Syrah, colori e sapori di un vitigno

 TAGS:Tra i vitigni più popolari al mondo c’è senza dubbio il Syrah. La sua origine è anche un po’ enigmatica, giacché la si attribuisce a più di un luogo. Per prima cosa parliamo della città di Shiraz, città a nord dell’Iran e, in base a questa teoria, furono i Fenici coloro che la portarono fino in Francia. L’altra teoria sula sua origine è che provenga da Siracusa, in Sicilia (Italia), e da lì venne portata sino a Rodano, luogo in cui si producono uno dei migliori vini di questa uva.

Non possiamo non menzionare il Syrah del “nuovo mondo”. In Australia, infatti, si producono dei vini di buona qualità con questo tipo di uva; e per finire non dobbiamo dimenticare Argentina, California, Cile e Perù, tutti paesi in cui ci sono cantine che danno molta importanza a questo vitigno.

In Spagna il Syrah è una questione a parte, visto che nel paese iberico questo vitigno è coltivato da tempo con risultati che hanno superato ogni aspettativa. Aree come Alicante, Estremadura, Aragona, La Rioja sono solo alcune delle zone specializzate in questo vino.

Conoscere un Syrah

Quest’uva è una di quelle che meglio si presta ad essere mescolata con le altre; il suo aroma ci porta a immaginare frutti di bosco (more) e fiori di viola. Il suo colore è una delle sue virtù principali: è un colore intenso e profondo, un rosso che è molto facile da distinguere grazie alle sue tonalità che danno sul viola scuro e che si potrebbe anche definire molto “vivo”. In bocca, il sapore è quello di un vino robusto e ben strutturato.

L’abbinamento perfetto

Un vino Syrah, è un altro di quei vini che dobbiamo sempre avere in casa. Si abbina bene con antipasti e tartine, formaggi stagionati e carne. Con la pasta al pomodoro ci sta sempre bene, così come con gli stufati di carne. In Argentina, dove la carne arrosto o alla griglia è molto comune, il Syrah è generalmente partner ideale per accompagnarla. La carne di selvaggina come cervo o cinghiale, e tutta la carne rossa al forno in generale, ci sta comunque bene. Per quanto riguarda il pollame, possiamo dire che le carni tipo di tacchino o di anatra, sono buone accompagnate dal Syrah. Per farla breve possiamo dire che sapori forti e Syrah sono alleati di lusso.

Un vino Syrah va servito a temperatura ambiente, tra i 16 ed i 18 gradi. Un vino Syrah giovane è comunque buono, ma vi consigliamo di conservarlo in un luogo fresco e buio, in quanto è uno di quelli che meglio si presta all’invecchiamento.

Lascia un commento Syrah, colori e sapori di un vitigno