Merlot, un’uva soave ed elegante come una donna

 TAGS:L’uva Merlot nasce a Bordeaux (Francia).

Il Merlot è considerato, dopo il Cabernet Sauvignon, il vitigno più diffuso nel mondo. Il nome Merlot deriva dall’espressione francese “petit oiseau noir“, che si traduce in italiano come “merlo”, un uccellino che si nutre proprio col succo di queste uve; grazie alla similitudine tra il colore nero-blu del piumaggio di questo uccello ed i grappoli di questo vitigno, nasce il nome Merlot.

Gran parte dei vini più famosi di Francia vengono prodotti col Merlot ma c’è da dire che oramai con questo vitigno si producono vini anche in Italia, Spagna e parte dell’Europa e del Sud America (Cile e Argentina). I vini prodotti con il Merlot sono di solito di colore “rosso rubino intenso”, di una tonalità leggermente più chiara del Cabernet Sauvignon. Il colore può variare leggermente dalla zona, visto che in alcune aree quest’uva è di solito un po’ più scura e di conseguenza anche vini da essa ottenuti. I vini Merlot più chiari sono di solito anche più leggeri.

I vini Merlot più scuri sono anche i più vecchi, hanno aromi di mora, cassis, ribes, violetta, fumo, pepe e frutti rossi, a volte si può sentire anche un tocco di cannella e chiodi di garofano. Un Merlot è in bocca morbido con un’acidità molto bassa, ha grande finezza ed eleganza, e ciò è dovuto ai suoi tannini grassi solitamente molto vellutati.

Riconoscere un Merlot

Un vino Merlot può essere definito alla vista come un vino morbido ed elegante, di colore rosso rubino intenso con riflessi violacei; chiaramente l’età è un fattore importante per il colore e la morbidezza e dev’essere sempre tenuto in conto. Anche al naso i suoi aromi sono morbidi e quasi sempre di frutti rossi. In bocca l’abbondante presenza di tannini ci ricorda le prugne.

L’abbinamento perfetto

Il Merlot è molto versatile per quanto riguarda l’abbinamento: può essere l’accompagnamento perfetto per piatti di legumi, frutta secca, verdure cotte o arrostite ma è anche ottimo con l’anatra e il coniglio. Anche il pesce e il Merlot si sposano bene, soprattutto se il pesce viene servito con salsa, ma va bene anche con stufati leggeri. I formaggi ideali per questo vino sono certamente quelli semistagionati.

Un Merlot va servito tra i 14 e i 16 gradi, se il vino è stato a lungo in bottiglia o in botte, senza mai dimenticare di decantarlo.

Come vedete, il Merlot non può proprio mancare in casa; grazie alla sua versatilità e al suo buon sapore, così come il suo rapporto qualità-prezzo, è uno dei migliori vini del mondo.

Lascia un commento Merlot, un’uva soave ed elegante come una donna