Cos’è il vino vegano?

Siamo nel 2018. I consumatori, in particolare la generazione Y, conosciuta anche come Millennial, prestano particolare attenzione a una dieta rispettosa dell’ambiente. Inoltre, il veganismo non è più solo una tendenza, ma una scelta di vita. Il mercato vegano è in piena espansione.


In Gran Bretagna, Italia e Stati Uniti si stima che tra il 10 e il 13% della popolazione è vegan o vegetariana, e in Spagna la tendenza è in aumento: un 7,8% della popolazione è veggie (include vegetariani, semi-vegetariani e vegani). Perciò, sempre più viticoltori di alto livello prendono in considerazione questo mercato di nicchia e si specializzano nella produzione di vini vegani per soddisfare le nuove generazioni.

Il vino è un prodotto vegetale! Ma perché il vino non è vegano?

Uvinum ha la risposta!

Prodotti di origine animale nel vino

I vini non sono solitamente vegani, poiché per chiarificare il vino si devono usare prodotti di origine animale come caseina, gelatina o albume. Sono utilizzati per ridurre le fecce nel vino, piccole particelle che provengono dalla polpa o dalla buccia dell’uva e possono avere un effetto negativo sul vino. Attraverso l’uso di prodotti di origine animale, queste sostanze affondano più rapidamente nel deposito, facilitando così la chiarificazione del vino.

In alcuni casi i chiarificatori di origine animale aiutano a neutralizzare il gusto di alcune varietà, che con la colatura prenderebbero un forte sapore amaro dai tannini. Con il loro aiuto, l’eccesso tannico delle bucce viene neutralizzato e il gusto del vino diventa appropriato per il nostro palato.

Ma, sfortunatamente, non è così per le persone che seguono una dieta vegana

Alternative vegane nella vinificazione

Nella produzione di vini vegani, gli enologi hanno sfruttato la loro creatività per trovare un prodotto vegetale che aiuti a chiarificare il vino. Semplicemente le proteine ​​animali vengono sostituite da proteine ​​vegetali, la cui origine sono cereali come il grano o legumi come i piselli. Grazie a questi ingredienti, le fecce vengono filtrate e il vino risulta pulito.

Un’altra soluzione per la vinificazione vegana è il terreno minerale. La bentonite, per esempio, è una cenere vulcanica che aiuta a chiarificare il vino. Il carbone attivo è usato per correggere difetti nel sapore.

Nel caso del vino vegano, la produzione del vino richiede più tempo a causa delle complesse procedure vegane. Ma, con l’obiettivo di raggiungere un cliente finale soddisfatto, il viticoltore accetta felicemente un più alto livello di complessità.

Come riconoscere il vino vegano?

È molto semplice! Dai un’occhiata alle bottiglie. Esiste un’etichetta speciale dell’Unione Vegetariana Europea che fornisce agli alimenti di tutta Europa un marchio di qualità vegana. Quando vedrai questa etichetta, avrai la piena garanzia di essere di fronte a un vino vegano.

Anche su Uvinum abbiamo compilato un elenco di vini vegani per degustare vini senza prodotti di origine animale.

Lascia un commento Cos’è il vino vegano?