Tag: acanage vino

Che significa…? Vocaboli francesi (I)

 TAGS:Nel mondo del vino ci sono alcuni termini che non appartengono alla nostra lingua e, talvolta, hanno una pronuncia un po’ strana e non hanno traduzione in italiano ma ciò non significa che non abbiano la loro importanza. Tra di loro ritroviamo molti termini che vengono dalla vicina Francia, paese con una grande cultura del vino. Accompagnaci a scoprire il loro significato.

  • Acanage – termine francese che non ha traduzione in italiano, con il quale si fa riferimento ai fili di ferro che attaccano i ceppi al palo (o traliccio). Questo vocabolo è ampiamente utilizzato nel mondo vitivinicolo.
  • Bouquet – la traduzione letterale di questo termine francese è “ramo” e si riferisce direttamente al profumo del vino acquisito attraverso l’invecchiamento. Si ottiene agitando il calice e lasciandolo riposare per un momento.
  • Château – è una grande residenza francese, di solito collocata in zone di campagna. Ma nell’ambito dell’enologia è un’espressione che si riferisce al termine utilizzato da alcune aziende vinicole di Bordeaux, a prescindere dalla rilevanza di suddetta cantina, da quanto umile sia essa stessa o la sua produzione di vino. Utilizzando questo termine si determina l’indipendenza che ha questa cantina rispetto alle altre della zona. Possiamo incontrare degli “château” anche in altre parti della Francia.
  • Premier cru – è un’espressione che determina la classificazione del vino per qualità e per età ed è quasi sempre utilizzata per i vini originari di Bordeaux. Questo termine è nato dalla necessità di classificare più specificatamente i vini di Bordeaux. Possiamo trovare anche l’espressione “Grand Crus Classés” in riferimento ad un elenco dei migliori vini locali. Cru non ha una traduzione in italiano (letteralmente sarebbe “cresciuto”), ma sarebbe l’equivalente del termine inglese “vintage” che si utilizza per classificare oggetti in base alla loro qualità, storia e antichità. Tale termine si adatta perfettamente al mondo dell’enologia in quanto è usato con lo stesso scopo.
  • Terroir – questo termine deriva dal latino “terratorium” e si utilizza anche in altre lingue per determinare il territorio o il luogo d’origine di qualcosa. Nell’enologia si riferisce alla zona agricola o, meglio ancora, vinicola. Questo termine è usato per determinare la posizione esatta del ceppo originale che è stato utilizzato nella produzione del vino. Poiché si tratta di un modo più preciso per determinare la denominazione di origine, viene utilizzato per determinare sia un vino che la sua viticoltura.