Happy New Beer’s Eve!

Il 7 aprile è il National Beer Day negli Stati Uniti, ma i festeggiamenti non si limitano a questa data. Il giorno prima, infatti, si celebra quella che gli americani chiamano New Beer’s Eve, la vigilia della Nuova Birra! Vi state chiedendo quale sia il senso di questa festa? Beh, dobbiamo tornare indietro ai tempi del Proibizionismo.

New Beer's Eve: un passo importante verso la fine del proibizionismo - Uvinum

I tempi bui del Proibizionismo

Ogni amante delle birra che si rispetti dovrebbe conoscere questa storia. Dal 1920 al 1933 ogni bevanda alcolica era assolutamente proibita negli Stati Uniti. L’unica maniera per assaporare una goccia di alcool era quella di rivolgersi a fabbricanti illegali e contrabbandieri, che fecero la loro fortuna in quegli anni. Insomma, quella che era stata pensata come una legge per difendere la morale e l’efficienza sociale si era trasformata in una manna per la criminalità organizzata.

Non solo. Durante i “ruggenti anni venti” si diffusero per tutto il Paese i cosiddetti speakeasy, bar dove si vendevano illegalmente alcolici, si giocava d’azzardo e si consumavano sostanze stupefacenti. Neanche a dirlo, erano i luoghi di ritrovo preferiti dei gangster più pericolosi.

Per il Governo Federale degli Stati Uniti, invece, la prima conseguenza fu la perdita del circa 14% delle sue entrate, che derivavano proprio dalla tassazione degli alcolici. Inoltre, il Bureau of Prohibition, il dipartimento che si occupava della lotta contro l’alcool, richiedeva sempre più risorse in termini di uomini e denaro: nel 1930, ne facevano parte quasi 4.500 agenti, per una spesa che superava i 14 milioni di dollari. A questo si aggiungevano poliziotti, ufficiali della dogana e la guardia costiera.

Un buon momento per farsi una birra

Il 22 marzo 1933 il Presidente Franklin D. Roosevelt firmò la legge Cullen-Harrison, che legalizzava la vendita di birra con un contenuto alcolico pari o inferiore al 3,2% Vol. All’epoca si pensava, forse ingenuamente, che questo livello di alcool era troppo basso per dare effetti tossici. La leggenda vuole che, al momento della firma, il presidente Roosevelt pronunciò la famosa frase “sarebbe un buon momento per bere una birra”. Una battuta da film americano!

Mito o no, la legge entrò in vigore il 7 aprile. Il giorno prima, milioni di americani si misero in fila davanti a pub e bar, aspettando che scoccasse la mezzanotte per gustare le prime birre legali dopo 13 anni di astinenza. Non sorprende che solo nelle prime 24 ore dopo la fine del divieto siano stati consumati circa 1,5 milioni di barili di birra.

Il Proibizionismo terminò ufficialmente il 5 dicembre 1933 con la ratifica del XXI Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d’America. Gli americani poterono finalmente tornare a bere bevande alcoliche regolarmente tassate, i bar illegali chiusero i battenti, si crearono più di un milione di nuovi posti di lavoro e la criminalità perse numerose entrate. Era davvero la fine di un’epoca buia.

Come non unirsi ai festeggiamenti? Ecco la nostra selezione di birre:

Lascia un commento Happy New Beer’s Eve!