaria

Situato all’interno di una grotta, nel parco di Kaylaka, in Bulgaria, è ricco di oggetti legati alla tradizione vitivinicola della città. Essendo in un parco, potrete anche conoscere le piante e i fiori della zona. Nel museo, come in molti altri di questo tipo, è possibile degustare i loro vini.

Museo del Panpepato, Polonia

Non c’è molto vino, ma è un luogo interessante. In Polonia, il Museo del Panpepato (Muzeum Piernika) offre ai visitatori la possibilità di conoscere i rituali e le tradizioni della cottura del pan di zenzero. Non mancano diverse attività, mostre temporanee, esposizioni interattive e la possibilità di partecipare alla cottura del pan di zenzero.

Frietmuseum a Bruges, in Belgio

Forse non sapevate che l’origine delle patatine fritte è in Belgio. Ecco perché qui troviamo questo museo, diviso in tre parti. La storia delle patatine fritte è esposta attraverso l’esposizione di 400 oggetti antichi. C’è anche l’opzione di assaggiare le patate fritte alla fine della visita.

Currywurst Museum, Berlino

Non potrebbe trovarsi altrove, visto che il wurstel della città di Berlino è la currywurst. Fettine sottili di wurstel di Frankfurt con salsa di pomodoro al curry. Nel museo, grazie a supporti interattivi e molto altro, potrete vedere come questo piatto è diventato così popolare. Non dimenticate di provare queste delizie nelle varie bancarelle della città.

 

Abbinamenti d’autunno

  TAGS:undefined

Quando si tratta di abbinamenti d’autunno in Italia c’è l’ alternativa di associare i colori con i sapori ei profumi della penisola. Il colore rosso può essere correlato ai pomodori; il verde al basilico e il bianco alla mozzarella. L’autunno è una stagione ideale per godere di pasti vegetariani. Alcune opzioni sono funghi, tartufi, noci e castagne. Dopo il caldo estivo è possibile godere di nuovo godere di zuppe e polenta.

Durante l’autunno si svolgono anche le feste di tutti i santi e dei morti, dove si servono dolci come i meini, preparati con farina di mais.

Alcune raccomandazioni sono:

Pasta: Gli accoppiamenti svolgono un ruolo importante per godere a pieno dei piatti di stagione e, nel caso della pasta l’autunno è perfetto per le salse per accompagnare i pomodori freschi o funghi. I pomodori freschi sono arrivati in Europa come scoperta dal Nuovo Mondo e per questo l’abbinamento consigliato è un vino come il Merlot Trio composto da Merlot, Carmenère e Shiraz. Perfetti sono anche i vini elaborati dall’uva Shiraz come il Casillero del Diablo Shiraz Rosé. Altri piatti adatti a questi vini sono gli gnocchi alla crema e fungh, i rigatoni alla lepre e marmellata di mirtilli, i cappellacci di zucca e le penne rigate con ragù di agnello, pasta ceci e zucchine.
Per le lasagne consigliamo i vini elaborati dalle uve Cabernet Sauvignon.

Riso: Nel caso del riso la scelta più simbolica per autunno in Italia è probabilmente il risotto. La sua preparazione tradizionale richiede un tipo speciale di riso cotto in brodo. Una delle più famose ricette di risotti è il veneto risi e bisi, cioè riso e piselli, nonché il risotto ai funghi. Per l’abbinamento una buona alternativa è un vino bianco come il Trio Chardonnay e altri vini elaborati con uve Chardonnay, Pinot Grigio e Pinot Bianco.

Dessert: In autunno i dolci da dessert stanno essendo sono i biscotti meini, la schiacciata all’uva (focaccia con le uve tipiche della regione Toscana raccolte nel mese di settembre) la Shwarzplententorte (grano saraceno e torta di mele di grano e mela tipica dell’ Italia settentrionale) e panna cotta (crema di panna di origini piemontesi) per i quali si consiglia un buon vino bianco.

Polenta: La polenta è una ricetta del nord Italia, fatta con farina di mais. Consigliata per l’autunno con i funghi, ha come miglior abbinamento un vino rosso come  i vari Argento Malbec 2014, Mistero Alfredo Roca Syrah 2012 o 2013 Chenin Farms.

Minestre: Uno è la zuppa di ceci e castagne del centro Italia e prodotta con castagne fresche, e l’altra alternativa è il famoso minestrone. Sono perfette con un giovane rosso come un Pinot Nero o  Merlot di un anno.

 

 TAGS:Cà del Bosco Cuvée Prestige BrutCà del Bosco Cuvée Prestige Brut

Cà del Bosco Cuvée Prestige Brut: un vino spumante con DO Franciacorta vinificato sulle varietà pinot noir e pinot blanc e ha un volume di alcol di 12%º.

 

 

 TAGS:Château Léoville Poyferré 2009Château Léoville Poyferré 2009

Château Léoville Poyferré 2009 è un vino rosso con DO Saint-Julien di cantine Château Léoville Poyferré a base di merlot e cabernet franc de 2009 e 14º di gradazione alcolica. 

 

* Immagine: bloggyboulga (flickr)