Il Saké, una bevanda con carattere proprio

 TAGS:undefinedIl Saké è un liquore a base di riso fermentato dal Giappone, e di solito ha i 14 ei 16 gradi di alcool.

Durante il processo di elaborazione del sake il riso deve fermentare, con una conseguente lunga fermentazione del glucosio.

Esiste un tipo di dolcificante chiamato Mirin, che è un saké dal gusto dolce di trama fitta ottenuto dopo un lungo periodo di fermentazione e che viene utilizzato molto nella cucina giapponese.

Molte persone chiamano il vino di riso saké, ma la parola vino viene utilizzata solo per descrivere le bevande a base di uva.

I Saké possono essere suddivisi in:

  • Saké Premium
  • Saké di prima categoria
  • Saké di seconda categoria (senza fermentazione)
  • Sake di terza categoria (senza fermentazione)

Un modo per riconoscere un saké di buona qualità, secondo Iwao, è l’imballaggio. I Saké Premium sono disponibili in confezioni fatte a mano, in legno o in vasi di ceramica, i Saké di prima categoria sono imbottigliati e quelli di seconda e la terza categoria sono disponibili in confezioni di cartone.

Il Saké si divide per il suo sapore secco e fruttato, e può essere consumato come un antipasto freddo a 4º o caldo a 36 ° C.

Secondo la tradizione giapponese, al momento di servire il saké bisogna prima riempire la tazza di ceramica del commensale destinata a questa bevanda, che si chiama choko, prima di riempire la propria. Il modo corretto per prenderlo è di alzare la tazza con la mano destra e lasciarla riposare sulla mano sinistra.

 TAGS:Sake Rashomon 75clSake Rashomon 75cl

Sake Rashomon 75cl

 

 

 TAGS:Sake Nenohi Hanafugetsu Ginjyo 72clSake Nenohi Hanafugetsu Ginjyo 72cl

Sake Nenohi Hanafugetsu Ginjyo 72cl

 

Lascia un commento Il Saké, una bevanda con carattere proprio